Covid-19, che fare se...? 10 Maggio 2022 14:35

Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?

Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un’altra tra i 20 e i 60 giorni

Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante, le reinfezioni da Covid-19 sono in aumento. Ma non è ancora chiaro per quanto tempo le persone possono aspettarsi di essere protette. Di certo c’è il fatto che l’infezione da Omicron non è come ad esempio quella del morbillo che raramente si contrae una seconda volta. Sars-CoV-2 non sembra poter provocare una simile «immunità sterilizzante». Tuttavia, una prima infezione riduce il rischio delle persone di ammalarsi una seconda volta.

Con la variante Delta dominante le reinfezioni Covid-19 erano meno diffuse

Secondo un ampio studio americano, ad esempio, una prima infezione nelle persone non vaccinate riduce il rischio di una seconda infezione di circa l’85%. Un livello di protezione, questo, simile a quello fornito da due dosi dei vaccini mRNA che è rimasto stabile durante i nove mesi dello studio. «Sono rimasta sorpresa dal fatto che abbiamo trovato un livello di protezione così elevato», afferma Jessica Ridgway dell’Università di Chicago. Tuttavia, lo studio di Ridgway è stato condotto mentre la variante Delta era il ceppo virale dominante in circolazione a livello globale.

Con Omicron le reinfezioni Covid-19 sono 16 volte più probabili

Omicron provoca più reinfezioni rispetto alle varianti precedenti, a causa delle mutazioni nella proteina spike che lo aiutano a eludere l’immunità. Secondo l’Office for National Statistics (ONS), durante la recente ondata di Omicron nel Regno Unito, le reinfezione Covid-19 erano 16 volte più probabili rispetto alla precedente ondata Delta. Tuttavia, questo ancora non ci dice per quanto tempo la maggior parte delle persone può aspettarsi di reinfettarsi. In effetti, non è ancora possibile calcolare questa cifra con precisione, anche se possiamo trarre un suggerimento dai dati esistenti.

L’intervallo tra le reinfezioni Covid-19 varia da 90 a 640 giorni

Ad esempio, l’ONS ha esaminato le reinfezioni nel Regno Unito, coprendo l’intera pandemia fino a metà dicembre 2021, quando Omicron è stata dominante per diverse settimane della pandemia Covid-19. Lo studio ha rilevato che l’intervallo tra le reinfezioni variava da 90 a 650 giorni, con una media di 343 giorni, o quasi un anno. Ma queste cifre potrebbero avere due fonti di errore. In primo luogo, potrebbero essere una stima troppo bassa perché molte persone non avevano ancora avuto due infezioni. Quando verranno calcolati anche questo casi l’intervallo medio tra le infezioni dovrebbe aumentare.

Alcune reinfezioni Covid-19 potrebbero essere escluse dai calcoli ufficiali

In secondo luogo, alcune reinfezioni non verranno riconosciute, poiché l’ONS classifica una reinfezione solo se sono trascorsi più di 90 giorni da una precedente infezione confermata da un test PCR. Questo perché questi test possono portare a falsi positivi entro questo periodo. Questo approccio «identifica la maggior parte delle reinfezioni escludendo quelle persone che potrebbero avere ancora il virus per qualche tempo dopo l’infezione iniziale», afferma Helen Campbell dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito.

Uno studio danese ha rivelato svariate reinfezioni in un intervallo che va da 20 a 60 giorni

Ma possono verificarsi reinfezioni entro 90 giorni, come dimostrato da uno studio in Danimarca, che ha registrato un’impennata di Omicron a partire da novembre 2021, causata da picchi delle sottovarianti di BA.1 e BA.2. Morten Rasmussen dello Statens Serum Institute di Copenaghen, in Danimarca, e i suoi colleghi sono riusciti a trovare 47 persone infette da entrambe le varianti, con intervalli da 20 a 60 giorni. «Sembra essere raro», dice Rasmussen.

Le seconde infezioni tendono a essere meno gravi delle prime

Un motivo per cui c’è così tanto interesse per la questione della reinfezione è la preoccupazione che le ripetute infezioni da Covid-19 potrebbero avere un impatto cumulativo sulla salute delle persone. Gli studi suggeriscono che le reinfezioni sono meno gravi della prima. Uno studio condotto in Qatar, ad esempio, ha scoperto che le seconde infezioni erano collegate a una probabilità inferiore del 90% di portare al ricovero o alla morte rispetto alle prime. Ma questa non è una garanzia di sicurezza, afferma Stephen Griffin dell’Università di Leeds, nel Regno Unito, che è membro di iSAGE, un gruppo che offre consulenza scientifica indipendente sul Covid-19 al governo britannico.

Le reinfezioni possono aumentare le probabilità di sviluppare il Long Covid

Non è ancora chiaro quanto sia probabile che le persone sviluppino sintomi di lunga durata a causa di un’infezione, ma se qualcuno prende il Covid-19 più volte ha più possibilità di sviluppare il Long Covid, secondo Griffin. «È più probabile che le cose meno probabili accadano con un numero maggiore di volte in cui vieni reinfettato», dice. Rasmussen ritiene che sia troppo presto per conoscere l’effetto delle infezioni ripetute sul rischio delle persone di sviluppare il Long Covid o altro. «Sembra che la pandemia stia andando avanti dar centinaia di anni, ma è passato davvero un lasso di tempo incredibilmente breve», dice. «Ma non sembra che se ne andrà», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Il ritorno dei medici non vaccinati: ovvero, dell’obbligo vaccinale tra politica, scienza e deontologia
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
La lunga battaglia contro la malaria, tra sfide vinte e ancora aperte
Da quando la sua eziologia è stata descritta per la prima volta più di 100 anni fa, la malaria è diventata una delle malattie infettive più conosciute al mondo. Tuttavia, nel 2019 ci sono stati ancora più di 620.000 decessi e circa 230 milioni di casi in tutto il mondo, quasi tutti nell'Africa subsahariana
di Stefano Piazza
Si può scegliere il tipo di vaccino da fare?
Non è possibile scegliere il vaccino anti-Covid da fare. Tuttavia, al momento della prenotazione è possibile selezionare la struttura in base al tipo di vaccino che somministra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa