Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Nutrizione 7 Gennaio 2020

Il Natale pesa sulla bilancia: fino a 5 chili in più. La dieta detox del nutrizionista

A DIETA DOPO LE FESTE: COME TORNARE IN FORMA?

Da Natale all’Epifania si è soliti mangiare di più e in modo più condito: pranzi, cene, cenoni, brindisi e aperitivi in compagnia di parenti e amici. E non solo: i famigerati “avanzi” di prelibatezze che continuano a tentarci non aiutano, anzi, contribuiscono a lasciare il “segno” delle feste sulla bilancia.  

Durante le vacanze natalizie, infatti, si può ingrassare fino a tre chili, che possono diventare cinque se panettoni, torroni e pandori girano ancora per casa. Per questo, la maggior parte delle persone si mette a dieta, ma è meglio affidarsi ai medici che seguire piani alimentari miracolosi sul web. «Sistemi semplici, sani e veloci per rimettersi in forma ci sono» spiega all’AdnKronos Salute Ciro Vestita, nutrizionista e fitoterapeuta dell’università di Pisa, che invita a evitare costosi alimenti dietetici che promettono miracoli e a puntare sulla semplicità: frutta, verdura, tisane ‘povere’ detox, latte e cannella. A tutto questo non deve mancare l’attività fisica e tanta acqua.

LA DIETA DETOX: FRUTTA E VERDURA

Un valido aiuto ci arriva dalla frutta: «Bastano due giorni di dieta a base di sola frutta – afferma il dottor Vestita – se ne può mangiare un chilo e mezzo al giorno scegliendo tra i diversi tipi: arance, mandarini, mele, kiwi, agrumi e pompelmo in particolare. E bere molta acqua» precisa. Questo regime, molto diuretico, permette di liberarsi rapidamente delle scorie e di rimettere in sesto l’organismo. Le alternative sono le verdure lesse, «sempre per due giorni senza altre aggiunte – continua l’esperto – a pranzo e a cena, con piatti generosi, soprattutto se si tratta di cicoria, utilissima per drenare e nutrire i batteri buoni dell’intestino, grazie alla presenza di inulina».

Chi preferisce variare, può optare per il mix: «Frutta a colazione e verdura (con o senza frutta) a pranzo e a cena – aggiunge il nutrizionista sottolineando l’importanza del movimento associato alla dieta. «Sì a lunghe camminate a passo veloce: senza movimento anche la dieta migliore è inutile».

LE TISANE POVERE

Dopo le grandi abbuffate natalizie, il nostro corpo richiede una fase di depurazione; possiamo ricorrere alle tisane povere. «Un grande aiuto per l’organismo sovraccaricato dagli eccessi alimentari – prosegue il nutrizionista – è una semplice tisana realizzata con gli scarti del carciofo, le foglie esterne e il gambo. Si prepara bollendo 40 grammi di questi scarti in mezzo litro d’acqua. Il liquido che ne risulta è, a differenza di quanto si possa credere, molto piacevole e fresco. E una volta bevuto, permette al fegato di produrre più bile che si svuota completamente nell’intestino. Una vera ‘pozione’ che ha la capacità di abbassare rapidamente il colesterolo cattivo» assicura l’esperto.

«Un’altra bevanda molto utile, capace di contrastare gli effetti dell’eccesso di zucchero – suggerisce il dottor Vestita – si prepara facendo bollire per 10 o 20 secondi 10 grammi di cannella e 5 chiodi di garofano in una tazza di latte: con una tazza al mattino e una al pomeriggio, la glicemia si abbassa notevolmente». Infine, ecco una tisana diuretica e blandamente dimagrante e una per calmare stomaco e intestino ‘provati’ dalle festività. «La prima si ottiene facendo bollire bucce d’arancia edibili e limone in acqua e la seconda è quella alla malva. Si tratta di un buon antinfiammatorio naturale che non ha controindicazioni. E’ utile anche per le lesioni della bocca e per le infiammazioni della gola e della faringe» conclude l’esperto.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 novembre:...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli