Covid-19, che fare se...? 10 Maggio 2022 14:35

Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?

Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un’altra tra i 20 e i 60 giorni

Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante, le reinfezioni da Covid-19 sono in aumento. Ma non è ancora chiaro per quanto tempo le persone possono aspettarsi di essere protette. Di certo c’è il fatto che l’infezione da Omicron non è come ad esempio quella del morbillo che raramente si contrae una seconda volta. Sars-CoV-2 non sembra poter provocare una simile «immunità sterilizzante». Tuttavia, una prima infezione riduce il rischio delle persone di ammalarsi una seconda volta.

Con la variante Delta dominante le reinfezioni Covid-19 erano meno diffuse

Secondo un ampio studio americano, ad esempio, una prima infezione nelle persone non vaccinate riduce il rischio di una seconda infezione di circa l’85%. Un livello di protezione, questo, simile a quello fornito da due dosi dei vaccini mRNA che è rimasto stabile durante i nove mesi dello studio. «Sono rimasta sorpresa dal fatto che abbiamo trovato un livello di protezione così elevato», afferma Jessica Ridgway dell’Università di Chicago. Tuttavia, lo studio di Ridgway è stato condotto mentre la variante Delta era il ceppo virale dominante in circolazione a livello globale.

Con Omicron le reinfezioni Covid-19 sono 16 volte più probabili

Omicron provoca più reinfezioni rispetto alle varianti precedenti, a causa delle mutazioni nella proteina spike che lo aiutano a eludere l’immunità. Secondo l’Office for National Statistics (ONS), durante la recente ondata di Omicron nel Regno Unito, le reinfezione Covid-19 erano 16 volte più probabili rispetto alla precedente ondata Delta. Tuttavia, questo ancora non ci dice per quanto tempo la maggior parte delle persone può aspettarsi di reinfettarsi. In effetti, non è ancora possibile calcolare questa cifra con precisione, anche se possiamo trarre un suggerimento dai dati esistenti.

L’intervallo tra le reinfezioni Covid-19 varia da 90 a 640 giorni

Ad esempio, l’ONS ha esaminato le reinfezioni nel Regno Unito, coprendo l’intera pandemia fino a metà dicembre 2021, quando Omicron è stata dominante per diverse settimane della pandemia Covid-19. Lo studio ha rilevato che l’intervallo tra le reinfezioni variava da 90 a 650 giorni, con una media di 343 giorni, o quasi un anno. Ma queste cifre potrebbero avere due fonti di errore. In primo luogo, potrebbero essere una stima troppo bassa perché molte persone non avevano ancora avuto due infezioni. Quando verranno calcolati anche questo casi l’intervallo medio tra le infezioni dovrebbe aumentare.

Alcune reinfezioni Covid-19 potrebbero essere escluse dai calcoli ufficiali

In secondo luogo, alcune reinfezioni non verranno riconosciute, poiché l’ONS classifica una reinfezione solo se sono trascorsi più di 90 giorni da una precedente infezione confermata da un test PCR. Questo perché questi test possono portare a falsi positivi entro questo periodo. Questo approccio «identifica la maggior parte delle reinfezioni escludendo quelle persone che potrebbero avere ancora il virus per qualche tempo dopo l’infezione iniziale», afferma Helen Campbell dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito.

Uno studio danese ha rivelato svariate reinfezioni in un intervallo che va da 20 a 60 giorni

Ma possono verificarsi reinfezioni entro 90 giorni, come dimostrato da uno studio in Danimarca, che ha registrato un’impennata di Omicron a partire da novembre 2021, causata da picchi delle sottovarianti di BA.1 e BA.2. Morten Rasmussen dello Statens Serum Institute di Copenaghen, in Danimarca, e i suoi colleghi sono riusciti a trovare 47 persone infette da entrambe le varianti, con intervalli da 20 a 60 giorni. «Sembra essere raro», dice Rasmussen.

Le seconde infezioni tendono a essere meno gravi delle prime

Un motivo per cui c’è così tanto interesse per la questione della reinfezione è la preoccupazione che le ripetute infezioni da Covid-19 potrebbero avere un impatto cumulativo sulla salute delle persone. Gli studi suggeriscono che le reinfezioni sono meno gravi della prima. Uno studio condotto in Qatar, ad esempio, ha scoperto che le seconde infezioni erano collegate a una probabilità inferiore del 90% di portare al ricovero o alla morte rispetto alle prime. Ma questa non è una garanzia di sicurezza, afferma Stephen Griffin dell’Università di Leeds, nel Regno Unito, che è membro di iSAGE, un gruppo che offre consulenza scientifica indipendente sul Covid-19 al governo britannico.

Le reinfezioni possono aumentare le probabilità di sviluppare il Long Covid

Non è ancora chiaro quanto sia probabile che le persone sviluppino sintomi di lunga durata a causa di un’infezione, ma se qualcuno prende il Covid-19 più volte ha più possibilità di sviluppare il Long Covid, secondo Griffin. «È più probabile che le cose meno probabili accadano con un numero maggiore di volte in cui vieni reinfettato», dice. Rasmussen ritiene che sia troppo presto per conoscere l’effetto delle infezioni ripetute sul rischio delle persone di sviluppare il Long Covid o altro. «Sembra che la pandemia stia andando avanti dar centinaia di anni, ma è passato davvero un lasso di tempo incredibilmente breve», dice. «Ma non sembra che se ne andrà», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nasce il progetto PMLAb per i pazienti COVID-19 immunocompromessi
La gestione del paziente immunocompromesso con COVID-19 richiede una particolare attenzione, che si concretizza con le Profilassi Pre-Esposizione con anticorpi monoclonali. A questo scopo è nato il progetto Prevention Management LAboratory (PMLAb), presentato oggi a Roma
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Long Covid: scoperto meccanismo autoimmune dietro complicanze cardiache
Nella metà dei casi, i pazienti ricoverati per Covid-19 con conseguente danno cardiaco soffrono di complicanze al cuore per diversi mesi dopo le dimissioni. Un gruppo di ricercatori Humanitas ha studiato il meccanismo all’origine del fenomeno: una reazione autoimmune che potrebbe spiegare la varietà delle manifestazioni - anche non cardiache – del Long Covid. I risultati pubblicati su Circulation.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...