Stop Ingiustizie Bancarie 22 Dicembre 2015 17:56

Banche, la resa dei conti tra irregolarità e ricorsi

A Bruxelles l’intervista all’eurodeputato Marco Valli: «Bisogna agire attraverso i tribunali»

Banche, la resa dei conti tra irregolarità e ricorsi

Sempre più lontani i tempi in cui le banche la facevano franca, sempre e comunque, sui cittadini. Dal recente caso – con conseguenze tragiche – del “salvabanche”, attualmente sotto i riflettori in Italia, fino alla lotta contro l’anatocismo, i mutui irregolari e le altre ingiustizie, combattuta a suon di ricorsi da parte dei risparmiatori truffati.


Ben quattro mutui su cinque sono irregolari: un dato che ha reso gli istituti bancari “sorvegliati speciali” anche da Bruxelles e dalle istituzioni europee, come ha raccontato ai microfoni di Sanità informazione l’eurodeputato Marco Valli (M5S – EFDD).

«L’Italia ha introdotto la giusta regola che prevede di non applicare il cumulo di interessi sui mutui dei cittadini. Adesso dobbiamo aspettare che il 1° gennaio venga approvata la circolare che abolisce l’anatocismo in Italia. Il governo, nella legge di stabilità 2014, aveva già previsto l’abolizione di questa pratica, ma poi ci sarebbe dovuto essere un decreto attuativo. Nell’ambito di questo vulnus normativo, si sono mosse diverse cause da parte dei cittadini verso le banche, e ci sono state sentenze dei tribunali che, sulla base della legge di stabilità ed anche in assenza di un decreto, hanno giudicato irregolare ed illegale l’anatocismo. Le banche ovviamente reagiscono in appello fino all’ultimo, perché non vogliono ammettere di star strozzando i cittadini».

Le azioni legali intentate dai cittadini sono tante, ma ancora poche rispetto a tutte quelle potenziali. In questo momento di confusione normativa, i cittadini sottoposti a questi mutui irregolari pensano che sia il momento giusto per agire attraverso i tribunali.
«Esatto, bisogna agire attraverso i tribunali ed appellarsi alle sentenze che legittimano l’inapplicabilità dell’anatocismo, nel momento in cui ci si ritiene sottoposti a interessi su interessi da parte delle banche sui propri mutui e finanziamenti. In questo modo le banche, sapendo che ci sono già delle sentenze a sfavore, si ritirano e ammettono la propria colpa».

Infatti i dati del Ministero della Giustizia sottolineano come, in cinque casi su dieci, non appena il cittadino ricorre, le banche automaticamente propongono un accordo. E’ evidente che questa è la strada migliore…
«Finché le banche possono appellarsi al fatto che i cittadini non faranno mai causa, continueranno ad applicare questi tassi. Nel momento in cui però un cittadino decide di appellarsi alla legge – perché c’è una legge – le banche si tirano indietro, come è giusto».

Articoli correlati
«Sono iscritta a Medicina perché ho vinto il ricorso». Storie di studenti che hanno sconfitto il numero chiuso
Marina, Roberta e Rachele stanno per laurearsi, ma non dimenticano l’emozione provata quando sono diventate studentesse di Medicina. E ora consigliano di fare ricorso a tutti coloro che sono stati vittime di irregolarità il giorno del test
Numero chiuso e ricorsi, come muoversi dopo la pubblicazione delle graduatorie?
Abbiamo posto all’avvocato Marco Tortorella (che da anni cura i ricorsi dei candidati che ritengono di essere stati ingiustamente esclusi dall’ingresso in facoltà) 8 domande. Ecco le sue risposte
Numero Chiuso, candidati e genitori pronti a fare ricorso in caso di irregolarità
Sanità Informazione ha raccolto le voci di tantissimi ragazzi che si dicono pronti al ricorso nel caso in cui la prova non dovesse risultare regolare
Ex specializzandi, raffica di sentenze: Stato condannato a pagare altri 18 milioni
Con le ultime vittorie salgono ad otto le pronunce positive da gennaio nonostante lo stop imposto dal Covid-19. Tortorella (Presidente Consulcesi): «Tribunali e Corti continuano a sanare ingiustizia. Impegno politico bipartisan su Ddl per l’accordo conferma volontà politica di trovare soluzione ma il provvedimento va migliorato»
Covid e assicurazioni, è infortunio? Per l’INAIL sì, per le compagnie no. Ma in caso di risarcimento negato si può fare ricorso
Larussa (Sapienza): «Le compagnie assicurative vogliono far passare l’infezione da Covid non come infortunio ma come malattia e, in quanto tale, non indennizzarla». L’avvocato Cecconi: «Una disparità inaccettabile tra dipendenti e libero professionisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...