Salute 29 Dicembre 2021 13:00

Abuso di alcol, la pandemia fa vincere i comportamenti virtuosi. Preoccupano gli adolescenti

Ciacci (gastroenterologa): «Alcolici e sovrappeso responsabili delle patologie epatiche del futuro»

Abuso di alcol, la pandemia fa vincere i comportamenti virtuosi. Preoccupano gli adolescenti

Il consumo di alcolici è un trend in continua crescita da anni, in entrambi i sessi e soprattutto nelle fasce d’età più giovani. Eppure, come emerso da una serie di studi, sondaggi e ricerche di marketing, durante la pandemia è stata registrata un’inversione di tendenza, con una riduzione del consumo di bevande alcoliche e, in generale, una rinnovata attenzione verso un’alimentazione corretta.

Di necessità virtù, imposta dalle restrizioni e dal venir meno della possibilità di darsi ad aperitivi e pasti al ristorante? Non solo. Tuttavia, sono soprattutto le nuove generazioni a necessitare di una maggiore consapevolezza rispetto ai rischi derivati dall’abuso di alcolici. Ne abbiamo parlato con la professoressa Carolina Ciacci, Responsabile UOC di Gastroenterologia presso l’AUO S.Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno.

Nel trend in salita la parentesi virtuosa del lockdown

«Insieme al gruppo che coordino, durante il primo lockdown abbiamo preparato un questionario che abbiamo condiviso sui social per capire se e come si stessero modificando le abitudini alimentari degli italiani, paragonando i risultati con i dati in nostro possesso relativi allo stesso modo del 2019. Ebbene – spiega la professoressa – attraverso i 1378 questionari compilati da utenti con età media 40 anni, ci siamo resi conto che la pandemia ha avuto un effetto “salutare” sullo stile di vita adottato dalle persone».

«La paura di ammalarsi ha sicuramente giocato un ruolo inedito nel curare di più l’alimentazione, anche se abbiamo riscontrato una maggior frequenza di disturbi gastrointestinali dovuti probabilmente alla maggiore sedentarietà e al fatto di mangiare mediamente di più. Nonostante ciò, il livello di aumento ponderale medio è stato in generale basso. Questo perché chi non faceva sport prima della pandemia, durante il lockdown ha iniziato a casa con cyclette o tapis roulant, e di pari passo, il consumo di alcol non è aumentato, non tanto per le difficoltà di reperimento, quanto per il venir meno di tutto l’ambito sociale che spesso caratterizza e viene caratterizzato dal consumo di alcolici: aperitivi, cene, discoteche eccetera. In alcuni Paesi dell’Est Europa – aggiunge – si diffuse per un periodo la diceria che i superalcolici avessero un effetto protettivo dal Covid, mentre nel nostro Paese c’è sempre stata una maggiore consapevolezza e cultura dell’alimentazione».

Le nuove generazioni e la futura pandemia di alcoholic liver disease

«Il consumo di alcol e il sovrappeso sono fattori che spesso coesistono – spiega ancora Ciacci – e che determineranno le malattie epatiche del futuro: l’epatite B è stata sconfitta coi vaccini, l’epatite C è gestita con le terapie, mentre l’aumento del consumo di alcolici a livello mondiale soprattutto tra le fasce più giovani porterà inevitabilmente alla diffusione della alcoholic liver disease, con steatosi epatica, epatite alcolica e cirrosi alcolica, che causano a loro volta epatocarcinoma».

«Questo non significa – sottolinea – dover demonizzare completamente gli alcolici: molti studi attestano un effetto protettivo del vino rosso rispetto alle malattie cardiovascolari. L’obiettivo più difficile da raggiungere è educare i giovanissimi ad un consumo moderato di alcolici: il problema non è il bicchiere di rosso a cena o il calice di prosecco nelle ricorrenze, ma l’abuso di superalcolici nascosti nei cocktail insieme a succhi di frutta e altri ingredienti “soft”. Si ritiene – aggiunge la specialista – che oltre il 25% dei liceali italiani consumi almeno una volta alla settimana cocktail alcolici, abitudine che getta le basi per un consumo via via più importante col passare del tempo».

Uomini e donne? Il rischio di sviluppare tumori aumenta in entrambi i sessi

«L’organismo delle donne ha una tolleranza minore all’impatto degli alcolici rispetto all’organismo maschile – afferma Ciacci – ma in entrambi i sessi è presente ugualmente la correlazione tra abuso di alcolici ed insorgenza di tumori, in primis il tumore al pancreas e il cancro gastrico, a carico di esofago e stomaco, che sarebbero neoplasie rare se non fosse per la diffusione del consumo di alcolici. L’alcol è un cancerogeno naturale e la sua frequente associazione al fumo ha da un lato un impatto ancora maggiore sullo sviluppo di neoplasie, dall’altro – conclude – rende difficile quantificare con precisione il fattore di rischio dato rispettivamente dall’uno e dall’altro».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Disuguaglianze in salute, Giuseppe Costa (UniTorino): «Vivere nelle zone più povere delle città fa la differenza»
«In Italia chi è più povero e ha meno risorse e competenze, è più esposto a fattori di rischio per la salute, si ammala prima, più spesso e muore prima». L’intervista al professor Giuseppe Costa, Docente di Salute pubblica all’Università di Torino
Integratori alimentari, Muscaritoli (Sinuc): «Non servono a tutti. Puntare su stile di vita corretto e dieta sana»
Il Presidente Sinuc affida il suo pensiero a Sanità Informazione a margine del convegno "Gli integratori alimentari nell'attuale quadro normativo" che si è svolto al Ministero della salute. «È importante identificare le fasce di popolazione, sia sana che malata, in cui è possibile che la somministrazione dell'integratore abbia un effetto positivo e misurabile sul mantenimento della salute o sulla prevenzione di alcune patologie degenerative»
Tubercolosi e migranti, Galli (Simit): «Il problema sono le condizioni di vita, non il paese di appartenenza»
Massimo Galli, Professore Ordinario Malattie Infettive Università degli Studi di Milano e Presidente della SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali) ha voluto far chiarezza sul contenuto di una sua intervista di qualche giorno fa in cui si parlava di migranti e tubercolosi. Di seguito la precisazione: «Dopo aver constatato che era stato sintetizzato male […]
Migranti, Foad Aodi (AMSI): «Con il rapporto Oms sul “falso mito” che gli immigrati portano malattie, è finita la pacchia degli spot da bar»
Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano […]
Cities changing diabetes blue circle: il villaggio della salute apre in piazza San Silvestro a Roma
In occasione delle manifestazioni della prima Giornata nazionale per la salute e il benessere nelle città, promossa da Health City Institute e Cittadinanzattiva con il patrocinio di Ministero della Salute, ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani e Istituto Superiore di Sanità, il 2 e 3 luglio sarà allestito in Piazza San Silvestro, Roma, il Villaggio […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre