Salute 12 Gennaio 2021 08:46

Riapertura scuole superiori, Esposito (OMS): «Possibile con screening, vaccini e lockdown intermittenti»

Comitati di genitori, medici ed infettivologi contro la DAD. La proposta di Susanna Esposito, ordinaria di Pediatria all’università di Parma e consulente dell’Organizzazione mondiale della sanità

di Federica Bosco
Riapertura scuole superiori, Esposito (OMS): «Possibile con screening, vaccini e lockdown intermittenti»

Il ritorno in aula in sicurezza dei ragazzi delle scuole superiori è possibile, con screening regolari, vaccini e lockdown intermittenti fino all’estate. Ne sono convinti i membri della comunità “Io Vaccino”, il comitato scuola e molti pediatri, tra cui Susanna Esposito, ordinaria di Pediatria all’università di Parma e consulente dell’Organizzazione mondiale della sanità, che bocciano la didattica a distanza.

Riapertura scuole superiori, Esposito: «È possibile»

«Paesi come la Svezia, che non ha mai chiuso le scuole, oltre che la letteratura internazionale, dimostrano che la diffusione del virus e la mortalità non sono associabili alla frequenza – esordisce Susanna Esposito in collegamento via Skype -. Non è stato, infatti, un elemento che ha impattato in modo significativo sulla circolazione virale, e l’autorità internazionale ha più volte ribadito che la chiusura delle scuole non è consigliabile», spiega la professoressa.

«Certo – aggiunge -, con le scuole aperte il numero delle persone in circolazione è più alto, ma i focolai scolastici possono essere prontamente identificati con il contact tracing, ovvero l’identificazione precoce del virus. La posizione di medici, pediatri, infettivologi e genitori è chiara: l’esperienza estera ha dimostrato che le scuole possono riaprire».

L’impatto psicologico della DAD

Una posizione rafforzata dal monitoraggio compiuto dall’Ordine Nazionale degli Psicologi su incarico del Ministero dell’Istruzione secondo cui sei adolescenti su dieci sarebbero stressati, uno su tre vorrebbe un supporto psicologico, quattro su dieci evidenziano difficoltà nello studio, tre su dieci si dichiarano apatici e stanchi, due su dieci sono irritabili e preoccupati con alto rischio di abbandono degli studi.

«Da mamma oltre che da medico e docente universitario credo che ci siano le condizioni per poter far tornare in presenza i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado – riprende Esposito –. Oltre alla diagnostica precoce è possibile ipotizzare test di ultima generazione da eseguire con facilità all’interno delle scuole a insegnanti e ragazzi ed organizzare, in caso di focolai, dei lockdown intermittenti. La situazione è molto differente da un’area all’altra, quindi una certa organizzazione è indispensabile non solo per la scuola, ma anche per l’economia».

«Vaccinare gli insegnanti»

«Infine – conclude -, un ultimo elemento da considerare è la possibilità di vaccinare gli insegnanti. Oggi avere un vaccino efficace al 95%, con ottimi dati di sicurezza testati su oltre 40 mila soggetti, rappresenta una certezza. Quindi se si inseriscono gli insegnanti tra le categorie da vaccinare per prime, immediatamente dopo gli operatori sanitari, la scuola potrà riaprire quanto prima».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
In Francia le scuole sono rimaste sempre aperte, ma i ragazzi lamentano: «Abbiamo perso persone care»
In Francia c'è stato un grande comandamento: tenere aperte le scuole più a lungo possibile. Non tutte le strutture hanno potuto rispettare i protocolli e molte sono diventate focolai. Alcuni ragazzi hanno perso parenti, come al Delacroix dove in 20 hanno subito un lutto per Covid
Covid: terapia domiciliare fondamentale, no a cortisone e antibiotici
Nel corso di formazione professionale ECM di Consulcesi “La gestione del paziente Covid-19 nel contesto domiciliare” tutte le informazioni più aggiornate con la consulenza di Emanuele Nicastri, direttore malattie infettive Istituto Spallanzani di Roma
Maltrattamenti su minori in aumento per effetto del Covid: dietro una denuncia, nove casi sommersi
Cesvi lancia l’allarme dopo un anno di pandemia: «Cresce il numero di abusi e violenze tra le mura domestiche. È necessario rafforzare le cure e ricostruire un sistema di servizi capace di metterle in atto»
di Federica Bosco
Igiene delle mani, l’OMS dedica la Giornata mondiale agli operatori sanitari: «Pochi secondi possono salvare vite»
Nei paesi a basso reddito solo 1 operatore sanitario su 10 pratica un'igiene delle mani adeguata. Cavallo (Assistenti sanitari): «Azione importante anche nell'atto della vaccinazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco