Lavoro 8 Gennaio 2021 09:53

Assistenza psicologica e Legge di Bilancio, Lazzari (CNOP): «Assenti prevenzione e risposta al disagio legato alla pandemia»

Stanziati 500 mila euro per assistere i genitori che perdono i propri figli. Il presidente degli psicologi: «Mi sarei aspettato un provvedimento per i parenti dei deceduti Covid»

di Isabella Faggiano

Assistenza psicologica ai genitori che perdono un figlio, nelle carceri, alle donne in situazioni di vulnerabilità e vittime di violenza, a minori con patologie oncologiche, a persone con Alzheimer, demenze o disturbi delle spettro autistico. È così che la nuova Legge di Bilancio risponde alla crescente richiesta di sostegno psicologico della popolazione.

Assistenza psicologica e Legge di Bilancio, le carenze 

«Ci sono provvedimenti che riguardano singoli aspetti, ma mancano misure complessive per la prevenzione e la risposta al disagio psicologico legato alla pandemia – commenta David Lazzari, presidente del CNOP, il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi -. La Legge di Bilancio avrebbe dovuto fornire due diverse tipologie di risposte: di tipo emergenziale, da erogare subito per tamponare la situazione, e che fa riferimento alla proposta della erogazione di voucher psicologici per le fasce più fragili e a rischio, e più strutturale, che riguarda l’attivazione o il potenziamento di servizi psicologici nel pubblico».

La Legge di Bilancio prevede comunque che gli psicologi possano essere assunti dalle Aziende Sanitarie per l’emergenza Covid ancora per tutto il 2021, con la possibile proroga dei contratti già in essere.

Gli interventi “a Bilancio”

Altri interventi, invece, sono relativi alle situazioni di marginalità e povertà sociale, procreazione medicalmente assistita e violenza di genere. In particolare sono stati stanziati 500 mila euro per il finanziamento delle attività di associazioni che prestino assistenza psicologica e psico-sociologica in tutte le forme a genitori in lutto per la perdita dei propri figli. «Il problema del lutto è delicato. La letteratura ci dice che chi perde un figlio va sostenuto perché è ad alto rischio. Ma – sottolinea Lazzari – mi sarei aspettato un provvedimento che avesse riguardato i parenti dei deceduti Covid che, spesso, non hanno neanche potuto salutare i loro congiunti».

Assistenza in carcere

Sei milioni di euro, due milioni per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023, invece, sono destinati a garantire e implementare la presenza negli istituti penitenziari di professionalità psicologiche esperte per il trattamento intensificato cognitivo-comportamentale di coloro che hanno commesso reati contro le donne e per la prevenzione della recidiva. «Un provvedimento importante – commenta il presidente del CNOP -. Qui siamo di fronte ad un duplice problema, quello di attivare interventi sugli autori di reati di violenza e quello delle carceri. Gli studi e le esperienze ci mostrano l’importanza di trattare psicologicamente chi ha avuto comportamenti di violenza di genere».

«Anche se – aggiunge Lazzari – la legge ha fatto una forzatura indicando il tipo di trattamento: credo che questo non sia compito del legislatore, ma dei tecnici. Sulle carceri posso solo dire che gli psicologi presenti sono del tutto insufficienti, ci sono situazioni veramente serie che non vengono seguite. Così il carcere diventa un incubatore di nuove forme di violenza e trasgressione, anziché un possibile canale per aiutare le persone a reinserirsi nella vita civile».

Assistenza psicologica e Legge di Bilancio, gli emendamenti respinti

Nonostante i numerosi articoli dedicati all’assistenza psicologica ci sono delle esigenze che restano insoddisfatte. «Gli emendamenti presentati per rispondere ai bisogni psicologici legati all’emergenza Covid sono stati tutti respinti – puntualizza il presidente CNOP -. Alla fine la Camera ha approvato un ordine del giorno dell’onorevole Di Lauro che “impegna il Governo ad adottare tutte le iniziative volte a valutare la possibilità di garantire forme di agevolazioni destinate a categorie di soggetti fragili o, comunque, duramente colpiti dall’emergenza coronavirus. Ad adottare tutte le iniziative volte a valutare la possibilità di proseguire anche per i prossimi anni scolastici e rendere strutturale il servizio di supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche, già attivato per il corrente anno scolastico, anche tramite protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione e il Consiglio Nazionale dell’ Ordine degli Psicologi”. Vedremo  – conclude Lazzari – se il Governo recepirà queste indicazioni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Psicopandemia, le risposte della politica. Speranza: «Il ruolo dello psicologo è più attuale che mai»
Psicologi nelle scuole, nei servizi del SSN, accanto ai medici di famiglia ed ai pediatri di libera scelta: ecco i luoghi strategici dove garantire il sostegno psicologico. Al webinar del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, azioni e proposte di rappresentanti della politica e della sanità
di Isabella Faggiano
Se un figlio è il prediletto: cause, conseguenze e soluzioni del Parental Differential Treatment
Pagliariccio (psicologo): «Generalmente, chi riceve più attenzioni e sostegno matura un carattere più forte e sicuro. A livello internazionale si consiglia di bilanciare un eventuale atteggiamento di preferenza con poche regole chiare e democratiche»
di Isabella Faggiano
Lutto perinatale, la psicologa: «Impossibile fingere che quel bambino non sia mai esistito»
Di recente la Nuova Zelanda ha approvato una legge che riconosce il congedo per lutto retribuito ad entrambi i genitori sia in caso di aborto spontaneo che di bambino nato morto. In Italia, solo dopo 180 giorni dalla data di inizio della gravidanza esiste una sorta di congedo simile alla maternità
di Isabella Faggiano
Draghi: «Assurdo vaccinare uno psicologo di 35 anni». La risposta degli psicologi: «È stato il Governo a sancire l’obbligo per tutti i sanitari»
Lazzari (CNOP): «Siamo increduli. Quando il vaccino era volontario circa la metà degli psicologi vi aveva rinunciato, mostrando un grande senso di responsabilità. Si tratta di professionisti che onestamente avevano ritenuto che le proprie condizioni di lavoro (a distanza) non potessero mettere a rischio lo stato di salute dei propri pazienti»
di Isabella Faggiano
Festa del papà, non chiamateli “mammi”: sono uomini che fanno i padri
Lo psicologo: «Gli uomini hanno finalmente conquistato un importante diritto: quello di essere pienamente padri. Il ruolo della mamma e del papà sono e devono essere interscambiabili in molte fasi della vita per garantire il benessere e la felicità dei figli»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 maggio, sono 158.957.229 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.303.877 i decessi. Ad oggi, oltre 1,30 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco