Covid-19, che fare se...? 7 Giugno 2022 13:18

Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?

Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario

Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?

Da quando è scoppiata la pandemia sono state diffuse svariate fake news che suggeriscono, erroneamente, che l’assunzione di alcolici possa aiutare a distruggere il virus. Non è affatto così e lo hanno ribadito più volte sia l’Organizzazione mondiale della Sanità che l’Istituto superiore di sanità. Il consumo di alcol, infatti, non protegge in alcun modo dal Covid-19:, non distrugge il virus, non impedisce di esserne infettati e non aiuta a contrastare l’infezione.

Gli alcolici compromettono l’attività del sistema immunitario

Al contrario chi fa un consumo dannoso di alcol ha un rischio maggiore di infettarsi o di peggiorare le sue condizioni se già positivo. Il consumo dannoso di alcol, infatti, colpisce tutti i componenti del sistema immunitario. L’alcol causa una riduzione del numero e delle funzioni dei linfociti B e una maggiore produzione di immunoglobuline. Inoltre, altera l’equilibrio tra i diversi linfociti T, ne compromette il numero e il loro funzionamento. Infine, promuove l’apoptosi, ovvero il «suicidio», delle cellule.

L’alcol è un fattore di rischio per la polmonite, anche quella causata da Covid-19

Inoltre l’alcol è un potenziale fattore di rischio per la polmonite anche attraverso altri meccanismi: riduce il tono orofaringeo, aumentando il rischio di aspirazione microbica, e modifica la funzione dei macrofagi alveolari, cellule immunitarie fondamentali contro le infezioni. L’alcol è spesso causa di malnutrizione, una condizione che aumenta il rischio di infezioni e il rischio di non superare bene un’infezione. Inoltre, il consumo di alcolici aumenta il rischio di sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), una delle complicanze più gravi del Covi-19. Infine, non è mai una buona idea mescolare alcol e farmaci, in quanto questo potrebbe renderli meno efficaci oppure potrebbe potenziarne l’effetto tossico e dannoso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Long Covid: rischio sovrastimato? Comunità scientifica divisa
Tracy Beth Høeg dell’Università della California, San Francisco, e il suo team di ricerca hanno affermato che c'è una buona probabilità che il Long Covid sia stato sovrastimato. Le conclusioni del loro lavoro hanno sollevato un polverone di polemiche all'interno della comunità scientifica
Long Covid: più vicini a un test del sangue per la diagnosi
I pazienti con Long Covid presentano chiare differenze nella funzione immunitaria e ormonale rispetto alle persone senza sindrome post-infezione. Questo significa che nel plasma potrebbero esserci molecole specifiche in grado di aiutarci a identificare coloro che hanno il Long Covid da chi no
Long Covid: il rischio aumenta quanto più a lungo dura l’infezione
Anche la durata dell'infezione è un importante fattore predittivo del Long Covid, responsabile della persistenza dei sintomi anche dopo settimane e mesi dalla fine della malattia. A dimostrarlo è uno studio italiano
di V.A.
Covid, ISS: inquinamento aria aumenta infezione e mortalità
Esiste un legame tra incidenza di infezioni da Sars-CoV2, mortalità per Covid-19 ed esposizione di lungo periodo (2016-2019) ad alcuni fra i principali inquinanti atmosferici nel nostro paese, quali il biossido di azoto (NO2) e il particolato atmosferico (PM2.5 e PM10). Lo dimostrano i risultati di EpiCovAir, un progetto epidemiologico nazionale di ricerca su Covid-19 e inquinamento promosso da ISS e ISPRA-SNPA
di Redazione
Malattia di Lyme, più vicini a primo vaccino. Gobbi (Negrar): «Implicazioni importanti»
Tra un paio di anni potrebbe essere disponibile, per la prima volta in assoluto, un vaccino contro la malattia di Lyme. La sperimentazione sull'uomo, attualmente in corso in Svezia, ha dato risultati molto incoraggianti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...