Lavoro 23 Febbraio 2021 09:30

Campagna vaccinale, Rossi (OMCeO Milano): «Tutti i medici devono ricevere Pfizer»

Il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano: «Scelta sbagliata somministrare Astrazeneca ai libero professionisti quando gli ospedalieri hanno ricevuto Pfizer. E per la campagna degli over 80 troppa burocrazia nelle prenotazioni»

di Federica Bosco
Campagna vaccinale, Rossi (OMCeO Milano): «Tutti i medici devono ricevere Pfizer»

Con 593mila dosi, la Lombardia è al primo posto tra le regioni italiane per numero di vaccini anti-Covid somministrati. Un primato che non esenta la regione da critiche provenienti dalle categorie sanitarie. Il presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Milano, Roberto Carlo Rossi, alza gli scudi in difesa dei libero professionisti: non sono medici di serie B, sostiene, e ai nostri microfoni spiega perché non condivide il trattamento a loro riservato.

«No a medici di serie B»

«I medici libero professionisti ed odontoiatri in molti casi vengono vaccinati con Astrazeneca e invece per gli ospedalieri e i medici di medicina generale si usava Pfizer. Al di là del fatto che entrambi i prodotti possono essere validi, la differenza ha generato giuste rimostranze. Non perché non si abbia fiducia in un farmaco – puntualizza -, ma la cosa più logica sarebbe continuare con lo stesso vaccino. Per questo abbiamo fatto richiesta alla Regione».

Troppa burocrazia nelle prenotazioni

Nel frattempo, è partita la campagna vaccinale anti-Covid per gli over 80.  Nelle ultime 48 ore in Lombardia sono state somministrate da ATS oltre 6000 dosi, mentre le adesioni sono a quota 470 mila. Di queste 300 mila effettuate sul portale, 140 mila attraverso i farmacisti e 19 mila dai medici di medicina generale. Il presidente dell’Ordine dei medici di Milano lamenta però una certa difficoltà nel gestire le prenotazioni.

«Ai nastri di partenza c’è stato un problema di definizione dei ruoli – commenta Rossi -. In Regione hanno pensato che a prendere gli appuntamenti fosse il medico di medicina generale. Ipotesi impraticabile, perché non solo la procedura prevista comporterebbe l’identificazione di un codice OTP sul telefono e la stampa del documento da consegnare in formato cartaceo agli over 80 prenotati, ma richiederebbe la presenza costante di un professionista per gestire la parte burocratica. Una procedura macchinosa, complessa, impossibile da svolgere per chi ha oltre 300 anziani con più di ottanta primavere. Quindi abbiamo chiesto l’attivazione di un comitato regionale per evadere le pratiche – aggiunge Rossi, – e al contempo abbiamo anche chiesto aiuto per la vaccinazione a domicilio da effettuare a coloro che non sono trasportabili».

«Partenza in salita»

«Bisogna ragionare sui grandi numeri – continua – e assumere personale qualificato, come ingegneri gestionali, che si occupino di questo aspetto. La partenza della campagna vaccinale non mi sembra ben riuscita, ma sono pronto a ricredermi se i fatti mi dovessero smentire».

All’ospedale in fiera primi vaccini agli agenti di polizia locale

Il 15 febbraio sono state somministrate le prime dosi ai medici di medicina generale e ai libero professionisti. Previste 550 dosi al giorno per un totale di 2900 presso il COM di Milano, (Centro Ospedaliero Militare) in collaborazione con l’ASST Santi Paolo e Carlo. Ieri, invece, presso il Centro vaccinale dell’ospedale in fiera ha preso il via la campagna vaccinale degli agenti di polizia locale. Sono intervenuti per l’occasione il Capo della polizia, Franco Gabrielli, e il Prefetto di Milano Renato Saccone.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Piano vaccinale anti-Covid, a che punto siamo su disabilità e RSD
Il punto della situazione su Lombardia e Veneto. Uneba: «Attenzione dalle istituzioni, ma la campagna va a rilento». IRPEA: «Si procede a macchia di leopardo, soffriamo mancanza di coordinamento regionale»
Covid-19, Sileri: «Adesso non serve lockdown nazionale. Ecco perché difendo il sistema dell’Italia a colori»
Il Viceministro uscente alla Salute spiega: «La situazione è sotto controllo, non è che ogni volta che c’è una variante nuova dobbiamo pensare che sia per forza peggiorativa». E sui vaccini dice: «Non ci sono medici di serie A e medici di serie B. L’unico problema di Astrazeneca sono le 12 settimane tra la prima e la seconda dose»
Campagna vaccinale anti-Covid, il ruolo delle farmacie ospedaliere
Chi è e cosa fa il farmacista ospedaliero? Lo abbiamo chiesto a Gabriele Savini, dirigente farmacista presso l’Ospedale di Tivoli Asl Roma 5, che ci ha spiegato in particolare in che modo la farmacia ospedaliera è stata coinvolta nella campagna vaccinale anti-Covid in corso.   Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Vaccini Covid, Anelli (FNOMCeO): «Liberare i brevetti»
«L’emergenza è tale per cui l’accesso alla vaccinazione del maggior numero possibile di persone non risponde solo ai principi etici di universalità, equità e uguaglianza ma anche a una precisa strategia di prevenzione»
Covid, Spandonaro (CREA): «Vaccinare gli operatori sanitari è stata la parte facile, ora inizia il vero stress test»
Intervista al docente di Economia Sanitaria all'Università Tor Vergata di Roma: «C’è un problema di ordinativi, sottovalutata la complessità della produzione di massa»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...