Salute 6 Ottobre 2020

Influenza, Ordini dei medici avviano tavolo in Lazio sulla vaccinazione in farmacia

In Lazio ci sarà un tavolo regionale per discutere dei vaccini antinfluenzali in farmacia. Per Magi (Omceo Roma) e Anelli (Fnomceo) deve restare atto medico, ma necessarie ulteriori strutture

Immagine articolo

«Siamo d’accordo con l’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato, avendo già calendarizzato un incontro, d’istituire un tavolo regionale sul tema vaccinazioni in farmacia al quale parteciperanno tutte le figure professionali di riferimento». Lo riferisce il presidente dell’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Roma, Antonio Magi che oggi, insieme a presidente della federazione nazionale degli Ordini (Fnomceo), Filippo Anelli, ha incontrato l’assessore D’Amato, a cui i due presidenti hanno ribadito la contrarietà alla proposta di vaccinare in farmacia ricordando che l’attuale normativa vieta la presenza dei medici in questi presidi.

MAGI E ANELLI: «VACCINAZIONE RESTA ATTO MEDICO»

Allo stesso tempo Maggi e Anelli hanno però aggiunto di essere «d’accordo con la Regione sulla necessità di ampliare l’offerta tutelando operatori e cittadini», proponendo l’uso di poliambulatori, ospedali e postazioni di guardia medica. I due presidenti hanno ricordato all’assessore del Lazio che «la vaccinazione è e resta un atto medico. In quanto tale dunque deve essere fatta da un medico e la legge impedisce la presenza di quest’ultimo in farmacia. L’assessore ha compreso e ha condiviso le nostre obiezioni».

A DISPOSIZIONE ANCHE POLIAMBULATORI E OSPEDALI

Pertanto, vista la necessità di ampliare l’offerta vaccinale, di concerto con l’assessorato alla salute della Regione Lazio abbiamo pensato di mettere a disposizione della popolazione – oltre agli studi dei pediatri di libera scelta, dei medici di medicina generale e dei centri vaccinali – anche le strutture dei medici di continuità assistenziale, i poliambulatori territoriali e gli ospedali in modo da garantire al cittadino una vaccinazione in assoluta sicurezza», ha aggiunto Magi in una nota.

«Per aumentare ulteriormente l’offerta vaccinale e ad integrazione di quanto già detto assieme all’assessore D’Amato abbiamo quindi valutato l’esistenza di altre possibili soluzioni in aggiunta alle Uscar (Unità speciali di continuità assistenziale regionali) in modo da garantire la sicurezza agli operatori sanitari ed evitare disservizi alla popolazione», ha concluso.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Covid-19, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Servono misure eccezionali per far fronte alla situazione»
«Quello che sta accadendo è la prova provata che non si sta investendo nella medicina territoriale e neanche nei dipartimenti di prevenzione cioè quelli che si occupano di igiene pubblica» dichiara in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario generale della Cisl Medici Lazio. «Vorremmo che qualcuno ci spiegasse a cosa serve fare migliaia di tamponi se […]
Microteam e multidisciplinarietà: le idee di medici e infermieri per la medicina territoriale
In audizione al Senato, sia la Federazione degli Ordini dei Medici che quella degli Infermieri hanno presentato le loro idee per rispondere alla domanda di salute presente e futura del Paese
Roma, nasce Commissione OMCeO su ruoli e competenze in ambito nutrizionale
«Il medico è l'unico formato per valutare la complessità di un quadro clinico-nutrizionale, individuare forme di patologia sub-cliniche ed evitare che la prescrizione di un regime nutrizionale peggiori una condizione esistente come disturbi epatici, renali, oncologici» sottolinea Maurizio Muscaritoli, Presidente SINuC
FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni
Il presidente Anelli invita a usare l'esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore
Anelli (FNOMCeO): «I cittadini dovrebbero seguire un auto-lockdown gentile»
Il presidente FNOMCeO: «Piccole rinunce sono ora un grande strumento per ridurre il contagio. Usiamo strumenti per restare sociali ma non usciamo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...