Politica 10 Novembre 2022 16:15

Commissioni: al Senato Zaffini (Fdi) a Sanità e Lavoro, alla Camera Cappellacci (Fi) agli Affari sociali

L’ex governatore della Sardegna è il nome indicato da Forza Italia: «Più forza alla famiglia e al diritto alla salute». Al Senato tocca a Francesco Zaffini: «Le priorità: valorizzazione del personale sanitario e stop alle morti sul lavoro»

Commissioni: al Senato Zaffini (Fdi) a Sanità e Lavoro, alla Camera Cappellacci (Fi) agli Affari sociali

Sono Ugo Cappellacci (Forza Italia) e Francesco Zaffini (Fratelli d’Italia) i nuovi presidenti rispettivamente della Commissione Affari sociali alla Camera e della commissione Sanità e Lavoro al Senato. Nessuna sorpresa alle urne, il patto di maggioranza ha retto. Alla Camera i vicepresidenti della commissione sono Luciano Ciocchetti (Fdi) e Luana Zanella (Avs). I segretari sono Carlo Maccari (Fdi) e Paolo Ciani (Pd). Al Senato Le due vicepresidenti della Commissione sono Maria Cristina Cantù (Lega) e Daniela Sbrollini (AZ-IV), mentre i segretari sono Elena Leonardi (FdI) e Ylenia Zambrito (Pd).

Cappellacci, dalla Regione Sardegna alla Affari sociali

Il forzista Ugo Cappellacci, ex governatore della Sardegna, è dunque il nuovo presidente della commissione Affari sociali della Camera dei deputati. Succede alla pentastellata Marialucia Lorefice. Già deputato nella scorsa legislatura, era componente della commissione Esteri. Viene ricandidato alla Camera nel collegio uninominale Sardegna 1 (Cagliari) per il centro-destra, risultando eletto all’uninominale con il 38,11%. Cappellacci, commercialista, è stato assessore alla Programmazione e al Bilancio della Regione Sardegna nella giunta di centrodestra presieduta da Italo Masala dal 2003 al 2004 e poi sempre assessore al Bilancio del comune di Cagliari dal 2004 al 2008. Nel 2009 la candidatura alla presidenza della regione Sardegna e la vittoria con il 51% contro Renato Soru. Nel 2014, però, non riesce a ottenere un secondo mandato sconfitto da Francesco Pigliaru.

«Desidero rivolgere un ringraziamento al presidente Berlusconi per aver indicato il mio nome, ai colleghi del centro-destra per il sostegno e anche alle opposizioni con le quali sono certo che sui temi che andremo ad esaminare sapremo trovare numerosi punti di incontro delle rispettive volontà politiche – ha affermato a caldo Cappellacci -. Ora subito al lavoro per dare risposte sulle emergenze e per dare gambe a quelle azioni fondamentali per restituire alla nostra comunità nazionale quel vivere sociale che è stato gravemente limitato dalla pandemia, per dare più forza al diritto alla salute, alla famiglia in un momento storico in cui c’è un forte bisogno di restituire certezze e punti di riferimento agli italiani».

Zaffini, un politico di lungo corso alla Sanità e Lavoro

Sarà Francesco Zaffini, umbro, a presiedere la commissione Affari sociali, Sanità e Lavoro del Senato, la numero X, nata dall’accorpamento delle vecchie Sanità e Lavoro operata dal nuovo regolamento nato dal taglio del numero dei Parlamentari. Le sue priorità le ha già elencate nel discorso tenuto in occasione della fiducia al governo presieduto da Giorgia Meloni: in Aula ha fatto cenno alla necessità di distribuire i livelli essenziali di assistenza (LEA) in tutto il territorio nazionale e rimettere in fila un sistema efficace ed efficiente di riassorbimento delle prestazioni sospese e delle liste d’attesa. E poi la commissione d’inchiesta sul

Covid, per cui ha già presentato un nuovo disegno di legge in questa Legislatura dopo averlo fatto nella precedente. Altra priorità, le professioni sanitarie all’interno delle quali oggi, secondo Zaffini, si registra grande disagio. C’è poi il tema della riforma della sanità territoriale e la volontà di ridare centralità alla figura del Medico di medicina generale. Nella sua lunga attività politica, è stato consigliere regionale in Umbria prima per Alleanza Nazionale dal 2000 al 2010 e poi per il Popolo delle Libertà. Rieletto senatore con oltre il 45% dei consensi nel collegio di Perugia, è oggi uno dei massimi dirigenti di Fratelli d’Italia, partito a cui ha aderito nel lontano 2013. A Sanità Informazione spiega la sua posizione sulla revisione del Titolo V e le storture provocate dalla regionalizzazione della sanità. «La modifica del Titolo V, operata dal centrosinistra, è stata una cosa elaborata in fretta e furia. Oggi dobbiamo procedere a una operazione di aggiustamento, che non sia però uno stravolgimento. La regionalizzazione della sanità è una cosa importante», spiega.

Sul Covid promuove le prime misure del ministro Orazio Schillaci: «É importante normalizzare la materia del Covid. Oggi la comunità scientifica conosce il virus, abbiamo gli strumenti per normalizzare l’impatto sulla sanità nazionale del Sars-CoV-2». Nella sua commissione troverà due ex sindacaliste, Susanna Camusso e Annamaria Furlan (Pd) e per questo sottolinea: «Vorrei approfittare di questa preziosa presenza per riuscire a mettere un punto fermo su questa via crucis delle morti sul lavoro, non è una cosa da paese civile. Dobbiamo poi lavorare all’integrazione socio-sanitaria che già è una priorità del PNRR. Sul riordino della medicina territoriale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dl Aiuti Ter e proroga Decreto Calabria al centro dei lavori parlamentari
In settimana attesa per l’informativa del ministro dell’Interno Piantedosi sui migranti dopo i fatti di Catania. In commissione Sanità e Lavoro anche la proroga della permanenza in carica dei componenti delle commissioni consultive presso l’AIFA
Parlamento, attesa per l’elezione dei presidenti di commissione
A Palazzo Madama e Montecitorio il giorno fissato è quello di mercoledì 9 novembre, con orari diversi. Al Senato, Sanità e Lavoro sono state accorpate dopo l’adeguamento del regolamento, alla Camera invariata la XII Affari sociali
Numero chiuso, valorizzazione del medico, commissione Covid: parla Andrea Crisanti
Il senatore dem attacca: «Tasso di mortalità elevato perché alcune regioni hanno remato contro le decisioni del governo, ben venga commissione d’inchiesta». Per i medici chiede di rivedere il ‘tetto salariale’ e di essere più flessibili con l’età pensionistica: «Spesso vanno in pensione colleghi al top della loro carriera e professionalità. Perdiamo delle eccellenze e le regaliamo al privato»
In attesa dei presidenti di commissione Parlamento al lavoro sul Dl Aiuti Ter
A Montecitorio approda il decreto varato dal governo Draghi che, tra le altre cose, aumenta il Fondo sanitario nazionale. Previsti anche aiuti una tantum per il caro bollette alle strutture sanitarie private accreditate
Parlamento, nominati gli uffici di presidenza. Attesa per i sottosegretari e le commissioni
Il Governo presieduto da Giorgia Meloni ha giurato al Quirinale, domenica il passaggio di consegne con Mario Draghi. Intanto è stata istituita alla Camera la commissione Speciale che dovrà esaminare il decreto Aiuti ter, per poi mandarlo in Aula, intorno al 7 novembre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa