Salute 17 Novembre 2021 11:08

Vaccinare i bambini essenziale per immunità di gregge. Mannucci (Aifa): «Insensati timori su effetti a lungo termine»

«I bambini rispondono meglio degli adulti ai vaccini, l’approvazione della FDA negli Usa è un segnale preciso»

di Federica Bosco
Vaccinare i bambini essenziale per immunità di gregge. Mannucci (Aifa): «Insensati timori su effetti a lungo termine»

Dopo l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) del vaccino anti-Covid di Pfizer-BioNTech per i bambini dai 5 agli 11 anni, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno dato il via libera per la nuova campagna vaccinale negli Stati Uniti che di fatto è partita lo scorso 3 novembre. Un risultato che dovrebbe dare un impulso alla decisione di Ema, che sul tema di esprimerà il prossimo 29 novembre. Prima, il Comitato per i medicinali umani (CHMP), che sta valutando l’uso del vaccino Covid-19 ai bambini, non è intenzionato a rilasciare dichiarazioni.

Mannucci (AIFA): «Vaccini ai bambini fondamentali per raggiungere immunità di gregge»

«Il Comitato esaminerà i dati sulla sperimentazione del vaccino, compresi i risultati di uno studio clinico in corso su bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, al fine di decidere se raccomandarne l’uso. Il parere del CHMP sarà quindi trasmesso alla Commissione europea, che emetterà una decisione definitiva» scrive in una nota l’Agenzia Europea dei farmaci.

In attesa della decisione di Ema, tutto sembra andare verso un’approvazione, come ha sottolineato Pier Mannuccio Mannucci, membro della commissione vaccini di AIFA e professore emerito dell’Università Statale di Milano. «Sono convinto che il vaccino per i bambini dia più benefici che problemi – sottolinea –: rispondono meglio degli adulti al farmaco, mentre rischiano di infettarsi più facilmente e dunque sono dei vettori di trasmissione. Perciò fare il vaccino non serve tanto ai più piccoli; ma per raggiungere quell’immunità di gregge che ci metterebbe al sicuro».

«Ritorno a vita pre-Covid solo con 90% popolazione vaccinata, bambini compresi»

Proprio ieri, infatti, sono stati pubblicati i risultati di uno studio a cui hanno partecipato ricercatori dell’Istituto superiore di sanità, del ministero della Salute e dell’Istituto Bruno Kessler, secondo i quali un ritorno completo alla vita pre-Covid potrebbe essere raggiunto in sicurezza solo con la vaccinazione di oltre il 90% della popolazione, compresi i bambini dai 5 anni in poi.

Casi in aumento tra gli under 12

Allo studio di EMA è Comirnaty di BioNTech Pfizer. Il principio è lo stesso che viene somministrato agli adulti, ma in quantità ridotte, che ridurrebbe drasticamente il rischio di contrarre la malattia e, soprattutto, di svilupparne la forma grave. Un aspetto importante dal momento che i numeri degli ultimi mesi indicano un incremento di casi tra gli under 12. In poco più di due mesi, infatti, secondo i dati resi noti dell’Istituto Superiore di Sanità, il numero dei bambini tra i sei e i dieci anni che si sono ammalati è salito a 24 mila, mentre sono stati 239 i bambini colpiti dalla sindrome infiammatoria multi-sistemica.

«Occorre tenere presente che i piccoli quando si ammalano possono sviluppare anche patologie gravi – rimarca Mannucci – mentre tollerano bene i vaccini. La paura degli effetti a lungo termine che molti genitori hanno è comprensibile, dal momento che il vaccino è nuovo, ma non ha ragione di essere. L’approvazione degli Stati Uniti è un segnale preciso».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Report Iss, Rt a 1,23 e una Regione a rischio alto. Dal 1 dicembre terza dose per tutti gli over 18
Firmata la circolare per permettere la dose booster a tutti gli over 18 da inizio dicembre e prolungate le esenzioni per chi non può accedere alla vaccinazione. Intanto continuano ad alzarsi incidenza ed Rt e la maggior parte delle Regioni viaggia su rischio moderato
Green pass, Bartoletti (Fimmg): «Serve a tutelare salute dei non vaccinati»
«Mettere una persona non vaccinata a tavola con vaccinati la espone ad un rischio molto elevato di poter contrarre il Covid in forma anche grave. Essere chiari in questo senso, significa non limitare nessuno ma tutelare chi oggi il vaccino non ce l’ha non solo perché non lo vuole fare ma anche perché non lo può fare»
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
EMA ha approvato il vaccino Pfizer per i bambini dai 5 agli 11 anni
L'Agenzia europea del farmaco segue l'FDA e approva il vaccino anti-Covid per i bambini dai 5 agli 11 anni. La dose somministrata sarà inferiore a quella di un adulto: positivi i risultati degli studi ed effetti collaterali simili a quelli degli adulti
Sono un cittadino italiano vaccinato all’estero, come posso ottenere il Green pass?
Cosa fare per ottenere la certificazione verde? Quali vaccino somministrati all’estero sono validi anche in Italia? Le risposte del Governo
Quarta ondata, curare i pazienti Covid costerà 7 volte di più che vaccinarli
L’Altems ha effettuato un’analisi del profilo costo-efficacia della campagna vaccinale in Italia. Ecco i risultati
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano