Stop Ingiustizie Bancarie 22 Dicembre 2015 17:56

Banche, la resa dei conti tra irregolarità e ricorsi

A Bruxelles l’intervista all’eurodeputato Marco Valli: «Bisogna agire attraverso i tribunali»

Banche, la resa dei conti tra irregolarità e ricorsi

Sempre più lontani i tempi in cui le banche la facevano franca, sempre e comunque, sui cittadini. Dal recente caso – con conseguenze tragiche – del “salvabanche”, attualmente sotto i riflettori in Italia, fino alla lotta contro l’anatocismo, i mutui irregolari e le altre ingiustizie, combattuta a suon di ricorsi da parte dei risparmiatori truffati.


Ben quattro mutui su cinque sono irregolari: un dato che ha reso gli istituti bancari “sorvegliati speciali” anche da Bruxelles e dalle istituzioni europee, come ha raccontato ai microfoni di Sanità informazione l’eurodeputato Marco Valli (M5S – EFDD).

«L’Italia ha introdotto la giusta regola che prevede di non applicare il cumulo di interessi sui mutui dei cittadini. Adesso dobbiamo aspettare che il 1° gennaio venga approvata la circolare che abolisce l’anatocismo in Italia. Il governo, nella legge di stabilità 2014, aveva già previsto l’abolizione di questa pratica, ma poi ci sarebbe dovuto essere un decreto attuativo. Nell’ambito di questo vulnus normativo, si sono mosse diverse cause da parte dei cittadini verso le banche, e ci sono state sentenze dei tribunali che, sulla base della legge di stabilità ed anche in assenza di un decreto, hanno giudicato irregolare ed illegale l’anatocismo. Le banche ovviamente reagiscono in appello fino all’ultimo, perché non vogliono ammettere di star strozzando i cittadini».

Le azioni legali intentate dai cittadini sono tante, ma ancora poche rispetto a tutte quelle potenziali. In questo momento di confusione normativa, i cittadini sottoposti a questi mutui irregolari pensano che sia il momento giusto per agire attraverso i tribunali.
«Esatto, bisogna agire attraverso i tribunali ed appellarsi alle sentenze che legittimano l’inapplicabilità dell’anatocismo, nel momento in cui ci si ritiene sottoposti a interessi su interessi da parte delle banche sui propri mutui e finanziamenti. In questo modo le banche, sapendo che ci sono già delle sentenze a sfavore, si ritirano e ammettono la propria colpa».

Infatti i dati del Ministero della Giustizia sottolineano come, in cinque casi su dieci, non appena il cittadino ricorre, le banche automaticamente propongono un accordo. E’ evidente che questa è la strada migliore…
«Finché le banche possono appellarsi al fatto che i cittadini non faranno mai causa, continueranno ad applicare questi tassi. Nel momento in cui però un cittadino decide di appellarsi alla legge – perché c’è una legge – le banche si tirano indietro, come è giusto».

Articoli correlati
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
17 anni e un sogno: il camice bianco. La storia del più giovane aspirante medico della Campania
«Passione, preparazione, relazioni umane: così costruirò la mia carriera e il mio futuro»
Il Test di ingresso a Medicina è illegittimo? «Nel bando c’è un errore clamoroso»
La denuncia dei legali: «Già negli scorsi anni i giudici amministrativi del Consiglio di Stato hanno accolto i ricorsi, ritenendo l’errato calcolo del fabbisogno elemento ostativo al diritto allo studio e causa della conseguente carenza di medici»
Via ai lavori della «Corte d’Appello» dei sanitari, precedenza ai ricorsi contro le radiazioni
Nel corso della prima riunione della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, che si è tenuta ieri, sono state stabilite le linee di indirizzo per smaltire le pratiche arretrate: riunioni più frequenti e priorità alle radiazioni
Sanzioni medici, presto ricorsi e sospensive «scongelati»
È previsto per domani l'insediamento della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, la Corte d'Appello a cui medici possono presentare ricorso a seguito di un provvedimento disciplinare. Le sanzioni sono rimaste in sospeso da oltre un anno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...