Stop Ingiustizie Bancarie 22 Dicembre 2015

Banche, la resa dei conti tra irregolarità e ricorsi

A Bruxelles l’intervista all’eurodeputato Marco Valli: «Bisogna agire attraverso i tribunali»

Immagine articolo

Sempre più lontani i tempi in cui le banche la facevano franca, sempre e comunque, sui cittadini. Dal recente caso – con conseguenze tragiche – del “salvabanche”, attualmente sotto i riflettori in Italia, fino alla lotta contro l’anatocismo, i mutui irregolari e le altre ingiustizie, combattuta a suon di ricorsi da parte dei risparmiatori truffati.


Ben quattro mutui su cinque sono irregolari: un dato che ha reso gli istituti bancari “sorvegliati speciali” anche da Bruxelles e dalle istituzioni europee, come ha raccontato ai microfoni di Sanità informazione l’eurodeputato Marco Valli (M5S – EFDD).

«L’Italia ha introdotto la giusta regola che prevede di non applicare il cumulo di interessi sui mutui dei cittadini. Adesso dobbiamo aspettare che il 1° gennaio venga approvata la circolare che abolisce l’anatocismo in Italia. Il governo, nella legge di stabilità 2014, aveva già previsto l’abolizione di questa pratica, ma poi ci sarebbe dovuto essere un decreto attuativo. Nell’ambito di questo vulnus normativo, si sono mosse diverse cause da parte dei cittadini verso le banche, e ci sono state sentenze dei tribunali che, sulla base della legge di stabilità ed anche in assenza di un decreto, hanno giudicato irregolare ed illegale l’anatocismo. Le banche ovviamente reagiscono in appello fino all’ultimo, perché non vogliono ammettere di star strozzando i cittadini».

Le azioni legali intentate dai cittadini sono tante, ma ancora poche rispetto a tutte quelle potenziali. In questo momento di confusione normativa, i cittadini sottoposti a questi mutui irregolari pensano che sia il momento giusto per agire attraverso i tribunali.
«Esatto, bisogna agire attraverso i tribunali ed appellarsi alle sentenze che legittimano l’inapplicabilità dell’anatocismo, nel momento in cui ci si ritiene sottoposti a interessi su interessi da parte delle banche sui propri mutui e finanziamenti. In questo modo le banche, sapendo che ci sono già delle sentenze a sfavore, si ritirano e ammettono la propria colpa».

Infatti i dati del Ministero della Giustizia sottolineano come, in cinque casi su dieci, non appena il cittadino ricorre, le banche automaticamente propongono un accordo. E’ evidente che questa è la strada migliore…
«Finché le banche possono appellarsi al fatto che i cittadini non faranno mai causa, continueranno ad applicare questi tassi. Nel momento in cui però un cittadino decide di appellarsi alla legge – perché c’è una legge – le banche si tirano indietro, come è giusto».

Articoli correlati
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
#6statodiscriminato: la campagna di Consulcesi per i medici di base fa tappa ad Alessandria
Dopo il lancio della campagna social sulla discriminazione che i medici di Medicina Generale patiscono durante la formazione post-laurea, Consulcesi dà il via a un’iniziativa itinerante per i diritti degli Mmg: prima tappa Alessandria. Il 12 aprile la nuova azione collettiva di Consulcesi per gli Mmg: possibile recuperare fino a 50 mila euro per ogni annualità
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Contenziosi medici-pazienti, Pierpaolo Sileri (M5S): «Arbitrato salute idea vincente, riduce i costi per il SSN e scoraggia la medicina difensiva»
«In tutto il percorso diagnostico-terapeutico del paziente possono essere commessi errori: dalla diagnosi fino alla terapia. A volte, si tratta di errori indiretti causati dal sistema ospedale che non sono riconducibili alla responsabilità del singolo medico» specifica il presidente della Commissione Sanità del Senato
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»
«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense