Salute 22 Febbraio 2021 10:27

Raggiunto l’accordo tra Regioni e Mmg per le vaccinazioni Covid. La soddisfazione dei medici

Bonaccini annuncia il sì al protocollo d’intesa tra Regioni e Medici di medicina generale per le vaccinazioni Covid. Soddisfazione espressa da Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Smi e Fimmg Continuità Assistenziale per il proprio coinvolgimento

Raggiunto l’accordo tra Regioni e Mmg per le vaccinazioni Covid. La soddisfazione dei medici

Siglato un protocollo d’intesa tra Regioni e medici di medicina generale per le vaccinazioni contro il Covid-19. Lo ha fatto sapere il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, che ha aggiunto che l’accordo «permette di guardare al futuro organizzativo della campagna vaccinale con maggiore ottimismo».

«Con la sottoscrizione di questo nuovo accordo – ha aggiunto – potremo infatti organizzare in modo più efficace e capillare sul territorio le vaccinazioni e implementarle, dando così respiro a tutti gli altri comparti sanitari in prima linea».

I contenuti del protocollo

Si tratta di un protocollo nazionale, che coinvolge tutti i medici di medicina generale e che andrà poi coniugato singolarmente da ogni regione, differenziandosi in base alle fasce di popolazione da vaccinare e alla logistica di conservazione dei vaccini.

Ognuno riceverà un sicuro approvvigionamento che garantirà di rispettare i tempi organizzativi verso i propri assistiti. La platea dei soggetti sarà stabilita in relazione a età, condizioni croniche, patologie, modalità di conservazione e disponibilità effettiva dei vaccini.

Al medico starà poi il dovere dell’aggiornamento dell’anagrafe vaccinale. Quest’ultimo approntato da una piattaforma di registrazione regionale che trasferirà i dati a livello nazionale. Modalità di prestazione e dotazioni obbligatorie per lo studio medico saranno disciplinati come durante i programmi di vaccinazione antinfluenzale.

Mmg anche in supporto nei centri vaccinali

I mmg potranno intervenire anche nei locali delle aziende sanitarie, ovvero i centri vaccinali, a supporto oppure nello stesso domicilio del paziente da vaccinare. Il Commissario straordinario Covid-19 assicurerà, oltre alla fornitura di vaccini, i materiali ausiliari e di consumo per rendere possibile la vaccinazione.

Per farlo sarà previsto un finanziamento aggiuntivo ad integrazione del Fondo sanitario e c’è l’impegno del Governo ad adottare uno o più provvedimenti di urgenza per lo stanziamento delle risorse necessarie.

«Siamo sulla buona strada, – ha concluso Bonaccini – che è quella della concertazione e del coinvolgimento di tutti gli attori del nostro sistema sanitario per rispondere con forza alla pandemia».

Anelli (Fnomceo): «Milioni di italiani vaccinati da mmg per influenza, sanno come fare»

«Sono i medici che vaccinano, tenerli in panchina sarebbe stato come giocare una partita tenendo i titolari di una squadra fuori. I camici bianchi di famiglia hanno vaccinato milioni di italiani contro l’influenza in piena seconda fase di pandemia. Sanno come fare, conoscono i pazienti, conoscono le patologie. Per questo sono quelli che possono dare oggi un grandissimo apporto alla campagna di vaccinazione», ha commentato all’Adnkronos Salute Filippo Anelli, presidente Fnomceo.

«Il rapporto di fiducia che lega il cittadino al proprio medico – ha continuato Anelli – consente anche di organizzare la vaccinazione con il dovuto rispetto e la dovuta attenzione alle fragilità. Ogni medico, per esempio, sa quale paziente può o non può muoversi dal domicilio. Può rispondere meglio agli eventuali dubbi degli assistiti conoscendone la storia clinica, può spiegare perché fare la vaccinazione o, nel caso ci fossero controindicazioni, perché non farlo. Tutto questo consente di rispettare meglio la dignità della persona in quelle situazioni in cui è necessaria più privacy nella somministrazione, soprattutto per i pazienti più fragili».

Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn: «Intesa giusta, ma ora nuovo contratto»

Sono subito arrivate le prime manifestazioni di soddisfazione da parte degli attori della scena sanitaria. La Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn l’ha definito un «accordo che mette ordine nella giungla degli accordi regionali, che definisce linee guida e procedure organizzative necessarie ad uniformare il piano vaccini sul territorio nazionale e che qualifica la centralità del ruolo dei medici di medicina generale indispensabili per il contrasto alla pandemia». 

«Ora però – è l’ulteriore richiesta – è necessario dare ai professionisti un nuovo contratto. Dopo aver già sottoscritto l’accordo economico nel 2019, ora non è più rinviabile la sottoscrizione della parte normativa necessaria per uniformare e rendere esigibili sul territorio nazionale tutele e diritti dei medici. Le carenze dell’assistenza territoriale drammaticamente evidenziate dalla pandemia sono chiaramente riconducibili alla mancata integrazione dei servizi dovuta anche alla frammentazione dei rapporti di lavori in convenzione dei medici di medicina generale». 

Fimmg Continuità Assistenziale: «Coinvolti medici di C.A., ma solo chi avrà ricevuto vaccino»

«Il ministro ha accolto la nostra richiesta, siamo molto soddisfatti e siamo certi che il coinvolgimento dei medici di Continuità Assistenziale garantirà nuovo impulso alla campagna vaccinale. Ora andremo avanti sui tavoli regionali per garantire che i medici di Continuità Assistenziale possano svolgere questo lavoro in contesti idonei e in assoluta sicurezza». Si è così espressa Tommasa Maio, Segretario Nazionale di Fimmg Continuità Assistenziale.

«Una richiesta – ha detto – mossa nella consapevolezza della necessità di rendere sinergiche e ottimizzare le risorse professionali già presenti sul territorio, con gli oltre 17.500 medici di Continuità Assistenziale pronti a dare un significativo contributo alla campagna vaccinale per raggiungere nei tempi più rapidi possibili gli obiettivi di salute pubblica».

Si apre a questo punto un intenso lavoro, regione per regione, così da definire le modalità attraverso le quali i medici di Continuità Assistenziale potranno essere coinvolti. «Modalità – conclude il Segretario Nazionale – che dovranno essere le più idonee alle caratteristiche e al modello assistenziale di ciascuna realtà. In nessun caso si potrà prescindere dalla garanzia che i medici di Continuità Assistenziale chiamati a vaccinare abbiano a loro volta ricevuto la somministrazione del vaccino. Su questo saremo intransigenti».

Onotri (Smi): «Tutti i medici di medicina generale possono aderire»

A firmare l’accordo anche il Sindacato Medici italiani, ha dichiarato Pina Onotri, segretario generale dello Smi. «Avevamo fatto una proposta che aveva come un obbiettivo vaccinare il 70% della popolazione in un lasso di tempo breve, per far sì che l’immunizzazione di massa fosse più efficace possibile. Per questo avevamo chiesto un finanziamento congruo e certo (un miliardo e 200 milioni di euro) perché convinti che con queste risorse avremmo valorizzato l’autonoma organizzazione dei medici di medicina generale che, dotandosi di collaboratori amministrativi e sanitari, avrebbero potuto sul serio dare avvio sul tutto il territorio nazionale a tanti mini hub vaccinali e raggiungere così l’obbiettivo di vaccinare la maggioranza della popolazione nel più breve lasso di tempo possibile. Ai decisori politici è mancato il coraggio di scommettere su di noi. Faremo quel che potremo con i mezzi che ci hanno messo a disposizione» ha però rimarcato.

«Abbiamo chiesto, inoltre – ha continuato Onotri – che tutti i medici di medicina generale (C.A, A.P, 118 e MdS) possano aderire alla campagna vaccinale. Il vaccino anti Covid rientra nelle fattispecie dei vaccini non obbligatori, soggetti a preventiva autorizzazione, prima di poterli effettuare e come tali sono retribuiti. Rientrano nell’obbligo di categoria, ma non del singolo soggetto».

«Con tamponi era marketing politico, ora daremo contributi fattivo al Paese»

«L’adesione dello SMI alla campagna vaccinale anti-Covid  parte dalla consapevolezza che, mentre con l’effettuazione dei tamponi avremmo solo contribuito ad un’operazione di marketing politico, con l’adesione alla campagna vaccinale cercheremo di dare un reale e fattivo contributo al Paese per uscire da un’emergenza che ci sta mettendo a dura prova e come persone e come medici. Siamo ancora in guerra e siamo ancora in prima linea».

«Riporto qui – ha concluso – le parole della collega Chiara Catalano, figlia di un nostro collega Nazareno Catalano, Presidente Smi Toscana, deceduto per Covid, che ha ricordato il padre nel giorno della memoria in ricordo dei sanitari colpiti dal virus: “Non siamo angeli, non siamo eroi, non siamo infallibili, ma siamo sempre dalla vostra parte“. È questo il significato della nostra firma a questo accordo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccino J&J approvato negli Usa, in Europa quando? L’Ema non esamina Sputnik, ma a Praga lo acquisteranno
Fda ha detto sì al vaccino Johnson&Johnson, somministrabile in una sola dose. In Ue approvazione entro aprile, è invece lontana quella del siero russo Sputnik V. Alcuni stati, tra cui la Repubblica Ceca, hanno deciso di bypassare l'Ema e acquistarlo da sé
Consiglio europeo, la Ue alle case farmaceutiche: «Basta tagli e ritardi improvvisi sui vaccini»
Il Consiglio europeo rinnova l'impegno per cercare luoghi consoni a una produzione tutta europea. Passi avanti sul certificato vaccinale. Draghi interviene e chiede certezze
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati
Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori». Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»
Snami Lazio: «Sì alla campagna vaccinale anti-Covid ma tutele per i medici vaccinatori»
Il sindacato autonomo dei medici Snami ha aderito alla Campagna vaccinale anti-COVID-19 organizzata nella Regione Lazio, ma ha chiesto di tenere conto di alcune precisazioni nell’elaborazione del Dispositivo Regionale attutativo (DCA). «Lo SNAMI Lazio – si legge in un comunicato – dopo il Comitato regionale per la Medicina generale svoltosi in data 12/2 u.s., ha […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...