Politica 7 Ottobre 2020 11:41

Il Cdm approva proroga dello stato di emergenza e mascherine obbligatorie all’aperto

Anche il Cdm dice sì allo stato di emergenza fino a gennaio 2021. Prorogato il Dpcm Settembre fino al 15 ottobre, mascherine all’aperto da subito

Il Cdm approva proroga dello stato di emergenza e mascherine obbligatorie all’aperto

Il Consiglio dei ministri ha approvato, con una delibera, la proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021. Lo hanno fatto sapere fonti di governo, al termine del Cdm. Il decreto Covid, approvato oggi dal governo, proroga il Dpcm attualmente esistente (in vigore dal 7 settembre) fino al 15 ottobre. In più, viene reso immediato da subito l’obbligo di indossare mascherine all’aperto in presenza di non conviventi.

«Obbligo di indossarla in tutti i luoghi all’aperto ad eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi» è la precisazione del ministero. Le multe, come anticipato da Campania, Calabria e Lazio, varieranno da 400 a 1000 euro

COSA È SUCCESSO ALLA CAMERA

Stamattina è stata approvata anche dalla Camera, dopo il sì in Senato, la risoluzione di maggioranza per la proroga dello stato di emergenza Covid-19 fino al 31 gennaio 2021. I voti a favore sono stati 253, tre i contrari. I deputati in missione, compresi quelli in isolamento, erano 120 (con abbassamento anche del numero legale).

Il voto, che doveva avvenire già ieri sera, è stato rimandato a questa mattina per via di una mancanza del numero legale dei deputati al momento delle votazioni. Ieri erano 41 i deputati della maggioranza assenti perché in isolamento fiduciario dopo le due positività Covid registrate.

La seduta è stata quindi sospesa in favore della convocazione dei capigruppo: qui i presidenti dei gruppo di maggioranza hanno richiamato i parlamentari. Chiedendo di considerare in missione, e quindi in assenza giustificata, anche gli assenti in quarantena. La seduta è quindi ripresa ma per una seconda volta, per otto voti, è mancato il numero legale. Da qui il rinvio a questa mattina, con conseguente protesta dell’opposizione.

SPERANZA: «EMERGENZA NON È FINITA»

Parlando ieri della necessità di ribadire lo stato di emergenza, il ministro della Salute Roberto Speranza ha affermato: «I risultati ottenuti dall’Italia sul fronte della lotta a Covid-19 non sono acquisiti per sempre». «La sfida – ha continuato nelle comunicazioni alla Camera – è aperta e tutto si rimette in discussione ogni giorno. Per questo bisogna insistere e continuare su quella linea della prudenza che finora credo ci abbia guidato».

«È questa la ragione di fondo – ha concluso – per cui il Presidente del Consiglio ha già annunciato pubblicamente che la valutazione del Governo va nella direzione di una continuità rispetto allo Stato di emergenza fino al 31 di gennaio. Io credo personalmente che questa valutazione sia semplicemente corrispondente allo stato reale del Paese: l’emergenza non è finita, questa è la semplice verità con cui dobbiamo fare i conti».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Dalla farmacologia alla formazione, l’importanza della medicina di genere
Al Senato convegno organizzato dalla dem Paola Boldrini dal titolo “Idee in pratica: per una sanità attenta alle differenze di sesso e genere”. Brusaferro: «La pandemia ci ha mostrato come ci siano differenze significative tra uomo e donna in termini di salute e malattia». Speranza: «Spazio per investimento strategico»
Salute mentale, lauree abilitanti e tutela delle persone sorde: la settimana in Parlamento
Palazzo Madama esaminerà due importanti decreti in scadenza, quello sulla Ripresa delle attività economiche e quello sul Fondo complementare Piano nazionale ripresa e resilienza. In Commissione Affari Sociali spazio ai Ddl su defibrillatori automatici e semiautomatici, immunodeficienze congenite e budget di salute. A Montecitorio esame del Testo unico sui ricercatori universitari
Rete Registro Tumori, M5S a Speranza: «Subito decreto attuativo per istituzione referto epidemiologico»
La capogruppo del Movimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità del Senato, Elisa Pirro, chiede inoltre quale sede fisica si intenda individuare per ospitare il registro tumori nazionale
Laurea abilitante, psicologo delle cure primarie e Dl Riaperture: la settimana in Parlamento
Le Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali, dopo il via libera di Montecitorio, sono attese al Senato. In Commissione Cultura si vota sul Ddl titoli universitari abilitanti. Audizioni di Cozzoli, Cricelli e Sileri in Commissione Sanità
Malattie Rare, On. Bologna: «Ecco cosa prevede il Testo Unico»
Intervista alla prima firmataria del Disegno di legge: «Unificazione di cure e trattamenti a livello nazionale, aggiornamento dei Lea e contributi alla ricerca»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM