Salute 17 Novembre 2021 11:08

Vaccinare i bambini essenziale per immunità di gregge. Mannucci (Aifa): «Insensati timori su effetti a lungo termine»

«I bambini rispondono meglio degli adulti ai vaccini, l’approvazione della FDA negli Usa è un segnale preciso»

di Federica Bosco
Vaccinare i bambini essenziale per immunità di gregge. Mannucci (Aifa): «Insensati timori su effetti a lungo termine»

Dopo l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) del vaccino anti-Covid di Pfizer-BioNTech per i bambini dai 5 agli 11 anni, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno dato il via libera per la nuova campagna vaccinale negli Stati Uniti che di fatto è partita lo scorso 3 novembre. Un risultato che dovrebbe dare un impulso alla decisione di Ema, che sul tema di esprimerà il prossimo 29 novembre. Prima, il Comitato per i medicinali umani (CHMP), che sta valutando l’uso del vaccino Covid-19 ai bambini, non è intenzionato a rilasciare dichiarazioni.

Mannucci (AIFA): «Vaccini ai bambini fondamentali per raggiungere immunità di gregge»

«Il Comitato esaminerà i dati sulla sperimentazione del vaccino, compresi i risultati di uno studio clinico in corso su bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, al fine di decidere se raccomandarne l’uso. Il parere del CHMP sarà quindi trasmesso alla Commissione europea, che emetterà una decisione definitiva» scrive in una nota l’Agenzia Europea dei farmaci.

In attesa della decisione di Ema, tutto sembra andare verso un’approvazione, come ha sottolineato Pier Mannuccio Mannucci, membro della commissione vaccini di AIFA e professore emerito dell’Università Statale di Milano. «Sono convinto che il vaccino per i bambini dia più benefici che problemi – sottolinea –: rispondono meglio degli adulti al farmaco, mentre rischiano di infettarsi più facilmente e dunque sono dei vettori di trasmissione. Perciò fare il vaccino non serve tanto ai più piccoli; ma per raggiungere quell’immunità di gregge che ci metterebbe al sicuro».

«Ritorno a vita pre-Covid solo con 90% popolazione vaccinata, bambini compresi»

Proprio ieri, infatti, sono stati pubblicati i risultati di uno studio a cui hanno partecipato ricercatori dell’Istituto superiore di sanità, del ministero della Salute e dell’Istituto Bruno Kessler, secondo i quali un ritorno completo alla vita pre-Covid potrebbe essere raggiunto in sicurezza solo con la vaccinazione di oltre il 90% della popolazione, compresi i bambini dai 5 anni in poi.

Casi in aumento tra gli under 12

Allo studio di EMA è Comirnaty di BioNTech Pfizer. Il principio è lo stesso che viene somministrato agli adulti, ma in quantità ridotte, che ridurrebbe drasticamente il rischio di contrarre la malattia e, soprattutto, di svilupparne la forma grave. Un aspetto importante dal momento che i numeri degli ultimi mesi indicano un incremento di casi tra gli under 12. In poco più di due mesi, infatti, secondo i dati resi noti dell’Istituto Superiore di Sanità, il numero dei bambini tra i sei e i dieci anni che si sono ammalati è salito a 24 mila, mentre sono stati 239 i bambini colpiti dalla sindrome infiammatoria multi-sistemica.

«Occorre tenere presente che i piccoli quando si ammalano possono sviluppare anche patologie gravi – rimarca Mannucci – mentre tollerano bene i vaccini. La paura degli effetti a lungo termine che molti genitori hanno è comprensibile, dal momento che il vaccino è nuovo, ma non ha ragione di essere. L’approvazione degli Stati Uniti è un segnale preciso».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Il ritorno dei medici non vaccinati: ovvero, dell’obbligo vaccinale tra politica, scienza e deontologia
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
La lunga battaglia contro la malaria, tra sfide vinte e ancora aperte
Da quando la sua eziologia è stata descritta per la prima volta più di 100 anni fa, la malaria è diventata una delle malattie infettive più conosciute al mondo. Tuttavia, nel 2019 ci sono stati ancora più di 620.000 decessi e circa 230 milioni di casi in tutto il mondo, quasi tutti nell'Africa subsahariana
di Stefano Piazza
Si può scegliere il tipo di vaccino da fare?
Non è possibile scegliere il vaccino anti-Covid da fare. Tuttavia, al momento della prenotazione è possibile selezionare la struttura in base al tipo di vaccino che somministra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa