Salute 12 Gennaio 2021 08:46

Riapertura scuole superiori, Esposito (OMS): «Possibile con screening, vaccini e lockdown intermittenti»

Comitati di genitori, medici ed infettivologi contro la DAD. La proposta di Susanna Esposito, ordinaria di Pediatria all’università di Parma e consulente dell’Organizzazione mondiale della sanità

di Federica Bosco
Riapertura scuole superiori, Esposito (OMS): «Possibile con screening, vaccini e lockdown intermittenti»

Il ritorno in aula in sicurezza dei ragazzi delle scuole superiori è possibile, con screening regolari, vaccini e lockdown intermittenti fino all’estate. Ne sono convinti i membri della comunità “Io Vaccino”, il comitato scuola e molti pediatri, tra cui Susanna Esposito, ordinaria di Pediatria all’università di Parma e consulente dell’Organizzazione mondiale della sanità, che bocciano la didattica a distanza.

Riapertura scuole superiori, Esposito: «È possibile»

«Paesi come la Svezia, che non ha mai chiuso le scuole, oltre che la letteratura internazionale, dimostrano che la diffusione del virus e la mortalità non sono associabili alla frequenza – esordisce Susanna Esposito in collegamento via Skype -. Non è stato, infatti, un elemento che ha impattato in modo significativo sulla circolazione virale, e l’autorità internazionale ha più volte ribadito che la chiusura delle scuole non è consigliabile», spiega la professoressa.

«Certo – aggiunge -, con le scuole aperte il numero delle persone in circolazione è più alto, ma i focolai scolastici possono essere prontamente identificati con il contact tracing, ovvero l’identificazione precoce del virus. La posizione di medici, pediatri, infettivologi e genitori è chiara: l’esperienza estera ha dimostrato che le scuole possono riaprire».

L’impatto psicologico della DAD

Una posizione rafforzata dal monitoraggio compiuto dall’Ordine Nazionale degli Psicologi su incarico del Ministero dell’Istruzione secondo cui sei adolescenti su dieci sarebbero stressati, uno su tre vorrebbe un supporto psicologico, quattro su dieci evidenziano difficoltà nello studio, tre su dieci si dichiarano apatici e stanchi, due su dieci sono irritabili e preoccupati con alto rischio di abbandono degli studi.

«Da mamma oltre che da medico e docente universitario credo che ci siano le condizioni per poter far tornare in presenza i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado – riprende Esposito –. Oltre alla diagnostica precoce è possibile ipotizzare test di ultima generazione da eseguire con facilità all’interno delle scuole a insegnanti e ragazzi ed organizzare, in caso di focolai, dei lockdown intermittenti. La situazione è molto differente da un’area all’altra, quindi una certa organizzazione è indispensabile non solo per la scuola, ma anche per l’economia».

«Vaccinare gli insegnanti»

«Infine – conclude -, un ultimo elemento da considerare è la possibilità di vaccinare gli insegnanti. Oggi avere un vaccino efficace al 95%, con ottimi dati di sicurezza testati su oltre 40 mila soggetti, rappresenta una certezza. Quindi se si inseriscono gli insegnanti tra le categorie da vaccinare per prime, immediatamente dopo gli operatori sanitari, la scuola potrà riaprire quanto prima».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Congresso Aiom, Beretta: «Ora un New Deal per affrontare la pandemia da cancro che ci attende»
Dal XXIII Congresso dell'Associazione italiana di oncologia medica i punti da cui ripartire con il peso del Covid-19: screening, esami diagnostici e follow up, regolamentare la telemedicina e rafforzare la sanità territoriale
In Inghilterra niente restrizioni e crescono i contagi. La testimonianza: «Ma gli ospedali sono vuoti»
Un cardiologo italiano a Londra: «Il vaccino ha abbassato la virulenza del virus, ma troppo lassismo e una campagna vaccinale debole su giovani e booster rischiano di aggravare la situazione in inverno»
di Federica Bosco
Vaccini antinfluenzali in farmacia, c’è l’accordo. Tobia (Federfarma): «Grande riconoscimento»
Il Segretario Nazionale commenta il protocollo che dà alle farmacie un ruolo ancora più importante sul territorio. Ma riusciranno le farmacie a reggere tra tamponi rapidi e vaccinazioni (anti-Covid e antinfluenzali)? «Ce la faremo alla grande»
Vaccinazione eterologa Covid-19, Ema: «Risposta più forte con richiami e booster di vaccini diversi»
Cavaleri: «I dati confermano una reazione immunitaria più sostenuta con approccio 'mix and match'»
Effetto Green pass, GIMBE: «Oltre 2,1 milioni di test rapidi e 407mila nuovi vaccinati»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe rileva tutti i numeri in calo, tranne i decessi che rimangono stabili. Risalgono le somministrazioni, terze dosi a rilento. Gimbe propone di incrementare vaccinazioni over 12 e introdurre obbligo terza dose per operatori sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?