Lavoro 19 Febbraio 2021 08:50

Giornata personale sanitario, Anelli (Fnomceo): «Nostre professioni uniscono il Paese»

Raggiunto da Sanità Informazione nella Giornata del personale sanitario, socio-sanitario e volontario contro Covid-19, a un anno dall’inizio della pandemia, il presidente Fnomceo Filippo Anelli parla di «un momento di riflessione sulla capacità di queste professioni di mantenere unito il Paese»

A un anno esatto dalla scoperta del primo paziente italiano affetto da Covid-19, l’Italia rivive quei dolorosi momenti nella Giornata nazionale del personale sanitario, sociosanitario, socioassistenziale e del volontariato contro Covid-19, istituita e approvata dal Parlamento unanimemente.

Mentre l’anestesista Annalisa Malara nell’ospedale di Codogno diagnosticava a Mattia Maestri qualcosa «di più di una semplice polmonite», il Paese tremava al pensiero di una diffusione del virus. E 365 giorni dopo i morti per Covid sono quasi 100mila, tra questi 324 medici e 81 infermieri. Vite che la lotta alla pandemia ha strappato, ma non “sconfitto”.

Evento in Fnomceo per celebrare la Giornata

Il personale sanitario e quello volontario continuano senza sosta a combattere il virus e oggi si celebra la resilienza loro e di tutti i colleghi caduti. Sanità Informazione ha raggiunto il presidente della Fnomceo (Federazione nazionale degli Ordini dei Medici) Filippo Anelli, per un pensiero sulla Giornata. Oggi, alla sede Fnomceo di Roma, un evento celebrativo con la partecipazione di Roberto Speranza e dei presidenti di Camera e Senato.

«Credo che si debba ringraziare il Parlamento per questa norma di legge – esordisce – che istituisce una giornata di solennità civile e quindi un momento in cui tutta la nazione è chiamata a ricordare l’impegno, la passione e la dedizione di tutto il personale sanitario, socio-sanitario, il personale socio-assistenziale e il volontariato».

Anelli: «Non è giornata di festa, ricordiamo vittime»

Usa la parola “ricordare” il presidente Anelli, non “celebrare” perché «non è una giornata di festa purtroppo, in questa ricorrenza ricordiamo i nostri colleghi deceduti per Covid. È e deve essere un momento di riflessione su quello che è successo». «Sul fatto – aggiunge – che queste professioni oggi sono state quelle che sono riuscite a tenere il Paese unito, al di là delle carenze e delle conseguenze dei tanti tagli che nel passato ci sono stati in sanità».

Un dovere che tutti hanno sentito allo stesso modo. «Medici, infermieri e tecnici – spiega Anelli – si sono spesi alla stessa maniera, da nord a sud, con le competenze che sono proprie di ogni specifica professione e sono riusciti a dare questo senso di unità al Paese». Un segnale importantissimo per tutti perché «queste professioni consentono ai cittadini di godere di quei diritti previsti all’interno della nostra Costituzione, che vanno dal diritto alla vita e alla salute, ma anche al diritto all’uguaglianza e quindi a quello di accedere al Servizio sanitario nazionale, di avere una scelta libera con una ricerca libera».

Una giornata per ricordare, dunque «che le nostre professioni sono strumento di unità della nostra nazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
ECM, i vertici della sanità: «Nessuna proroga. Provvedimenti amministrativi per chi non sarà in regola»
Monaco (FNOMCeO): «Mettersi in regola per evitare sanzioni». Bartoletti (Fimmg): «Dura lex sed lex, se ci sono sanzioni l’Ordine le applica». Amato (OMCeO Palermo): «Nel momento in cui arriveranno le lettere dal Co.Ge.A.P.S dovremo procedere». Mangiacavalli (Fnopi): «No a nuovo allargamento maglie: si svilirebbe il senso della formazione continua»
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...