Salute 24 Giugno 2019

A Milano il “processo allo zucchero” si è concluso con la sua ‘condanna’. Rossi (OMCeO Milano): «Limitarlo ma senza demonizzazioni»

Alla Statale l’evento organizzato dall’Ordine dei Medici di Milano che ha visto sul banco degli imputati lo zucchero. Nel ruolo di pubblico ministero il magistrato Fabio Roia. «Il problema è la quantità. E poi ancora come si introducono gli zuccheri, con quali alimenti vengono presi. È la misura che fa la differenza», aggiunge Rossi

di Federica Bosco

Condannato ad un anno di servizi sociali: si è concluso così il processo allo zucchero, imputato di essere causa di aumento di peso ed insorgenza di diverse malattie. Il curioso processo, guidato dal magistrato Fabio Roia, si è tenuto presso l’aula magna dell’università statale di Milano alla presenza di Medici e scienziati nelle vesti di giudici e difensori. Imputato lo zucchero, rappresentato per l’occasione da Vincenzo Santoro della pasticceria Martesana. L’iniziativa, ideata dall’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Milano, è stata realizzata in collaborazione con Cultural Frame Food e con l’ordine dei tecnologi alimentari di Regione Lombardia e Liguria.

«Si tratta di una formula molto interessante per analizzare un alimento – spiega Andrea Senna, Vicepresidente OMCeO Milano -questa è la terza edizione. Abbiamo iniziato con la carne rossa, poi il latte e quest’anno imputato è lo zucchero. Ma, anziché fare un evento frontale con relazioni scientifiche, che magari avrebbero potuto annoiare il pubblico, abbiamo deciso di fare una sorta di spettacolo teatrale, con i magistrati del nostro tribunale di Milano nelle vesti di attori che si sono prestati a sostenere questa parte».

Per Roberto Carlo Rossi Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano «lo zucchero è da condannare, ma occorre anche ricordare che i carboidrati sono alla base della vita e della respirazione cellulare e senza carboidrati noi non potremmo stare. Il problema è la quantità. E poi ancora come si introducono gli zuccheri, con quali alimenti vengono presi. È la misura che fa la differenza».

LEGGI ANCHE: LO ZUCCHERO FA MALE AL CUORE? CALABRESE: «CI DA’ GIOIA NEL PALATO ED ENERGIA NEI MUSCOLI. L’IMPORTANTE E’ NON ABUSARNE»

Presidente, come si educano gli italiani ad un uso corretto dello zucchero?

«L’obesità infantile sta dilagando, così come le calorie nelle bevande zuccherate per i ragazzini, nelle merendine e negli snack».

È giusta la condanna dello zucchero?

«Sì, ma nessuna demonizzazione però! Una bevanda gasata ogni tanto è possibile, ma con la consapevolezza che si sta introducendo una grossa quantità di zuccheri. Questo messaggio deve arrivare anche ai più piccoli».

Una dieta corretta quanto zucchero ammette? 

«Gli zuccheri semplici non dovrebbero superare il 10% dell’introito giornaliero. Gli zuccheri semplici sono i monosaccaridi e i disaccaridi. Gli zuccheri complessi sono gli amidi, che troviamo ad esempio in pasta e pane. Quindi il quantitativo è molto ridotto, se si considera che molti alimenti contengono già parecchi zuccheri semplici, ad esempio la frutta che è ricca di fruttosio. È evidente quindi che dobbiamo limitare molto il consumo dello zucchero».

Articoli correlati
Ospedale Fatebenefratelli di Erba: «Morire di dolcezza… Ecco la pericolosità delle bevande zuccherate»
Il consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici, può essere collegato a maggior rischio di morte per tutte le cause. Lo conferma la dietista dell’Ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba (Como), Tiziana Casati, commentando lo studio condotto dallo IARC e pubblicato da JAMA Internal Medicine. Secondo lo studio, rispetto a un basso consumo […]
Specializzandi in corsia, Rossi (OMCeO Milano): «Bene i 2mila della Lombardia, ma si punti alla formazione non a usarli come tappabuchi…»
In Lombardia ben 2mila specializzandi in corsia per arginare la carenza di camici bianchi a partire dal prossimo mese di ottobre. Quella che, da un lato, potrebbe sembrare una buona notizia, dall’altra sembra aver generato qualche preoccupazione nella categoria già scossa dal “caso Veneto”
di Federica Bosco
Tumori, malattie cardiovascolari, diabete: tutta colpa dello zucchero? Parola agli esperti
Secondo Paolo Toniolo, New York University, lo zucchero in eccesso fa male «perché ha effetti metabolici molto importanti, soprattutto per il fegato. In particolare, ad essere dannoso è il saccarosio, quello che si mette nel caffè, nei dolci». Per Franco Folli (San Carlo Milano) bisogna ridurre il consumo di zuccheri raffinati, ma anche i consumi di alimenti ultra-processati, provenienti dall’industria»
di Federica Bosco
Cancro: come si combatte a tavola? Beretta (Aiom): «Zucchero traditore, troppo consumo aumenta lo stato infiammatorio»
«Un eccesso di zuccheri crea uno stato infiammatorio che favorisce l’insorgenza di cellule tumorali», sottolinea Giordano Beretta, oncologo dell’Ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo
di Federica Bosco
300mila cause contro i medici, a Milano una denuncia al giorno. Arbitrato della salute e innovazione come soluzioni
A Milano convegno promosso da Consulcesi sul tema del contenzioso medico-paziente. Il Presidente della Commissione Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri, annuncia iniziativa legislativa per arginare il contenzioso: «Tornare ad un rapporto sano medico-paziente». Roberto Carlo Rossi (Presidente OMCeO Milano): «Proposta indispensabile per raffreddare il contenzioso e ristabilire rapporto empatico con i pazienti certificando la loro soddisfazione grazie alla Blockchain»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...