Salute 9 Gennaio 2024 12:13

Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali

La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento “Guida alle buone pratiche vaccinali”, con l’obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale

di V.A.
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali

La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento “Guida alle buone pratiche vaccinali”, con l’obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale. “Le vaccinazioni hanno salvato e continueranno a salvare milioni di persone ogni anno in tutto il mondo, rappresentando senza dubbio il più efficace e sicuro strumento di prevenzione a nostra disposizione”, afferma Roberta Siliquini, presidente della SItI. “Il Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) garantisce un’offerta vaccinale di grande valore. Una delle più ampie, complete ed aggiornate del panorama della sanità pubblica internazionale. Affinché questo diritto-opportunità sia concretamente ed agevolmente fruibile da tutti i cittadini – continua – è necessario che i diversi attori del sistema svolgano tutti la loro parte in un’armonica e coerente integrazione sotto la regia ed il coordinamento dei Dipartimenti di Prevenzione“.

Nel documento della SItI una guida con i principi operativi e relative azioni

Il documento descrive l'”anatomia” e la “fisiologia” del Sistema vaccinale italiano assegnando ai Dipartimenti di Prevenzione il ruolo di riferimento per la governance di sistema e declinando e i diversi punti di erogazione centrali e periferici con la definizione di principi operativi e relative azioni, utili a chiarire il ruolo e le responsabilità delle componenti del Sistema vaccinale italiano, compreso quello dei punti vaccinali di maggiore prossimità, come gli ambulatori dei medici di famiglia e le farmacie. Nel contempo, si sottolineano i principi e i riferimenti scientifici e professionali per l’organizzazione, l’implementazione e la valutazione di servizi vaccinali di qualità che garantiscano l’efficientamento del sistema vaccinale italiano, il miglioramento dell’esperienza vaccinale dell’utenza e un complessivo miglioramento delle coperture vaccinali sul territorio nazionale.

I punti chiave individuati dal documento

  • PNPV, LEA E LINEE GUIDA – In ogni Regione e Provincia autonoma italiana garantire le vaccinazioni previste dal PNPV secondo i migliori standard di offerta vaccinale.
  • GOVERNANCE – Assicurare il ruolo di governance delle attività vaccinali attraverso il Dipartimento di Prevenzione competente per il territorio a livello di ciascuna azienda sanitaria.
  • PROSSIMITA’ – MMG E PLS – Facilitare le attività vaccinali attraverso gli ambulatori dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta.
  • PROSSIMITA’ – FARMACIE – Facilitare il progressivo ampliamento dei punti vaccinali di prossimità attraverso le Farmacie e le Case di Comunità.
  • VACCINI IN OSPEDALE – Promuovere le attività vaccinali nei setting ospedalieri, facilitando ogni forma organizzativa che possa assicurare l’avvio del percorso vaccinale nel contesto ospedaliero.
  • VACCINI IN RSA – Promuovere le attività vaccinali nelle RSA/Case di Riposo per garantire la tutela della salute dei soggetti più vulnerabili. COSOMMINISTRAZIONI – Ridurre il fenomeno del dropout e garantire la più rapida protezione possibile limitando le singole somministrazioni e favorendo la somministrazione di più vaccini contemporaneamente.
  • INFORMATIZZAZIONE – Dare accesso all’anagrafe vaccinale regionale a tutti gli operatori sanitari coinvolti e quindi impegnati in attività vaccinale.
  • FORMAZIONE – Formare tutti gli operatori sanitari garantendo una diffusa cultura delle vaccinazioni e attività formative adeguate in relazione al proprio ruolo professionale e quindi agli specifici bisogni formativi, secondo gli obiettivi e le modalità previste dal PNPV vigente.
  • QUALITA’ – Garantire un sistema vaccinale di qualità.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Da Aspher appello contro i cambiamenti climatici: sette azioni per tutelare la salute
ASPHER (Associazione Europea delle Scuole di Sanità Pubblica), a cui afferiscono le 39 Scuole di Igiene e Medicina Preventiva attraverso la Società Italiana d’Igiene ha diffuso una dichiarazione – in sette punti – che stimola le Istituzioni ad azioni immediate per i cambiamenti climatici, al fine di tutelare la salute delle popolazioni umane e degli ecosistemi e preservare il futuro del nostro Pianeta
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
Appello Società Italiana di Igiene alle Regioni: «Approvare presto piano vaccinale 2023-2025»
La Società Italiana di Igiene Medicina Preventiva e Sanità Pubblica rivolge un appello alla Conferenza Stato Regioni, per l'approvazione del nuovo Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2023-2025. Obiettivo garantire, nel più breve tempo possibile, l’uniforme erogazione dell’offerta vaccinale in tutto il Paese a beneficio di tutti i cittadini, nonché mettere gli operatori della Sanità Pubblica nelle condizioni di operare al meglio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...