Lavoro 17 Settembre 2020

Covid-19, Vergallo (Aaroi): «Ora degenza in terapia intensiva più breve, ma pazienti gravi come a marzo»

Il Presidente del sindacato degli anestesisti rianimatori: «I fondi europei non siano persi in rivoli non produttivi. Come la medicina di famiglia»

Immagine articolo

Sono 207, al momento, i pazienti affetti da Covid-19 ricoverati in terapia intensiva in Italia. Numeri ben più bassi di marzo e aprile, ma in lieve e costante aumento. Secondo l’analisi indipendente condotta ogni settimana dalla Fondazione GIMBE, dal 9 al 15 settembre i ricoveri in terapia intensiva sono aumentati del 41%. E le condizioni di questi pazienti sono le stesse di coloro che venivano ricoverati in terapia intensiva nei mesi in cui l’Italia ha raggiunto il picco epidemico. I criteri di accesso non sono cambiati: il supporto ventilatorio era ed è indispensabile. Si tratta, com’è ovvio, di pazienti in stato critico. Una differenza però c’è: il tempo medio di degenza in questi reparti è inferiore.

A raccontarci cosa sta avvenendo nelle terapie intensive di tutta Italia è Alessandro Vergallo, Presidente del sindacato degli anestesisti-rianimatori Aaroi-Emac.

RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA, VERGALLO: «NON ABBIAMO SBAGLIATO NULLA»

«Ora siamo in grado di capire meglio se le cure funzionano o no, sappiamo quali strategie terapeutiche mettere in atto. Si tratta da una parte di terapie di supporto e dall’altro di contrasto ai meccanismi patogenetici del virus. Fermo restando – puntualizza Vergallo – che ancora non abbiamo un farmaco specifico contro questo virus».

L’esperienza di questi mesi, quindi, ha insegnato qualcosa. «Ma a marzo-aprile noi non abbiamo sbagliato nulla. Intanto le prime analisi delle ospedalizzazioni dei pazienti contagiati sconfesserebbero che il ricovero sia stato un errore rispetto alla cura sul territorio. E poi è difficile pensare che si potesse far meglio: ci è caduta addosso una valanga».

Ma, secondo Vergallo, la situazione attuale non è da allarme rosso: «L’aumento del numero dei posti letto, compresi quelli in terapia intensiva, ci tranquillizza. Non posso dire di essere ottimista: dobbiamo restare vigili e osservare l’andamento della situazione. Le misure di contenimento sociale hanno contribuito a ridurre fortemente il rischio, e infatti la situazione attuale non ha nulla della drammaticità dei primi mesi, ma sappiamo che via via devono riprendere tutte le attività che sono state rallentate dalla pandemia».

«CORSI FAD HANNO AIUTATO MOLTISSIMO»

Tra le attività che hanno subito uno stop a causa dell’emergenza, anche gli eventi formativi in modalità residenziale. Da qui, l’aumento della fruizione dei corsi online (FAD). Secondo quanto riportato da Consulcesi, leader nel settore della formazione a distanza, tra i professionisti che in questi mesi si sono aggiornati di più sul Covid-19 spiccano proprio gli anestesisti: «Anche io ho dovuto seguire dei corsi FAD per avere delle informazioni corrette e certificate. In questi mesi la formazione a distanza ha aiutato moltissimo tutto il personale sanitario».

«I FONDI DEL RECOVERY PLAN NON SI PERDANO IN RIVOLI NON PRODUTTIVI, COME LA MEDICINA DI FAMIGLIA»

Personale sanitario che ora assiste con attenzione al dibattito sulla destinazione delle risorse che nei prossimi mesi arriveranno dall’Europa e che saranno destinati anche alla sanità: «Le linee guida presentate dal presidente del Consiglio richiedono senz’altro un’analisi più approfondita di quella che al momento ho avuto modo di fare – commenta Vergallo -. Speriamo che i fondi siano destinati ad attività che possano garantire una maggiore sicurezza per i pazienti critici senza prendere rivoli che in passato si sono rivelati non produttivi. E mi riferisco in particolare alla medicina di famiglia, che poi alla fine non ha fatto quello che era in programma».

«ORA VERA PROGRAMMAZIONE DEI FABBISOGNI»

Per Vergallo, la priorità è «dare un impulso ad una vera programmazione dei fabbisogni del personale. In attesa dei frutti dell’aumento dei posti per alcune specialità – continua – bisogna riformare gradualmente il sistema della formazione specialistica per poter considerare colleghi anche gli specializzandi agli ultimi anni di corso», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Anticorpi monoclonali, Andreano (Toscana Life Sciences): «A marzo possibile distribuzione negli ospedali»
Gli anticorpi monoclonali potrebbero farci uscire dalla pandemia. Ma cosa sono e come funzionano? Lo abbiamo chiesto a Emanuele Andreano, ricercatore presso la Fondazione Toscana Life Sciences
di Peter D'Angelo
Tamponi rapidi Covid, CIDEC: «Il ‘Decreto Ristori’ priva i laboratori di analisi della propria funzione»
Elisa Interlandi, Presidente Cidec Federazione Sanità: «Nostra esclusione dal finanziamento aggiuntivo previsto dal Decreto danno per la salute dei cittadini e per il tracciamento dei contagi»
Von der Leyen annuncia le 8 misure della Commissione europea contro il Covid-19
Garantire informazioni chiare, test precisi e viaggi sicuri. Queste le regole su cui la Commissione europea punta per combattere il virus in seconda ondata pensando all'economia. Prorogata la sospensione dell'Iva sull'attrezzatura medica
Covid-19, Magrini (Aifa): «Primi dati sui vaccini all’inizio del prossimo anno»
Il direttore Generale dell’Agenzia italiana del Farmaco ha fatto il punto su farmaci e vaccini in corso di valutazione e sugli attuali standard terapeutici per il COVID-19
Covid-19, Rostan (IV): «Diagnosi oncologiche e biopsie dimezzate con lockdown. Garantire accesso a farmaci innovativi»
Nell'interrogazione al Ministro della Salute Speranza presentata da Michela Rostan (Iv) anche la richiesta di istituire un Fondo Unico per l’innovazione farmaceutica, superando il sistema duale previsto dalla normativa vigente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...