Salute 5 Aprile 2022 15:31

Musicoterapia o intervento musicale? Le differenze spiegate dall’esperto

Il musicoterapeuta AIM Filippo Giordano: «Gli effetti della musicoterapia su pazienti Covid-19 portino a rivalutare questa branca»

Musicoterapia o intervento musicale? Le differenze spiegate dall’esperto

Musica per curare, musica per prevenire, musica per dare sollievo. Da sempre note e accordi sono un mezzo per canalizzare emozioni e stati d’animo, e il canto una potente valvola di sfogo nonché di condivisione. Negli ultimi anni questa consapevolezza ha trovato spazio nel giusto riconoscimento della Musicoterapia come disciplina volta a supportare la maggior parte dei trattamenti per condizioni patologiche o parafisiologiche, dalle cure oncologiche alla gravidanza passando per le malattie cardiovascolari e i disturbi psichiatrici. Con un imperativo categorico: una formazione certificata per il professionista musicoterapeuta. In quali e quanti modi la musica (e non solo la musicoterapia) può fondersi con la pratica clinica, ce lo spiega il dottor Filippo Giordano, musicoterapeuta e membro dell’AIM (Associazione Italiana Musicoterapia).

Musicoterapia e intervento musicale: due concetti da chiarire

«Si tratta di due espedienti molto diversi, che solo a un’occhiata superficiale potrebbero confondersi. Un conto è utilizzare la musica durante una qualsiasi attività con un paziente, altro è attuare un intervento di musicoterapia. Quest’ultima – spiega Giordano -può essere utilizzata in ambito terapeutico ma anche in ambito di prevenzione, prevede una relazione che si instaura tra il musicoterapeuta e il paziente attraverso lo strumento della musica e prevede un uso sistematico di una vasta gamma di esperienze musicali, sia attive (fare musica) che ricettive (ascoltarla). L’intervento musicale in medicina, invece, è tutt’altro – chiarisce il musicoterapeuta – ma ha anch’esso i suoi effetti benefici. Facciamo due esempi: il chirurgo in sala operatoria può decidere di metter su della musica, per giovare sia a sé stesso che al paziente. Beninteso che se il paziente non è cosciente perché in anestesia generale, la scelta dell’ascoltare o meno musica, e quale musica, sarà a discrezione del chirurgo. Viceversa, sarà a discrezione del paziente se verrà data a lui la facoltà di sceglierla, come avviene sempre più spesso nelle sale parto per aiutare la partoriente in un momento delicato. In questi casi – sottolinea – si parla di intervento musicale e non di musicoterapia perché la relazione medico-paziente non si evolve nella musica. In musicoterapia, invece, è la relazione stessa e i processi ad essa connessi ad avere valore terapeutico».

L’instaurarsi della relazione nella musica richiede una formazione qualificata

«Un intervento di musicoterapia – spiega Giordano – consta di tre parti: una valutazione, il trattamento con la definizione degli obiettivi che sono multidisciplinari e prevedono quindi una sinergia di più specialisti, e la verifica dei risultati e dell’evoluzione del percorso musicale intrapreso col paziente, attraverso l’uso di diverse esperienze musicali sia attive che recettive e una relazione incentrata sulla musica. Per questo motivo – afferma – è essenziale che chi la effettui sia un professionista specificamente formato e specializzato».

L’impatto della musicoterapia sui pazienti Covid-19. Lo studio

Che la musica impatti notevolmente e in modo benefico sulla gestione di numerose patologie è ormai un’evidenza dimostrata da numerosi studi e pubblicazioni scientifiche. Che questo effetto positivo si dispiegasse anche nel contesto dell’emergenza Covid-19, sui pazienti ricoverati in terapia sub-intensiva, non era così scontato. Ed invece è proprio ciò che è strato dimostrato da uno studio pubblicato su Nature condotto presso il Policlinico di Bari dall’equipe guidata da Filippo Giordano. «Lo studio è stato effettuato per quattro settimane nella primavera del 2021 – spiega – ed ha coinvolto 40 pazienti ricoverati per Covid-19, anche in terapia sub-intensiva, attraverso trattamenti di musicoterapia. Nei pazienti trattati sono stati riscontrati punteggi migliori non solo relativamente all’abbassamento dei livelli di ansia e depressione, ma anche sull’innalzamento dei livelli di ossigenazione del sangue. Questo dimostra l’importanza e l’efficacia di un approccio clinico olistico e multidisciplinare – conclude – in cui la musicoterapia possa assurgere a pieno titolo come terapia complementare a supporto di quella farmacologica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
Università e Metaverso: un avatar aiuta a scegliere il corso di laurea
È online il primo servizio di orientamento universitario del Metaverso: un avatar a cura di AteneiOnline assisterà gratuitamente i più giovani nella scelta del percorso di studio.
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa