Pazienti 20 giugno 2017

10 cibi per abbassare il colesterolo

 Tenere sotto controllo il proprio colesterolo e ridurre così il rischio di ictus e infarto è possibile. Sì, assolutamente, soprattutto se si segue un regime alimentare corretto ed equilibrato. Il colesterolo, però, non è per forza un nemico. Come parte costituente delle cellule dell’organismo, risulta indispensabile per la vita e la moltiplicazione cellulare: ciò che […]



 Tenere sotto controllo il proprio colesterolo e ridurre così il rischio di ictus e infarto è possibile. Sì, assolutamente, soprattutto se si segue un regime alimentare corretto ed equilibrato.

Il colesterolo, però, non è per forza un nemico. Come parte costituente delle cellule dell’organismo, risulta indispensabile per la vita e la moltiplicazione cellulare: ciò che dobbiamo tenere sempre sott’occhio è il rapporto tra colesterolo buono (HDL) e colesterolo cattivo (LDL), che determina il cosiddetto “rischio cardiovascolare”. La proporzione tra colesterolo totale e colesterolo cattivo deve, infatti, essere inferiore a 5 per l’uomo e a 4,5 per la donna.

Inoltre, è sempre necessario controllare anche i valori del colesterolo cattivo. È quest’ultimo, infatti, il responsabile di molte patologie, anche gravi: se è compreso tra i 70 e i 180 mg per 100 ml di plasma, il valore è normale e nulla deve farci preoccupare. Se, invece, supera questi parametri è necessario prendere alcuni provvedimenti… e cambiare regime alimentare eliminando, in primo luogo, i grassi saturi.

Vediamo insieme quali cibi prediligere per abbassare il colesterolo.

Abbassare il colesterolo con l’alimentazione: 10 cibi indispensabili

1) Pistacchi

Pistacchi… buoni e salutari. Secondo uno studio condotto dai ricercatori della Pennsylvania State University e pubblicato sulla rivista Hypertension, rappresentano il nostro miglior alleato per combattere lo stress, la pressione alta e il colesterolo “cattivo”. Ovviamente, come spesso accade, non bisogna eccedere nelle dosi e nelle quantità. Tre o quattro pistacchi al giorno aiutano però a ridurre il colesterolo cattivo e aumentare, di contro, quello buono. Rappresenta inoltre un ottimo metodo anche per aumentare i livelli di antiossidanti nel sangue. Data la loro bontà, è dunque impossibile farne a meno.

2) Mele

Una mela al giorno toglie il medico di torno: a volte anche la saggezza popolare ha qualche consiglio utile da darci. Ed è proprio questo il caso: le mele sono davvero un toccasana per la lotta contro il colesterolo cattivo. Una ricerca condotta nel Regno Unito sembra dirci che una mela al giorno potrebbe avere gli stessi benefici della statina, il farmaco generalmente prescritto per abbassare il colesterolo, riducendo le morti dovute ai rischi cardiovascolari. Buone e miracolose!

3) Avena

Fa bene al cuore, regola il peso corporeo, migliora la digestione, previene la stitichezza e… abbassa il colesterolo cattivo. La Mayo Clinic, infatti, ha affermato che l’avena contiene fibra solubile, ricca di lipoproteine e che permette di ridurre la densità di LDL. Ma attenzione! Consumate la fibra nella sua forma naturale, magari a colazione e abbinatela con mele, prugne o pere. Evitate gallette di avena, ad esempio: in questo caso, l’effetto potrebbe essere contrario.

4) Legumi

È una ricerca canadese a suggerirci che mangiando legumi tutti i giorni il nostro colesterolo potrebbe davvero beneficiarne. Non è importante quali legumi preferiate, siano essi piselli, ceci, fagioli o lenticchie. Tutti vanno bene, purché prendiate la sana abitudine di consumarli ogni giorno. Sembra che siano sufficienti 130 grammi di legumi al giorno per normalizzare i livelli di colesterolo e migliorare, dunque, la nostra salute cardiovascolare. Un alimento sano ed economico, indubbiamente da rivalutare.

5) Olio di oliva

Olio di oliva, elisir di lunga vita: protegge infatti le nostre arterie attraverso la regolazione dei livelli di colesterolo cattivo circolanti nel sangue. Non solo, quello buono, invece, non viene minimamente alterato. Dunque la spremuta d’oliva rappresenta, oltre che un gustoso condimento, un’ottima forma di prevenzione del rischio cardiovascolare. Preferite (assolutamente!) l’olio a crudo, magari 3 cucchiai al giorno – non di più!

6) Anguria

Perfetta per l’estate e alleata per il cuore: l’anguria, infatti, grazie alla presenza di citrullina, sembrerebbe ridurre i rischi cardiovascolari, abbassando il colesterolo. Ricordate, inoltre, che il cocomero è costituito per il 90-95% da acqua ed è molto ricco di sali minerali e di vitamine A e C. 100 grammi di prodotto non superano le 25-30 calorie: fa bene, non fa ingrassare ed è buonissimo, soprattutto con il sopraggiungere della stagione calda.

7) Pesce

Grazie alle proprietà legate agli omega-3, il pesce è sempre il benvenuto sulla tavola di chi vuol mangiar sano e, perché no, abbassare il colesterolo. Chi ha problemi d’ipercolesterolemia dovrebbe consumare pesce sino a 2 o 3 volte alla settimana. Preferite cotture alla grigia, al cartoccio o al vapore. È assolutamente da evitare, invece, la frittura. Per i crostacei e i molluschi, attenzione alle quantità. Il loro consumo non deve mai essere superiore ad una volta alla settimana. Per il resto, via libera a tutto il pesce!

8) Rosmarino

Chi l’avrebbe mai detto? Il rosmarino è un ottimo rimedio per abbassare il colesterolo in modo efficace, grazie alla capacità di riattivare la funzionalità epatica e aumentare la produzione di bile. È infatti attraverso la bile che il nostro corpo elimina il colesterolo in eccesso. Se non amate l’aroma come condimento, potete consumare il rosmarino in infuso, lasciando le foglioline in ammollo in acqua bollente per circa 10 minuti: fatelo due volte al giorno, è assolutamente efficace!

9) Tarassaco

Fra i rimedi naturali e fitoterapici troviamo il tarassaco (detto anche “dente di leone”), utilizzato sin dall’antichità per le sue proprietà depurative e disintossicanti. In realtà, è molto efficace anche per ridurre i livelli di colesterolo, favorendone (come il rosmarino!) l’eliminazione biliare e riducendone l’assorbimento grazie al suo contenuto di fitosteroli e fibre solubili. Potete consumarlo sotto forma di tisana, in tintura madre o, ancora, in compresse.

10) Cioccolato

È l’American Journal of Clinical Nutrition a darci questa bellissima notizia! Ebbene sì, oltre alle già famosi proprietà antiossidanti, il cioccolato può risollevare del ben 24% i valori del colesterolo buono, andando a normalizzare anche quello cattivo. Come ben saprete, è necessario preferire il cioccolato con alta percentuale di cacao, poiché ricco tre volte tanto di antiossidanti rispetto a quello al latte. Accontentiamoci!

Articoli correlati
«Con il menu funzionale, la pizza più volte a settimana non è più un tabù». Parola di Franco Pepe, il miglior pizzaiolo d’Italia
Grazie alla collaborazione di agronomi e nutrizionisti, la proposta di Pepe in Grani offre il giusto equilibrio tra proteine, carboidrati e lipidi, segue i criteri della dieta mediterranea e «non riempie solo la pancia, ma fa anche star bene»
Asl Napoli 2 Nord: arriva la dieta gratis e senza prenotazione
Prevenire e contrastare l’obesità infantile, gli stili di vita scorretti e promuovere una sana alimentazione. Sono questi gli obiettivi del progetto dell’Asl Napoli 2 Nord, un territorio che presenta una percentuale di bambini in sovrappeso superiore alla media europea. In cosa consiste il progetto? Dodici biologi nutrizionisti avranno il compito di  formulare specifiche diete per […]
XIV giornata mondiale contro l’Ictus, Reale (A.L.I.Ce): «Grazie alle nuove terapie diminuiscono le vittime, ma aumentano i disabili»
La malattia rappresenta la terza causa di morte, la seconda di demenza, la prima di invalidità. La presidente dell’Associazione per lotta all’ictus: «I maschi sono più colpiti delle donne. Colpisce per lo più sopra i 65 anni, ma l’età media si sta abbassando»
di Isabella Faggiano
Firenze, al Meyer apre ambulatorio multidisciplinare contro l’obesità infantile
Endocrinologo, dietista e psicologa: sono questi i medici che compongono il team multidisciplinare del nuovo ambulatorio che il Meyer ha dedicato ai bambini con problemi di obesità. Gli specialisti prenderanno in carico i piccoli e le loro famiglie fornendo loro gli strumenti per affrontare una patologia che può essere molto invalidante per bambini e adolescenti, […]
Albano laziale: sabato al via l’iniziativa “Io aderisco”
Sensibilizzare la popolazione ad aderire alle buone pratiche e agli stili di vita sani, nel rispetto dell’ambiente che ci circonda: questi gli obiettivi al centro dell’iniziativa “Io Aderisco” che si svolgerà ad Albano Laziale (corso Garibaldi 12) sabato 13 ottobre a partire dalle 10,30. Alla giornata di dibattiti, “camminate” e sport nel verde parteciperanno Daniele […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...