Salute 6 Ottobre 2020

Influenza, Ordini dei medici avviano tavolo in Lazio sulla vaccinazione in farmacia

In Lazio ci sarà un tavolo regionale per discutere dei vaccini antinfluenzali in farmacia. Per Magi (Omceo Roma) e Anelli (Fnomceo) deve restare atto medico, ma necessarie ulteriori strutture

Influenza, Ordini dei medici avviano tavolo in Lazio sulla vaccinazione in farmacia

«Siamo d’accordo con l’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato, avendo già calendarizzato un incontro, d’istituire un tavolo regionale sul tema vaccinazioni in farmacia al quale parteciperanno tutte le figure professionali di riferimento». Lo riferisce il presidente dell’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Roma, Antonio Magi che oggi, insieme a presidente della federazione nazionale degli Ordini (Fnomceo), Filippo Anelli, ha incontrato l’assessore D’Amato, a cui i due presidenti hanno ribadito la contrarietà alla proposta di vaccinare in farmacia ricordando che l’attuale normativa vieta la presenza dei medici in questi presidi.

MAGI E ANELLI: «VACCINAZIONE RESTA ATTO MEDICO»

Allo stesso tempo Maggi e Anelli hanno però aggiunto di essere «d’accordo con la Regione sulla necessità di ampliare l’offerta tutelando operatori e cittadini», proponendo l’uso di poliambulatori, ospedali e postazioni di guardia medica. I due presidenti hanno ricordato all’assessore del Lazio che «la vaccinazione è e resta un atto medico. In quanto tale dunque deve essere fatta da un medico e la legge impedisce la presenza di quest’ultimo in farmacia. L’assessore ha compreso e ha condiviso le nostre obiezioni».

A DISPOSIZIONE ANCHE POLIAMBULATORI E OSPEDALI

Pertanto, vista la necessità di ampliare l’offerta vaccinale, di concerto con l’assessorato alla salute della Regione Lazio abbiamo pensato di mettere a disposizione della popolazione – oltre agli studi dei pediatri di libera scelta, dei medici di medicina generale e dei centri vaccinali – anche le strutture dei medici di continuità assistenziale, i poliambulatori territoriali e gli ospedali in modo da garantire al cittadino una vaccinazione in assoluta sicurezza», ha aggiunto Magi in una nota.

«Per aumentare ulteriormente l’offerta vaccinale e ad integrazione di quanto già detto assieme all’assessore D’Amato abbiamo quindi valutato l’esistenza di altre possibili soluzioni in aggiunta alle Uscar (Unità speciali di continuità assistenziale regionali) in modo da garantire la sicurezza agli operatori sanitari ed evitare disservizi alla popolazione», ha concluso.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Vacanze di Natale, Fnomceo: «Non si ripetano gli errori dell’estate, siamo preoccupati»
Dal presidente Fnomceo Anelli: «I decessi e i contagi tra i medici hanno ricominciato a salire. Siamo tutti coinvolti in questa partita, solo impegnandoci nella stessa direzione possiamo abbassare la curva»
Covid, l’annuncio di Fnomceo: «Medici morti oltre soglia 200»
Si aggiungono due professionisti da Foggia e uno da Isernia. Anelli (Fnomceo): «La sicurezza è un diritto dei lavoratori»
Tar Lazio: «Visite domiciliari a malati Covid compito esclusivo delle Usca». Le reazioni
La sentenza accoglie in parte il ricorso di Smi: le visite domiciliari ai malati Covid non dovrebbero essere compito dei medici di famiglia. Appoggio anche da FNOMCeO, che ricorda i morti per mancanza di protezioni. Contraria l'Unità di Crisi Lazio
Elezioni Ordini delle professioni sanitarie: tra sospensioni e proroghe, regna il caos. Le reazioni delle Federazioni
Ordini di medici, infermieri, ostetriche, veterinari e tecnici sanitari stanno affrontando in modo diverso la raccomandazione arrivata dal Ministero della Salute di sospendere i procedimenti elettorali o di garantirli per via telematica. Ecco cosa sta succedendo
Carenza personale, Cisl Medici Lazio alla Regione: «Aprire urgente tavolo di confronto»
Il sindacato invia lettera all'assessore alla sanità della regione Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli