Salute 25 Giugno 2020

L’Ospedale Sacco presenta il protocollo Viecca: antiaggreganti e antinfiammatori per curare trombosi da Covid

La scoperta del primario di cardiologia del Sacco, Maurizio Viecca viene adottata anche in America. «Nei pazienti dimessi importante sciogliere i trombi residui, a breve una piattaforma realizzata da Esa permetterà di monitorarli».

di Federica Bosco
Immagine articolo

Dopo la terapia del plasma, il protocollo Viecca, altra scoperta lombarda contro il Covid, ha varcato i confini italiani per essere adottata in altri paesi, ultimo dei quali il Perù. A darne notizia l’ospedale Sacco di Milano che dopo mesi di studio, ieri ha presentato i risultati del protocollo che porta il nome del primario di Cardiologia, Maurizio Viecca, e che ha messo a punto una terapia a base di antiaggreganti e antinfiammatori per curare la trombosi da Covid. A lui il merito di aver capito, per primo, che ad uccidere i pazienti contagiati non era la polmonite interstiziale bilaterale, bensì una trombosi.

«È stato uno studio che ha richiesto la combinazione di più farmaci tra di loro – spiega Maurizio Viecca, primario di cardiologia dell’Ospedale Sacco di Milano – È un protocollo che nasce a seguito di una osservazione: quello che notai che mi fece riflettere era la rapidità con cui i pazienti passavano dalla terapia col casco, alla ventilazione più invasiva fino alla intubazione nel giro di poche ore. Non era possibile che una polmonite di tipo infiammatorio si aggravasse in così poco tempo. Quindi andai ad analizzare gli esami dei pazienti ricoverati in terapia intensiva e vidi che c’erano dei valori come il didimero – analisi che si fa per riscontrare le trombosi – molto alti.  Significava che, oltre all’infiammazione, c’era in atto una trombosi».

LEGGI ANCHE COVID-19, IL PRIMARIO DI CARDIOLOGIA DEL SACCOovid-19: «NON SI MUORE DI POLMONITE, MA DI TROMBOSI»

Quella rilevazione portò il professor Viecca a individuare una serie di farmaci in grado di sciogliere il trombo, mettendo a punto un protocollo e avviando una sperimentazione compassionevole interamente finanziata dalla sua fondazione. «Quel protocollo è composto da tre gruppi diversi di farmaci: la novità mai usata da nessuno è la combinazione di antiaggreganti cioè farmaci che fanno in modo che le piastrine non si uniscano a formare il trombo».

Individuata la causa e definita la cura, il professor Viecca nel presentare il suo protocollo, ha proposto il 27 marzo – giorno con il maggior numero di decessi da Covid –  come giornata del ricordo  delle vittime del coronavirus, e ha focalizzato l’attenzione sulle conseguenze che lascia il virus nell’organismo. Per questo ha messo a punto un protocollo a base di farmaci da somministrare ai pazienti dimessi che saranno monitorati attraverso una piattaforma in via di realizzazione.

LEGGI ANCHE I SINTOMI DEL COVID VARIANO IN GRUPPO SANGUIGNI DIVERSI? LO STUDIO: «PIU’ GRAVI NEL GRUPPO A. LO O IL PIU’ PROTETTO»

«Questo nuovo protocollo – ha aggiunto – presenta aspirina più un anticoagulante per cercare di sciogliere i trombi residui nei pazienti dimessi. Il follow up domiciliare è estremamente importante e, per questo, l’agenzia spaziale Esa, partner scientifico del Sacco, sta realizzando una piattaforma con tutta una serie di sensori che permetteranno di tenere sotto controllo i pazienti».

Per l’assessore al welfare di regione Lombardia Giulio Gallera la terapia del plasma e il protocollo Viecca confermano il grande lavoro fatto negli ospedali lombardi per affrontare e vincere il coronavirus e respinge le critiche. «Abbiamo lavorato in questi mesi per arginare lo tsunami che ha colpito le persone più fragili a domicilio, nelle case di riposo e all’interno degli ospedali – sottolinea Gallera – Abbiamo riconvertito velocemente i nostri ospedali per accogliere il maggior numero possibile di persone e per salvare loro la vita. Ricordo che a  febbraio siamo stati colti da questo virus di cui non sapevamo nulla, perché siamo stati la prima regione, nel mondo occidentale, ad essere colpita. Dal punto vista organizzativo abbiamo messo in campo le nostre capacità, portando i posti di terapia intensiva da settecento a milleottocento e  i posti di pneumologia da mille a ottomila. Col passare del tempo, le critiche evidenziano la loro assoluta strumentalità come un attacco ad un sistema sanitario virtuoso e ad una regione che ha resistito come nessun’altra».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...