Salute 5 Aprile 2022 15:31

Musicoterapia o intervento musicale? Le differenze spiegate dall’esperto

Il musicoterapeuta AIM Filippo Giordano: «Gli effetti della musicoterapia su pazienti Covid-19 portino a rivalutare questa branca»

Musicoterapia o intervento musicale? Le differenze spiegate dall’esperto

Musica per curare, musica per prevenire, musica per dare sollievo. Da sempre note e accordi sono un mezzo per canalizzare emozioni e stati d’animo, e il canto una potente valvola di sfogo nonché di condivisione. Negli ultimi anni questa consapevolezza ha trovato spazio nel giusto riconoscimento della Musicoterapia come disciplina volta a supportare la maggior parte dei trattamenti per condizioni patologiche o parafisiologiche, dalle cure oncologiche alla gravidanza passando per le malattie cardiovascolari e i disturbi psichiatrici. Con un imperativo categorico: una formazione certificata per il professionista musicoterapeuta. In quali e quanti modi la musica (e non solo la musicoterapia) può fondersi con la pratica clinica, ce lo spiega il dottor Filippo Giordano, musicoterapeuta e membro dell’AIM (Associazione Italiana Musicoterapia).

Musicoterapia e intervento musicale: due concetti da chiarire

«Si tratta di due espedienti molto diversi, che solo a un’occhiata superficiale potrebbero confondersi. Un conto è utilizzare la musica durante una qualsiasi attività con un paziente, altro è attuare un intervento di musicoterapia. Quest’ultima – spiega Giordano -può essere utilizzata in ambito terapeutico ma anche in ambito di prevenzione, prevede una relazione che si instaura tra il musicoterapeuta e il paziente attraverso lo strumento della musica e prevede un uso sistematico di una vasta gamma di esperienze musicali, sia attive (fare musica) che ricettive (ascoltarla). L’intervento musicale in medicina, invece, è tutt’altro – chiarisce il musicoterapeuta – ma ha anch’esso i suoi effetti benefici. Facciamo due esempi: il chirurgo in sala operatoria può decidere di metter su della musica, per giovare sia a sé stesso che al paziente. Beninteso che se il paziente non è cosciente perché in anestesia generale, la scelta dell’ascoltare o meno musica, e quale musica, sarà a discrezione del chirurgo. Viceversa, sarà a discrezione del paziente se verrà data a lui la facoltà di sceglierla, come avviene sempre più spesso nelle sale parto per aiutare la partoriente in un momento delicato. In questi casi – sottolinea – si parla di intervento musicale e non di musicoterapia perché la relazione medico-paziente non si evolve nella musica. In musicoterapia, invece, è la relazione stessa e i processi ad essa connessi ad avere valore terapeutico».

L’instaurarsi della relazione nella musica richiede una formazione qualificata

«Un intervento di musicoterapia – spiega Giordano – consta di tre parti: una valutazione, il trattamento con la definizione degli obiettivi che sono multidisciplinari e prevedono quindi una sinergia di più specialisti, e la verifica dei risultati e dell’evoluzione del percorso musicale intrapreso col paziente, attraverso l’uso di diverse esperienze musicali sia attive che recettive e una relazione incentrata sulla musica. Per questo motivo – afferma – è essenziale che chi la effettui sia un professionista specificamente formato e specializzato».

L’impatto della musicoterapia sui pazienti Covid-19. Lo studio

Che la musica impatti notevolmente e in modo benefico sulla gestione di numerose patologie è ormai un’evidenza dimostrata da numerosi studi e pubblicazioni scientifiche. Che questo effetto positivo si dispiegasse anche nel contesto dell’emergenza Covid-19, sui pazienti ricoverati in terapia sub-intensiva, non era così scontato. Ed invece è proprio ciò che è strato dimostrato da uno studio pubblicato su Nature condotto presso il Policlinico di Bari dall’equipe guidata da Filippo Giordano. «Lo studio è stato effettuato per quattro settimane nella primavera del 2021 – spiega – ed ha coinvolto 40 pazienti ricoverati per Covid-19, anche in terapia sub-intensiva, attraverso trattamenti di musicoterapia. Nei pazienti trattati sono stati riscontrati punteggi migliori non solo relativamente all’abbassamento dei livelli di ansia e depressione, ma anche sull’innalzamento dei livelli di ossigenazione del sangue. Questo dimostra l’importanza e l’efficacia di un approccio clinico olistico e multidisciplinare – conclude – in cui la musicoterapia possa assurgere a pieno titolo come terapia complementare a supporto di quella farmacologica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Musicoterapia: le “arie” che curano
Al centro Terapeutico di Antoniano la musica, da quella più amata dai bambini come le canzoni dello Zecchino d’Oro alle arie delle opere liriche, diventa uno strumento per aiutare i bambini disabili e le vittime di eventi traumatici
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
«Formazione integrata e nuove tecnologie, così si vince la sfida del PNRR». Parla il DG di Tor Vergata Quintavalle
«Abbiamo ottenuto il rinnovo di tutta l’alta diagnostica» spiega Quintavalle che ha partecipato al convegno “Gestione del rischio e PNRR”. Sulla sanità territoriale: «Serve una nuova concezione dell’ospedale di comunità o non avremo nulla di nuovo». A Tor Vergata previsto anche adeguamento sismico e una nuova sezione radiologica
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali