Politica 7 Ottobre 2020 11:41

Il Cdm approva proroga dello stato di emergenza e mascherine obbligatorie all’aperto

Anche il Cdm dice sì allo stato di emergenza fino a gennaio 2021. Prorogato il Dpcm Settembre fino al 15 ottobre, mascherine all’aperto da subito

Il Cdm approva proroga dello stato di emergenza e mascherine obbligatorie all’aperto

Il Consiglio dei ministri ha approvato, con una delibera, la proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021. Lo hanno fatto sapere fonti di governo, al termine del Cdm. Il decreto Covid, approvato oggi dal governo, proroga il Dpcm attualmente esistente (in vigore dal 7 settembre) fino al 15 ottobre. In più, viene reso immediato da subito l’obbligo di indossare mascherine all’aperto in presenza di non conviventi.

«Obbligo di indossarla in tutti i luoghi all’aperto ad eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi» è la precisazione del ministero. Le multe, come anticipato da Campania, Calabria e Lazio, varieranno da 400 a 1000 euro

COSA È SUCCESSO ALLA CAMERA

Stamattina è stata approvata anche dalla Camera, dopo il sì in Senato, la risoluzione di maggioranza per la proroga dello stato di emergenza Covid-19 fino al 31 gennaio 2021. I voti a favore sono stati 253, tre i contrari. I deputati in missione, compresi quelli in isolamento, erano 120 (con abbassamento anche del numero legale).

Il voto, che doveva avvenire già ieri sera, è stato rimandato a questa mattina per via di una mancanza del numero legale dei deputati al momento delle votazioni. Ieri erano 41 i deputati della maggioranza assenti perché in isolamento fiduciario dopo le due positività Covid registrate.

La seduta è stata quindi sospesa in favore della convocazione dei capigruppo: qui i presidenti dei gruppo di maggioranza hanno richiamato i parlamentari. Chiedendo di considerare in missione, e quindi in assenza giustificata, anche gli assenti in quarantena. La seduta è quindi ripresa ma per una seconda volta, per otto voti, è mancato il numero legale. Da qui il rinvio a questa mattina, con conseguente protesta dell’opposizione.

SPERANZA: «EMERGENZA NON È FINITA»

Parlando ieri della necessità di ribadire lo stato di emergenza, il ministro della Salute Roberto Speranza ha affermato: «I risultati ottenuti dall’Italia sul fronte della lotta a Covid-19 non sono acquisiti per sempre». «La sfida – ha continuato nelle comunicazioni alla Camera – è aperta e tutto si rimette in discussione ogni giorno. Per questo bisogna insistere e continuare su quella linea della prudenza che finora credo ci abbia guidato».

«È questa la ragione di fondo – ha concluso – per cui il Presidente del Consiglio ha già annunciato pubblicamente che la valutazione del Governo va nella direzione di una continuità rispetto allo Stato di emergenza fino al 31 di gennaio. Io credo personalmente che questa valutazione sia semplicemente corrispondente allo stato reale del Paese: l’emergenza non è finita, questa è la semplice verità con cui dobbiamo fare i conti».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Camera e Senato bloccati dalla crisi, Commissioni convocate dopo la conta a Palazzo Madama. La settimana parlamentare
Attesa per il discorso che il premier Giuseppe Conte terrà prima alla Camera e poi al Senato sulla situazione politica: dopo lo strappo di Italia Viva numeri risicati a Palazzo Madama. In Commissione Sanità si esamina il Decreto Legge con le ultime misure per il contenimento del virus e per l’implementazione del Piano vaccini
Covid-19, Speranza alla Camera: «Situazione peggiorata, stato di emergenza fino al 30 aprile. Arancioni Regioni ad alto rischio»
Il titolare della Salute, alla Camera, ha rivolto un appello all’unità: «Teniamo fuori dalla battaglia politica la salute degli italiani». Sarà introdotto il divieto di asporto dai bar dopo le 18 e il divieto di spostamento tra regioni. Sui vaccini: «Con 800mila dosi somministrate siamo i primi in Europa»
Sla, sì unanime della Camera per tre mozioni a sostegno di pazienti e familiari
Ogni anno 2 mila nuove diagnosi di Sclerosi laterale amiotrofica. Governo impegnato a creare Registro nazionale e ad assicurare l'accesso permanente delle associazioni dei pazienti ai tavoli istituzionali. Soddisfatta la deputata della Lega Arianna Lazzarini, la prima a presentare una mozione sul tema: «Maggioranza ed esecutivo si sono impegnati, su questi temi non bisogna dividersi. Ora lotta a burocrazia»
Sclerosi, medicina territoriale e vaccino anti Covid: il Parlamento torna al lavoro dopo la pausa
Continuano i lavori della Commissione Sanità del Senato sull’Affare assegnato sulla medicina territoriale: in audizione i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil. Alla Camera si discute una mozione su un programma di investimenti e misure nel settore sanitario
Parlamento, nella settimana prenatalizia spazio alla Legge di Bilancio. Gli eventi dei prossimi giorni
Montecitorio sarà monopolizzata dalla manovra approdata in Aula il 22 dicembre. A Palazzo Madama di scena il Dl Calabria, già approvato alla Camera. Partono le audizioni in Commissione Affari Sociali sulla proposta di istituzione di una Commissione d'inchiesta sulle cause dello scoppio della pandemia di SARS-CoV-2
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»