Salute 12 Gennaio 2021 08:46

Riapertura scuole superiori, Esposito (OMS): «Possibile con screening, vaccini e lockdown intermittenti»

Comitati di genitori, medici ed infettivologi contro la DAD. La proposta di Susanna Esposito, ordinaria di Pediatria all’università di Parma e consulente dell’Organizzazione mondiale della sanità

di Federica Bosco
Riapertura scuole superiori, Esposito (OMS): «Possibile con screening, vaccini e lockdown intermittenti»

Il ritorno in aula in sicurezza dei ragazzi delle scuole superiori è possibile, con screening regolari, vaccini e lockdown intermittenti fino all’estate. Ne sono convinti i membri della comunità “Io Vaccino”, il comitato scuola e molti pediatri, tra cui Susanna Esposito, ordinaria di Pediatria all’università di Parma e consulente dell’Organizzazione mondiale della sanità, che bocciano la didattica a distanza.

Riapertura scuole superiori, Esposito: «È possibile»

«Paesi come la Svezia, che non ha mai chiuso le scuole, oltre che la letteratura internazionale, dimostrano che la diffusione del virus e la mortalità non sono associabili alla frequenza – esordisce Susanna Esposito in collegamento via Skype -. Non è stato, infatti, un elemento che ha impattato in modo significativo sulla circolazione virale, e l’autorità internazionale ha più volte ribadito che la chiusura delle scuole non è consigliabile», spiega la professoressa.

«Certo – aggiunge -, con le scuole aperte il numero delle persone in circolazione è più alto, ma i focolai scolastici possono essere prontamente identificati con il contact tracing, ovvero l’identificazione precoce del virus. La posizione di medici, pediatri, infettivologi e genitori è chiara: l’esperienza estera ha dimostrato che le scuole possono riaprire».

L’impatto psicologico della DAD

Una posizione rafforzata dal monitoraggio compiuto dall’Ordine Nazionale degli Psicologi su incarico del Ministero dell’Istruzione secondo cui sei adolescenti su dieci sarebbero stressati, uno su tre vorrebbe un supporto psicologico, quattro su dieci evidenziano difficoltà nello studio, tre su dieci si dichiarano apatici e stanchi, due su dieci sono irritabili e preoccupati con alto rischio di abbandono degli studi.

«Da mamma oltre che da medico e docente universitario credo che ci siano le condizioni per poter far tornare in presenza i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado – riprende Esposito –. Oltre alla diagnostica precoce è possibile ipotizzare test di ultima generazione da eseguire con facilità all’interno delle scuole a insegnanti e ragazzi ed organizzare, in caso di focolai, dei lockdown intermittenti. La situazione è molto differente da un’area all’altra, quindi una certa organizzazione è indispensabile non solo per la scuola, ma anche per l’economia».

«Vaccinare gli insegnanti»

«Infine – conclude -, un ultimo elemento da considerare è la possibilità di vaccinare gli insegnanti. Oggi avere un vaccino efficace al 95%, con ottimi dati di sicurezza testati su oltre 40 mila soggetti, rappresenta una certezza. Quindi se si inseriscono gli insegnanti tra le categorie da vaccinare per prime, immediatamente dopo gli operatori sanitari, la scuola potrà riaprire quanto prima».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rapporto CREA Sanità, Spandonaro: «Dopo il Covid passare dalla resilienza alla flessibilità»
Presentato il 16mo Rapporto Sanità da CREA e Tor Vergata: «Pronti per la prossima pandemia? É come comprare gli spazzaneve a Roma». E sul Recovery Plan: «Sembra un piano di rifinanziamento più che un nuovo modello di SSN»
di Tommaso Caldarelli
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
Covid-19, professionisti sanitari sotto stress. Perciballi (FNO TSRM e PSTRP): «Un convegno per diffondere i contenuti del protocollo con CNOP»
Il 26 gennaio sarà presentato in diretta streaming sul canale Youtube dell’Ordine degli Avvocati di Roma il protocollo d’intesa tra l’Ordine degli Psicologi (CNOP) e la Federazione delle professioni sanitarie (FNO TSRM PSTRP). Tra gli ospiti Federico Gelli e l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...