Ecm 9 Agosto 2022 15:22

Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»

Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»

Affinché tutti i professionisti della sanità comprendano davvero quant’è importante l’aggiornamento continuo in Medicina occorre, prima di ogni altra cosa, «una rivoluzione delle coscienze». Ne è convinto Vincenzo D’Anna, presidente dell’Ordine nazionale dei Biologi, che parla a pochi mesi dalla chiusura del triennio formativo corrente, prevista per il prossimo 31 dicembre. L’ex senatore spiega inoltre che, al di là delle sanzioni per chi non risulta in regola con l’obbligo ECM, il professionista deve aggiornarsi «perché solo così può svolgere al meglio la propria professione».

Meglio puntare su incentivi o sulle sanzioni?

«I giuristi tedeschi – spiega D’Anna – dicevano che “una norma senza il precetto è una spada senza lama”. Lei la brandisce ma non serve a niente. Gli italiani avrebbero bisogno del precetto oltre che della norma perché la norma hanno la vocazione ad evaderla. Però a un professionista non basta intimare il precetto. Il professionista non si forma perché qualcuno lo può multare ma perché deve svolgere al meglio la propria attività. Il vero problema non è né la sanzione né il convincimento: sommando i vari corsi sono 25-30 mila colleghi su 55mila che seguono i programmi di Formazione ECM dell’Ordine. Il vero problema è che bisogna superare l’idea che l’Ordine sia un costo. Io mi lamento – continua il presidente dell’Onb – ma credo che negli altri Ordini sia la stessa cosa. Dopo aver fatto tutte le capriole di questo mondo, io le posso dire che il 40% delle nostre mail e delle nostre newsletter viene vanificato dal fatto che ci sia gente che non le apre.

Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti»

Il Cogeaps a breve invierà delle lettere ai vari Ordini con le posizioni dei professionisti che ancora non hanno completato il fabbisogno minimo di crediti per il triennio. Danilo Renato Mazzacane, Segretario di Goal (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi), considera questo provvedimento un «atto di buona volontà» da parte del Consorzio. «A loro volta gli ordini, essendo organi sussidiari dello Stato, si adopereranno per informare i propri iscritti, anche quelli un po’ più distratti e ritardatari, per mettersi in regola – spiega Mazzacane –. Pertanto, io penso che al 31 dicembre del 2022 la maggior parte dei medici, spero tutti, sarà in condizione di soddisfare le richieste dei crediti formativi. Oltretutto, l’Ordine dei medici ha delle questioni non meno importanti da portare avanti e quindi sicuramente si adopererà in questo senso».

Il presidente di Goal conclude con un’osservazione: «L’aggiornamento professionale deve essere anche utilizzato in maniera positiva per fornire un segnale ai pazienti e tranquillizzarli. Coloro che sono in cura dai medici devono sapere che i medici sono aggiornati. Questo è il messaggio importante che deve giungere loro per ricostruire un rapporto fiduciario medico-paziente che vada ad arginare il fenomeno dell’infodemia e delle false informazioni che vengono spesso diffuse nel web».

Scadenza triennio formazione Medici e Sanitari 2020-2022. Sei in regola con gli ECM?

Accedi al più ampio catalogo con oltre 250 corsi e 1.000 crediti ECM di Consulcesi Club. Attiva la prova gratuita di 30 giorni, segui i corsi e mettiti in regola con i crediti.

ACCEDI GRATIS

Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”»

Secondo Diego Foschi, presidente del Collegio italiano chirurghi (Cic), il sistema attuale di aggiornamento professionale «è valido ma suscettibile di miglioramenti sostanziali. È necessario che il nostro corpo sociale modifichi le sue attese nei riguardi dei medici» e che questi ultimi «accettino l’idea che avere acquisito competenze professionali di alto livello richieda un aggiornamento continuo. Quando prendiamo la patente di guida – è l’esempio che fa Foschi –, che implica un compito relativamente semplice e ripetitivo, siamo tutti consapevoli della necessità di verificare periodicamente le nostre abilità in relazione alle caratteristiche fisiche e all’età. È paradossale che un’attività complessa come la professione medica viva di un unico momento di “abilitazione”, al momento incluso nell’esame di laurea, prolungato all’infinito sulla base del solo aggiornamento culturale, cosa che oltretutto non sempre viene perseguita secondo quanto richiesto dai regolamenti».

Di fatto, secondo il presidente di Cic, «questo aspetto della nostra vita professionale è divenuto prevalente o addirittura totalizzante, facendo in modo che le attività svolte nella pratica professionale vengano relegate ad un ruolo del tutto marginale. Credo che invece visite, esami ambulatoriali, interventi, valutati nella loro prospettiva di risultato siano il reale banco di prova della nostra adeguatezza professionale».

Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Nessuna scusa per i colleghi che non hanno completato l’aggiornamento per pigrizia e indolenza»

Il presidente OMCeO NapoliBruno Zuccarelli, non scusa «i colleghi che non hanno completato l’aggiornamento per pigrizia e indolenza, in quel caso non li giustifico». E questo nonostante la pandemia che ha travolto gli operatori sanitari negli ultimi anni: «Il Covid ha significato carichi di lavoro incredibili e molti non hanno avuto il tempo di formarsi: oggi come oggi recarsi a un evento formativo consente di assentarsi da un contesto ospedaliero? No, perché si generano gli SOS raddoppiando il turno per cui si deve coprire il collega in ferie o in malattia. Questa è la realtà. Non ci facciamo troppi sogni». Di occasioni per raggiungere il numero necessario di crediti non ne sono però mancate. «Ci sono state diverse proroghe per lasciare ai colleghi il tempo di recuperare – ammette – però continuo a dire che veniamo da un periodo estremamente duro: non è che ne dobbiamo tenere conto, ma è una sanità diversa rispetto a quella di 15 anni fa quando si è programmato sugli ECM. Probabilmente bisogna ritarare il discorso ECM fermo restando che un medico che si laurea oggi in Medicina dopo cinque anni ha visto il mondo cambiare, dobbiamo essere al passo con i tempi. Dobbiamo lavorare in modo concreto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Obbligo ECM, partite le lettere del Cogeaps. Monaco: «Ora tocca agli Ordini prendere provvedimenti»
Intervista al presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie. Rischio sanzioni e mancata copertura assicurativa per chi non è in regola
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Formazione ECM, in scadenza anche il triennio degli infermieri. L’appello degli Ordini
Mangiacavalli (FNOPI): «Con Cogeaps infermieri non in regola avvisati per tempo». Rea (OPI Napoli): «Un infermiere esperto deve essere formato». Clarizia (OPI Pordenone): «Fondamentale continuare a lavorare sulla formazione continua»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi