Salute 18 Febbraio 2021 17:21

Territorio, telemedicina e vaccini: il programma di Draghi ricalca quello di Speranza. E lo supera

La sanità secondo Draghi somiglia a quella immaginata nella bozza di Recovery Plan dello scorso governo. Ma il neo presidente del Consiglio ha aggiunto il suo tocco: piano vaccini e velocità d’esecuzione all’ordine del giorno come Israele

Territorio, telemedicina e vaccini: il programma di Draghi ricalca quello di Speranza. E lo supera

Nuovo governo, nuovo programma. A pochi giorni dal suo arrivo, il neo-presidente del Consiglio Mario Draghi ha tenuto un lungo discorso programmatico in Senato, enunciando i propri punti fermi. Tra tutti i campi toccati, la sanità è quella che ha ricevuto il minor numero di scossoni rispetto alla riforma sanitaria pensata in autunno per il Recovery Fund. La riconferma di Roberto Speranza alla guida del Ministero della Salute ha chiaramente guidato questa scelta, risultando in un elenco di priorità, seconde solo alla lotta alla pandemia, che vanno nella naturale direzione già disposta dal governo Conte bis.

Territorio da rafforzare per liberare gli ospedali

A cominciare dalla medicina del territorio e il suo potenziamento. Un aspetto da «rafforzare e ridisegnare» secondo Draghi, attraverso una forte rete di servizi di base. Case e ospedali di comunità, centri di salute mentale e consultori, per esempio. Sempre con l’obbiettivo di lasciare agli ospedali la gestione delle esigenze sanitarie più importanti e di mantenere i “Livelli essenziali di assistenza” accessibili da vicino.

Una visione che corrisponde a quella disegnata a Sanità Informazione mesi fa da Maria Vicario, presidente Fnopo (Federazione nazionale degli Ordini delle Ostetriche). «Promuovere la continuità assistenziale e ridurre alle effettive esigenze per il ricorso all’ospedalizzazione» chiedeva Vicario. Chiedendo di applicare quel modello di «ostetricia di famiglia e di comunità già previsto da alcuni SSR».

Così anche Alessandro Beux, presidente Fno Tsrm e Pstrp per le altre professioni sanitarie. Che nella sua «radicale revisione» chiedeva di «digitalizzare, territorializzare e domiciliarizzare la sanità», evitando che lo si faccia sulla base delle logiche parziali e di parte che hanno caratterizzato le scelte pre-pandemiche.

Casa luogo di cura, anche grazie alla tecnologia

Draghi ha inoltre ripreso le parole che Speranza aveva utilizzato ad ottobre 2020. «La casa – ha detto – come principale luogo di cura è oggi possibile con la telemedicina, con l’assistenza domiciliare integrata». Riportando così anche il secondo grande punto caro al ministro della Salute: l’assistenza aiutata dalla tecnologia, che il presidente punta a migliorare con il Next Generation UE.

Una sanità che parli davvero al futuro, anche attraverso macchine e tecnologie che possano scioglierne i nodi più complessi. Quei nodi che anche secondo Silvestro Scotti, presidente Fimmg, impediscono a una sanità territoriale in buona forma di funzionare al meglio delle proprie possibilità.

La tecnologia, come ricorda la Simg (Società italiana di medicina generale) può e deve essere anche un aiuto per il cittadino, che tramite gli strumenti più adatti potrà coordinarsi meglio con il medico. «Code fisiche, telefoniche e telematiche per prenotare e avere risposte devono sparire. Cartacce, timbri e autorizzazioni devono sparire. Si possono trasferire milioni di euro con un click e non si riesce a prenotare un emocromo o una ecografia o prenotare un tampone per Covid?», resta la raccomandazione.

Ma ora il piano vaccini è al centro: tutti faranno la propria parte

Pur mantenendosi aderente al programma autunnale del ministro, Draghi ha aggiunto un importante punto sul piano vaccini, allora impossibile da prevedere per Speranza, in quanto non ne era stato approvato ancora nessuno. Su questo il presidente del Consiglio propone un vero e proprio cambio di rotta.

«La nostra prima sfida è, ottenutene le quantità sufficienti, distribuire il vaccino rapidamente ed efficientemente. Abbiamo bisogno di mobilitare tutte le energie su cui possiamo contare, ricorrendo alla protezione civile, alle forze armate, ai tanti volontari. Non dobbiamo limitare le vaccinazioni all’interno di luoghi specifici, spesso ancora non pronti: abbiamo il dovere di renderle possibili in tutte le strutture disponibili, pubbliche e private».

Per farlo Draghi ha promesso di guardare alle esperienze più funzionali fuori dall’Italia, come quella di Israele che ha annunciato di aver vaccinato circa il 90% degli over 60. «La velocità è essenziale», ha ribadito. Considerazione che ricorda quella fatta da Filippo Anelli, presidente Fnomceo, nella sua «visione illuminata della sanità» fatta di controllo epidemiologico concreto: tamponi diffusi e disponibili in maniera capillare, monitoraggio dei nuovi focolai e coinvolgimento dei “medici sentinella” per assicurare la protezione di tutti i cittadini.

Uniformità, efficacia ed efficienza i valori richiesti allora dal capo degli Ordini dei Medici. Sposati ora in tutto e per tutto dal nuovo governo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Specialisti spostati in altri reparti a causa dell’emergenza Covid, il Consiglio di Stato rimette tutto in discussione
Una recente pronuncia sancisce un importante principio per il personale sanitario adibito, durante l’emergenza da Covid-19, a prestazioni che esulano dalla specializzazione conseguita. L’intervista all’esperto
Accordo sul Green pass e lo strappo della Lega, cosa succede in Aula
La Lega ha votato contro il Green pass nei ristoranti al chiuso insieme a Fratelli d'Italia ed ha aperto una frattura
Speranza al Meeting di Rimini: «Sui vaccini no a diseguaglianze tra Paesi. Ora investire sul personale sanitario»
Il ministro della Salute: «Se non aiuteremo tutti i Paesi del mondo a vaccinarsi, molto presto ci arriveranno altre varianti. Serve una rete internazionale capace di assumere decisioni e di detenere una sovranità superiore a quella delle nazioni in tema di sanità»
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Cure domiciliari, raggiunta intesa tra Stato e Regioni. Speranza: «Ora servizi avanzati e omogenei in tutto il Paese»
Entro 12 mesi le Regioni e le Province autonome dovranno attivare il sistema di autorizzazione e di accreditamento delle organizzazioni pubbliche e private per l’erogazione di cure domiciliari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco