Salute 31 Luglio 2019 15:03

Cancro: come si combatte a tavola? Beretta (Aiom): «Zucchero traditore, troppo consumo aumenta lo stato infiammatorio»

«Un eccesso di zuccheri crea uno stato infiammatorio che favorisce l’insorgenza di cellule tumorali», sottolinea Giordano Beretta, oncologo dell’Ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo

di Federica Bosco

Con oltre 380mila nuovi casi nel 2018, il cancro rappresenta la seconda causa di morte dopo le malattie cardiovascolari in Italia. Una emorragia che sembra non avere fine, eppure se da un lato la sopravvivenza di vita per un malato oncologico è aumentata, è altrettanto vero che troppi sono ancora i quesiti su ciò che provoca l’insorgenza ed alimenta il cancro. Tanti gli studi fatti e molti in corso d’opera, tante teorie e per ora una sola certezza, cioè che in un ambiente infiammato è il terreno più fertile su cui attecchiscono e crescono le cellule tumorali. Fondamentale dunque non nutrire l’infiammazione e per questo contenere l’assunzione di alcuni cibi, primo su tutti lo zucchero, come ha sottolineato il Professor Giordano Beretta, Presidente eletto dell’Associazione italiana oncologia medica e responsabile del reparto di oncologia dell’Ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo.

«Un eccesso di zucchero – sottolinea Beretta – può provocare una situazione in cui aumenta l’insulina, aumenta la sua resistenza e questo porta ad un ulteriore aumento, e quindi si crea uno stato infiammatorio che favorisce l’insorgenza di cellule tumorali. La segnalazione, secondo cui lo zucchero possa provocare patologie oncologiche non ha trovato conferma se non nel fruttosio in alcune sperimentazioni».

LEGGI ANCHE: A MILANO IL PROCESSO ALLO ZUCCHERO SI E’ CONCLUSO CON LA SUA CONDANNA. ROSSI (OMCEO MILANO): «LIMITARLO MA SENZA DEMONIZZAZIONI»

Dunque, sarebbe l’ambiente infiammato, e non l’utilizzo di zuccheri la benzina per la moltiplicazione delle cellule tumorali, eppure lo zucchero ha la sua dose di responsabilità….

«Lo zucchero comporta il rischio di una assunzione esagerata di calorie e quindi di un aumento della massa corporea soprattutto in senso di aumento di grassi e di obesità che favorisce esso stesso lo stimolo delle cellule tumorali. In più un eccesso di zuccheri, qualora ci fossero già delle cellule tumorali, potrebbe comportare la creazione di un ambiente acido, che anch’esso favorisce la formazione di cellule tumorali. Quindi, non un effetto cancerogeno diretto, ma la formazione di un microambiente che determina la stimolazione di eventuali cellule tumorali».

Articoli correlati
Aumenta l’incidenza e la mortalità del tumore al colon-retto tra i giovani adulti, colpa di alcol e obesità
L'incidenza e la mortalità per tumore al colon-retto sono in aumento tra i giovani adulti di 25-49 anni. E' quanto emerge dai risultati, di uno studio, pubblicato sulla rivista Annals of Oncology, nel quale si prevedono i tassi di mortalità per tumore nell'Unione Europea (UE) e nel Regno Unito per il 2024. Ciononostante, la mortalità prevista per questo tipo di tumore risulta complessivamente in calo in tutta Europa
di V.A.
Con cerotto “smart” possibile monitoraggio delle dimensioni del tumore su smartphone
Un dispositivo adesivo indossabile, che si attacca alla pelle come un cerotto, può misurare costantemente le dimensioni di alcuni tumori e trasmettere le informazioni in modalità wireless a uno smartphone. Il dispositivo, sviluppato da Hsing-Wen Sung della National Tsing Hua University di Taiwan e colleghi, è stato descritto sulla rivista ACS Nano
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Tumore al seno, l’Intelligenza artificiale può risparmiare alle donne terapie inutili
Grazie all'Intelligenza artificiale è possibile sapere in anticipo se una donna con tumore al seno beneficerà o meno di un trattamento. Un gruppo di ricercatori della Northwestern University, Usa, ha messo a punto un nuovo strumento che potrebbe evitare alle pazienti trattamenti chemioterapici non necessari. Lo studio è stato pubblicato su Nature Medicine
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...