Ecm 14 Ottobre 2022 15:20

ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»

Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio

La scadenza del triennio formativo ECM si avvicina sempre di più. Mancano infatti poco più di due mesi per accumulare i crediti formativi necessari per completare il proprio fabbisogno ed evitare di incappare in sanzioni e importanti problematiche relative all’aspetto assicurativo. Da qui l’invito dei principali esponenti del mondo sanitario a tutti i propri iscritti a darsi da fare per colmare, se ancora non è stato fatto, il gap tra i crediti già raccolti e quelli necessari.

Anelli (FNOMCeO): «Incentivare formazione, assicurazione a rischio per chi non è in regola»

Il Presidente della Federazione nazionale ordini dei medici, chirurghi e odontoiatri, Filippo Anelli, lancia un nuovo appello a tutti i camici bianchi affinché si facciano trovare in regola con il fabbisogno di crediti in vista della prossima, imminente scadenza. «Il numero dei medici che ad oggi sono certificabili è aumentato sensibilmente – spiega Anelli –. Se pensiamo ai risultati di due trienni fa e pensiamo ad oggi, credo che siano notevolmente migliorati. Che cosa bisognerà fare oggi? Abbiamo una norma che dal prossimo triennio condiziona la formazione al raggiungimento di almeno il 70% degli obiettivi per poter continuare ad usufruire della copertura assicurativa».

Da questo punto di vista, Anelli è convinto che oggi la professione si possa esercitare attraverso due sistemi: il primo «è l’abilitazione all’esercizio professionale», il secondo è «la certificazione delle competenze». Quest’ultima «risulta un requisito essenziale, senza il quale ovviamente si hanno delle penalizzazioni. Una delle penalizzazioni, prevista dalla legge, è proprio questa, cioè la perdita della copertura assicurativa se non si raggiunge il 70% del proprio fabbisogno formativo».

Rossi (OMCeO Milano): «Ancora tanti colleghi non certificabili»

Di recente, il Cogeaps (Consorzio gestione anagrafica delle professioni sanitarie) ha inviato lettere a tutte le federazioni con l’elenco dei professionisti che ancora non risultano in regola con l’obbligo formativo. Le varie federazioni hanno a loro volta girato gli elenchi agli Ordini provinciali. Ovviamente, anche l’OMCeO di Milano è tra questi: «Devo ammettere che le percentuali di medici inadempienti e senza neppure un credito si sono ridotte in maniera importante – puntualizza il Presidente Carlo Roberto Rossi – però purtroppo ci sono ancora molti colleghi che non sono certificabili».

 

Scadenza triennio: sei in regola con gli ECM? Approfitta dello Sconto

Scopri Consulcesi Club e accedi a oltre 250 corsi online e 1.000 ECM per Medici e Operatori Sanitari. Approfitta dell’offerta e mettiti in regola entro il 31/12 con i crediti obbligatori.

Ricevi lo sconto

 

Rossi aggiunge poi che «il triennio in corso sarà oggetto di riflessione soprattutto nei confronti di chi non ha conseguito un minimo di formazione, ma io sono convinto che il sistema ECM debba essere premiante. Se un medico realizza tutti i crediti e addirittura li supera deve avere degli incentivi ed essere riconosciuto come un professionista meritevole, non al contrario per cui se non li fa viene punito. Sono per una funzione educativa degli Ordini nei confronti dei professionisti», conclude Rossi.

Mangiacavalli (Fnopi): «Senza crediti sufficienti, nel prossimo triennio a rischio la copertura assicurativa»

Dopo la lettera che il Cogeaps ha inviato alle varie federazioni con la situazione formativa di ogni professionista iscritto, la Presidente della Federazione nazionale ordini professioni infermieristiche (Fnopi), Barbara Mangiacavalli, fa il punto della situazione per quanto riguarda il programma formativo ECM, in scadenza il prossimo 31 dicembre. «La fotografia che ci ha consegnato il Cogeaps – spiega – in parte la aspettavamo. Confidavo potesse essere migliore ma rispecchia questi anni. Nel senso che il programma nazionale di formazione continua in medicina è stata un’intuizione importantissima, nata con la riforma Ter del decreto legislativo 229 e poi perfezionata negli anni, con un presupposto scientifico. Quello che le conoscenze scientifiche e tecniche si modificano e perdono di efficacia più o meno del 50% ogni 10 anni. Quindi un professionista laureato da 20 anni dovrebbe rinfrescare il 100% delle proprie conoscenze».

La Presidente Fnopi parla poi della questione assicurativa, ormai legata a doppio filo con quella della formazione ECM: «Tra gli infermieri c’è ancora poca consapevolezza della necessità di dover essere assicurati: la legge 24 del 2017 è una legge importante, che ha modificato l’assetto e il contesto. Il fatto di essere tornati nell’alveo della responsabilità extracontrattuale ha degli elementi positivi, ma è stato un po’ travisato perché sembra che un infermiere pubblico dipendente possa non avere una polizza assicurativa. Non è così». Bisogna insomma «far capire a tutti i nostri colleghi il quadro, per comprendere che è bene avere nel proprio zaino questa formazione, onde evitare di incorrere in questa possibilità che di certo le compagnie assicurative applicheranno, ovvero non coprire il sinistro se un professionista non ha acquisito almeno il 70% dei crediti», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Gli infermieri sono “Ovunque per il bene di tutti”. Il docufilm Fnopi che premia le eccellenze della professione
“Ovunque per il bene di tutti” è un percorso itinerante che racconta emozionanti storie di infermieri di famiglia e comunità che si sono distinti in diversi campi. L’assistenza sul territorio abbraccia la salute mentale, la pediatria, l'ausilio domiciliare, gli anziani e la scuola
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...