Non Categorizzato 20 Maggio 2020

Vicario (FNOPO): «Meno ospedalizzazione, più servizi territoriali e continuità assistenziale»

L’epidemia da Coronavirus ha messo in luce le disfunzioni e le falle di uno dei migliori servizi sanitari esistenti al mondo, per il quale però negli ultimi decenni si è investito poco e tagliato molto. L’emergenza COVID-19 ha insegnato, quindi, che è finito il tempo delle attese per rivedere i modelli organizzativi territoriali e ospedalieri, […]

di Maria Vicario, Presidente FNOPO

L’epidemia da Coronavirus ha messo in luce le disfunzioni e le falle di uno dei migliori servizi sanitari esistenti al mondo, per il quale però negli ultimi decenni si è investito poco e tagliato molto. L’emergenza COVID-19 ha insegnato, quindi, che è finito il tempo delle attese per rivedere i modelli organizzativi territoriali e ospedalieri, rinforzare la rete dei servizi territoriali, promuovere la continuità assistenziale e ridurre alle effettive esigenze per il ricorso all’ospedalizzazione.

La FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della professione di ostetrica) chiede la definizione del reale fabbisogno di ostetriche da impiegare nei SSN e SSR per l’applicazione, a livello ospedaliero, delle Linee di indirizzo per la definizione e l’organizzazione dell’assistenza in autonomia da parte delle ostetriche alle gravidanze a basso rischio ostetrico (BRO) emanate dal Ministero della Salute già nel 2017. A livello territoriale per gli attuali e futuri bisogni delle donne/coppie la FNOPO sollecita la politica affinché venga applicato, in modo capillare, il modello di ostetricia di famiglia e di comunità già previsto da alcuni SSR e per il quale è stato anche definito un percorso di specializzazione.

Inoltre, l’acceso al punto nascita con pre-triage e conseguente separazione dei percorsi (COVID positivo o sporco e pulito o Covid-free), che si è dovuto realizzare nell’attuale emergenza Covid-19, deve essere strutturalmente mantenuto affinché l’ospedale continui a essere il luogo più sicuro dove scegliere di partorire. Le ostetriche hanno continuato a stare sul campo con grande resilienza accanto alle donne che nonostante la pandemia hanno affrontato il parto, hanno dimostrato una notevole capacità di riorganizzare il loro modo di dare assistenza alla donna in tutto il percorso perinatale attraverso corsi di accompagnamento alla nascita a distanza, attivando linee telefoniche dedicate, dunque garantendo la loro vicinanza alla donna anche con la tecnologia. Le ostetriche hanno tutelato le mamme e i loro bambini rispettando, e facendo rispettare, le procedure di prevenzione del rischio di contagio attraverso l’adozione di sistemi di protezione individuali per la donna, il partner e sé stessa.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Regno Unito: ostetriche, farmacisti e studenti potrebbero somministrare il vaccino anti-Covid
Dopo la modifica del regolamento sui medicinali, il Regno Unito ha approvato l'uso in emergenza di un vaccino contro Covid e la creazione di una "forza lavoro ampliata"
Gravidanza e Covid, durante il lockdown 90% in meno di parti prematuri
Lo studio incrociato a livello europeo. Vaccari (Fnopo): «Riposo, cura di sè e vicinanza agli affetti proteggono madre e bambino»
Seconda giornata sicurezza delle cure, Fnopo: «Sicurezza ostetriche, donne e bambini vera priorità»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica aderisce e partecipa attivamente alla seconda Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute con un proprio hashtag: #sicurezzaostetricheesicurezzadonneebambini
Recovery Plan, Fnopo: «Riorganizzare il territorio con ostetrica di famiglia e comunità»
L'appello della Federazione al governo per rimettere al centro salute di genere e denatalità: l'ostetrica di famiglia e comunità per sostenere le donne e i loro bisogni
Partorire senza accorgersene: un fenomeno rarissimo “spia” di alcune problematiche
Vicario (FNOPO): «Il parto completamente indolore è causato da incontinenza cervico-istmica e raccorciamento uterino, che predispongono anche a poliabortività e parti pretermine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...