Lavoro 17 Settembre 2020

Covid-19, Vergallo (Aaroi): «Ora degenza in terapia intensiva più breve, ma pazienti gravi come a marzo»

Il Presidente del sindacato degli anestesisti rianimatori: «I fondi europei non siano persi in rivoli non produttivi. Come la medicina di famiglia»

Covid-19, Vergallo (Aaroi): «Ora degenza in terapia intensiva più breve, ma pazienti gravi come a marzo»

Sono 207, al momento, i pazienti affetti da Covid-19 ricoverati in terapia intensiva in Italia. Numeri ben più bassi di marzo e aprile, ma in lieve e costante aumento. Secondo l’analisi indipendente condotta ogni settimana dalla Fondazione GIMBE, dal 9 al 15 settembre i ricoveri in terapia intensiva sono aumentati del 41%. E le condizioni di questi pazienti sono le stesse di coloro che venivano ricoverati in terapia intensiva nei mesi in cui l’Italia ha raggiunto il picco epidemico. I criteri di accesso non sono cambiati: il supporto ventilatorio era ed è indispensabile. Si tratta, com’è ovvio, di pazienti in stato critico. Una differenza però c’è: il tempo medio di degenza in questi reparti è inferiore.

A raccontarci cosa sta avvenendo nelle terapie intensive di tutta Italia è Alessandro Vergallo, Presidente del sindacato degli anestesisti-rianimatori Aaroi-Emac.

RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA, VERGALLO: «NON ABBIAMO SBAGLIATO NULLA»

«Ora siamo in grado di capire meglio se le cure funzionano o no, sappiamo quali strategie terapeutiche mettere in atto. Si tratta da una parte di terapie di supporto e dall’altro di contrasto ai meccanismi patogenetici del virus. Fermo restando – puntualizza Vergallo – che ancora non abbiamo un farmaco specifico contro questo virus».

L’esperienza di questi mesi, quindi, ha insegnato qualcosa. «Ma a marzo-aprile noi non abbiamo sbagliato nulla. Intanto le prime analisi delle ospedalizzazioni dei pazienti contagiati sconfesserebbero che il ricovero sia stato un errore rispetto alla cura sul territorio. E poi è difficile pensare che si potesse far meglio: ci è caduta addosso una valanga».

Ma, secondo Vergallo, la situazione attuale non è da allarme rosso: «L’aumento del numero dei posti letto, compresi quelli in terapia intensiva, ci tranquillizza. Non posso dire di essere ottimista: dobbiamo restare vigili e osservare l’andamento della situazione. Le misure di contenimento sociale hanno contribuito a ridurre fortemente il rischio, e infatti la situazione attuale non ha nulla della drammaticità dei primi mesi, ma sappiamo che via via devono riprendere tutte le attività che sono state rallentate dalla pandemia».

«CORSI FAD HANNO AIUTATO MOLTISSIMO»

Tra le attività che hanno subito uno stop a causa dell’emergenza, anche gli eventi formativi in modalità residenziale. Da qui, l’aumento della fruizione dei corsi online (FAD). Secondo quanto riportato da Consulcesi, leader nel settore della formazione a distanza, tra i professionisti che in questi mesi si sono aggiornati di più sul Covid-19 spiccano proprio gli anestesisti: «Anche io ho dovuto seguire dei corsi FAD per avere delle informazioni corrette e certificate. In questi mesi la formazione a distanza ha aiutato moltissimo tutto il personale sanitario».

«I FONDI DEL RECOVERY PLAN NON SI PERDANO IN RIVOLI NON PRODUTTIVI, COME LA MEDICINA DI FAMIGLIA»

Personale sanitario che ora assiste con attenzione al dibattito sulla destinazione delle risorse che nei prossimi mesi arriveranno dall’Europa e che saranno destinati anche alla sanità: «Le linee guida presentate dal presidente del Consiglio richiedono senz’altro un’analisi più approfondita di quella che al momento ho avuto modo di fare – commenta Vergallo -. Speriamo che i fondi siano destinati ad attività che possano garantire una maggiore sicurezza per i pazienti critici senza prendere rivoli che in passato si sono rivelati non produttivi. E mi riferisco in particolare alla medicina di famiglia, che poi alla fine non ha fatto quello che era in programma».

«ORA VERA PROGRAMMAZIONE DEI FABBISOGNI»

Per Vergallo, la priorità è «dare un impulso ad una vera programmazione dei fabbisogni del personale. In attesa dei frutti dell’aumento dei posti per alcune specialità – continua – bisogna riformare gradualmente il sistema della formazione specialistica per poter considerare colleghi anche gli specializzandi agli ultimi anni di corso», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scudo penale, arriva Ddl con ‘clausola di salvaguardia’ per operatori sanitari. Russo (FI): «Ma non sarà colpo di spugna»
Il parlamentare ha annunciato che, oltre al disegno di legge, presenterà un emendamento alla legge di Bilancio: «Credo sia il tempo giusto per poter garantire questo ombrello di dignità. Ai familiari dei pazienti deceduti per Covid sarà garantito il diritto a chiedere l’eventuale possibile risarcimento»
Fondazione Don Gnocchi, la testimonianza controcorrente di un dipendente: «Esempio di buona sanità»
Antonio Spinelli, da 33 anni professionista nel sociale, racconta i momenti più difficili della pandemia
di Federica Bosco
Covid, il biofisico Bianconi: «Con le “leggi dello sviluppo dei sistemi viventi” abbiamo capito come si muove l’epidemia»
Il biofisico, attraverso studi quantitativi, si è concentrato sulla velocità di crescita o rallentamento dell’epidemia. E, dati alla mano, ha scoperto che il metodo applicato in Oriente, il “Case Finding and Mobile Tracing”, è molto più efficace nel contenimento dell’epidemia rispetto al “Lockdown Stop and Go”
Vacanze natalizie, cosa succederebbe in Europa se venissero eliminate le restrizioni? Lo scenario dell’ECDC
Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha stilato un report in cui mette in guardia i governi Ue dall’allentare la presa. Il Premier Conte: «Vacanze sulla neve impensabili ma sì allo scambio dei doni»
La stanza dove abbracciarsi non è vietato: «Migliora umore e benessere di anziani e disabili»
La struttura è stata realizzata all’interno della Rsa Domenico Sartori, a Castelfranco Veneto. La direttrice: «In pochi giorni è migliorato il tono dell’umore e il benessere di tutti i nostri ospiti, anziani e disabili. L’abbiamo ideata pensando alle incubatrici che proteggono i bambini prematuri senza sottrarli all’affetto dei propri genitori»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli