Salute 6 Ottobre 2020 14:00

Influenza, Ordini dei medici avviano tavolo in Lazio sulla vaccinazione in farmacia

In Lazio ci sarà un tavolo regionale per discutere dei vaccini antinfluenzali in farmacia. Per Magi (Omceo Roma) e Anelli (Fnomceo) deve restare atto medico, ma necessarie ulteriori strutture

Influenza, Ordini dei medici avviano tavolo in Lazio sulla vaccinazione in farmacia

«Siamo d’accordo con l’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato, avendo già calendarizzato un incontro, d’istituire un tavolo regionale sul tema vaccinazioni in farmacia al quale parteciperanno tutte le figure professionali di riferimento». Lo riferisce il presidente dell’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Roma, Antonio Magi che oggi, insieme a presidente della federazione nazionale degli Ordini (Fnomceo), Filippo Anelli, ha incontrato l’assessore D’Amato, a cui i due presidenti hanno ribadito la contrarietà alla proposta di vaccinare in farmacia ricordando che l’attuale normativa vieta la presenza dei medici in questi presidi.

MAGI E ANELLI: «VACCINAZIONE RESTA ATTO MEDICO»

Allo stesso tempo Maggi e Anelli hanno però aggiunto di essere «d’accordo con la Regione sulla necessità di ampliare l’offerta tutelando operatori e cittadini», proponendo l’uso di poliambulatori, ospedali e postazioni di guardia medica. I due presidenti hanno ricordato all’assessore del Lazio che «la vaccinazione è e resta un atto medico. In quanto tale dunque deve essere fatta da un medico e la legge impedisce la presenza di quest’ultimo in farmacia. L’assessore ha compreso e ha condiviso le nostre obiezioni».

A DISPOSIZIONE ANCHE POLIAMBULATORI E OSPEDALI

Pertanto, vista la necessità di ampliare l’offerta vaccinale, di concerto con l’assessorato alla salute della Regione Lazio abbiamo pensato di mettere a disposizione della popolazione – oltre agli studi dei pediatri di libera scelta, dei medici di medicina generale e dei centri vaccinali – anche le strutture dei medici di continuità assistenziale, i poliambulatori territoriali e gli ospedali in modo da garantire al cittadino una vaccinazione in assoluta sicurezza», ha aggiunto Magi in una nota.

«Per aumentare ulteriormente l’offerta vaccinale e ad integrazione di quanto già detto assieme all’assessore D’Amato abbiamo quindi valutato l’esistenza di altre possibili soluzioni in aggiunta alle Uscar (Unità speciali di continuità assistenziale regionali) in modo da garantire la sicurezza agli operatori sanitari ed evitare disservizi alla popolazione», ha concluso.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Anelli (Fnomceo): «Apriamo la questione medica. Disagio intollerabile in tutte le componenti della Professione»
La durata semestrale del green pass impedirebbe ai medici, vaccinati a gennaio, di spostarsi e accedere ai servizi. Anelli: «Chiediamo confronto aperto, permanente, diretto al ministro Speranza»
Vaccini, l’Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca
La Commissione europea non ha rinnovato, per ora, l'ordine di vaccini anti-Covid ad AstraZeneca. «Vedremo cosa succederà» ha dichiarato Thierry Breton. Il Lazio pensa agli Open day vaccinali per smaltire le dosi
Covid-19, emesso francobollo dedicato alle professioni sanitarie
Il Ministro dello Sviluppo economico Giorgetti: «Riconoscimento a impegno e dedizione nella lotta al virus»
Corso Medicina Generale 20-23, la prova per 101 posti nel Lazio
Oltre mille medici alla Fiera di Roma per il concorso di accesso al corso di formazione in Medicina Generale del Lazio. Cardiologia e infettivologia le materie dominanti. Tamponi obbligatori, anche per i vaccinati
Sequestro mascherine, Cisl Medici Lazio: «Nostre richieste rimaste inascoltate»
«La Cisl Medici Lazio ha notizia che a seguito del decreto di sequestro della Guardia di Finanza di Gorizia le Asl e le Aziende ospedaliere del Lazio stanno in queste provvedendo all’urgente ritiro di alcune tipologie di mascherine, alla immediata sospensione dell’utilizzo delle stesse e alla riconsegna di tali mascherine ai magazzini». È quanto si […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 maggio, sono 158.957.229 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.303.877 i decessi. Ad oggi, oltre 1,30 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco