Politica 7 Ottobre 2020

Il Cdm approva proroga dello stato di emergenza e mascherine obbligatorie all’aperto

Anche il Cdm dice sì allo stato di emergenza fino a gennaio 2021. Prorogato il Dpcm Settembre fino al 15 ottobre, mascherine all’aperto da subito

Immagine articolo

Il Consiglio dei ministri ha approvato, con una delibera, la proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021. Lo hanno fatto sapere fonti di governo, al termine del Cdm. Il decreto Covid, approvato oggi dal governo, proroga il Dpcm attualmente esistente (in vigore dal 7 settembre) fino al 15 ottobre. In più, viene reso immediato da subito l’obbligo di indossare mascherine all’aperto in presenza di non conviventi.

«Obbligo di indossarla in tutti i luoghi all’aperto ad eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi» è la precisazione del ministero. Le multe, come anticipato da Campania, Calabria e Lazio, varieranno da 400 a 1000 euro

COSA È SUCCESSO ALLA CAMERA

Stamattina è stata approvata anche dalla Camera, dopo il sì in Senato, la risoluzione di maggioranza per la proroga dello stato di emergenza Covid-19 fino al 31 gennaio 2021. I voti a favore sono stati 253, tre i contrari. I deputati in missione, compresi quelli in isolamento, erano 120 (con abbassamento anche del numero legale).

Il voto, che doveva avvenire già ieri sera, è stato rimandato a questa mattina per via di una mancanza del numero legale dei deputati al momento delle votazioni. Ieri erano 41 i deputati della maggioranza assenti perché in isolamento fiduciario dopo le due positività Covid registrate.

La seduta è stata quindi sospesa in favore della convocazione dei capigruppo: qui i presidenti dei gruppo di maggioranza hanno richiamato i parlamentari. Chiedendo di considerare in missione, e quindi in assenza giustificata, anche gli assenti in quarantena. La seduta è quindi ripresa ma per una seconda volta, per otto voti, è mancato il numero legale. Da qui il rinvio a questa mattina, con conseguente protesta dell’opposizione.

SPERANZA: «EMERGENZA NON È FINITA»

Parlando ieri della necessità di ribadire lo stato di emergenza, il ministro della Salute Roberto Speranza ha affermato: «I risultati ottenuti dall’Italia sul fronte della lotta a Covid-19 non sono acquisiti per sempre». «La sfida – ha continuato nelle comunicazioni alla Camera – è aperta e tutto si rimette in discussione ogni giorno. Per questo bisogna insistere e continuare su quella linea della prudenza che finora credo ci abbia guidato».

«È questa la ragione di fondo – ha concluso – per cui il Presidente del Consiglio ha già annunciato pubblicamente che la valutazione del Governo va nella direzione di una continuità rispetto allo Stato di emergenza fino al 31 di gennaio. Io credo personalmente che questa valutazione sia semplicemente corrispondente allo stato reale del Paese: l’emergenza non è finita, questa è la semplice verità con cui dobbiamo fare i conti».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Epatite C, interrogazione Rostan (IV) al ministro Speranza: «Calo trattamenti del 65% causa Covid. Approvare Fondo per il contrasto a HCV»
«Non può essere tollerato, anche di fronte a un’emergenza grave come quella che stiamo vivendo, che esistano malati di serie A e malati di serie B» sottolinea la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Eutanasia, FNOPI e FNOMCeO alla Camera: «Medici e infermieri devono potersi attenere ai loro Codici deontologici»
Alla Camera sono riprese le audizioni sulla legge in materia di rifiuto dei trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia. Tra le richieste della Federazione degli Ordini dei Medici l’affidamento della certificazione dello stato clinico del richiedente a team professionali medici e l’attuazione omogenea della legge sulle Cure Palliative
Recovery Fund, i piani di Speranza corrispondono alle richieste dei protagonisti della sanità?
Sul Recovery Fund c'è un progetto diviso in cinque tappe fondamentali di cui il ministro Speranza parla da mesi. Sanità Informazione ha confrontato le richieste dei protagonisti della sanità e verificato corrispondenze e discrepanze
Giornata delle persone anziane. Mattarella: «Sgomento per le tante morti»
1 ottobre dedicato agli anziani. Il presidente Mattarella e il ministro Speranza invitano a non dimenticarli e a prendersene cura
Recovery Fund, Speranza al Senato: «Casa sia primo luogo di cura. Tra priorità rafforzamento IRCCS e ospedali green»
Il Ministro della Salute Roberto Speranza ha illustrato al Senato le linee generali del piano per la sanità: c’è tempo fino ai primi di gennaio. «Coinvolgeremo anche sindacati, Ordini professionali e imprese nella stesura» ha sottolineato. Il rafforzamento della sanità territoriale al centro: «Investimenti su hospice, ospedali di comunità e RSA»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 ottobre, sono 39.965.414 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.113.307 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...