Salute 12 Ottobre 2023 14:36

La trombosi uccide 1 persona su 4 nel mondo. Dagli esperti 10 consigli per prevenirla

«Muoversi contro la trombosi». E’ la sfida lanciata per la Giornata mondiale della Trombosi, che domani celebra anche il suo decimo anniversario. In occasione della giornata la Società Internazionale per la Trombosi e l’Emostasi (ISTH) lancia una campagna per diffondere la consapevolezza sui segnali, sintomi e i fattori di rischio

La trombosi uccide 1 persona su 4 nel mondo. Dagli esperti 10 consigli per prevenirla

«Muoversi contro la trombosi». E’ la sfida lanciata per la Giornata mondiale della Trombosi, che domani celebra anche il suo decimo anniversario. In occasione della giornata la Società Internazionale per la Trombosi e l’Emostasi (ISTH) lancia una campagna per diffondere la consapevolezza sui segnali, sintomi e i fattori di rischio della trombosi, principale causa di morti evitabili in ospedale in tutto il mondo. Si stima infatti che una persona su quattro nel mondo muoia a causa di condizioni legate ai coaguli di sangue.

I sintomi della trombosi possono essere ignorati o confusi con altre condizioni

La trombosi può svilupparsi nei vasi sanguigni in tutto il corpo, causando spesso sintomi che possono essere confusi per altre condizioni. I segnali più comuni di un coagulo di sangue nella gamba, o trombosi venosa profonda (TVP), possono includere dolore o sensibilità nel polpaccio, gonfiore della caviglia o del piede, arrossamento o evidente cambiamento di colore e/o calore nella zona. I sintomi di un coagulo di sangue nei polmoni, o embolia polmonare (EP), possono includere mancanza di respiro improvviso, respirazione rapida, dolore al petto, frequenza cardiaca elevata e/o svenimento o perdita di conoscenza.

«Necessario sensibilizzare su segnali e sintomi»

«Una delle ragioni per cui la trombosi rappresenta la causa di morte per una persona su quattro nel mondo è che molti dei suoi sintomi sono simili ad altre condizioni comuni», spiega Lana Castellucci, presidente del comitato direttivo della Giornata Mondiale della Trombosi. «Quando una persona sperimenta un crampo alla gamba, ad esempio, è improbabile che faccia un esame per accertare un eventuale coagulo di sangue, ma sfortunatamente, questo – continua – potrebbe portare a conseguenze più gravi. Stiamo lavorando per sensibilizzare le persone sui segnali e sintomi di questa diffusa condizione affinché si rivolgano ad una adeguata assistenza medica prima che sia troppo tardi».

Dalla gravidanza alle terapie anti-cancro, i fattori di rischio della trombosi

Alcuni fattori di rischio possono aumentare la probabilità di sviluppare coaguli di sangue, nello specifico:

  • Prolungata ospedalizzazione: fino al 60% dei casi di tromboembolia venosa (TEV) si verifica durante o dopo l’ospedalizzazione, poiché i pazienti sono più propensi ad avere una mobilità ridotta a causa del riposo a letto.
  • Terapia contro il tumore: i pazienti oncologici sono quattro volte più a rischio di sviluppare un coagulo di sangue a causa degli effetti di chirurgia e chemioterapia.
  • Gravidanza e post-partum: il sangue tende a coagulare con maggiore facilità durante la gravidanza e subito dopo il parto. Inoltre, il peso dell’utero che preme sulle vene del bacino può rallentare la circolazione nelle gambe.

Dieci consigli utili per prevenire la trombosi

In occasione della Giornata mondiale della trombosi gli specialisti hanno diffuso un decalogo con i consigli utili per prevenirla.

1. Fai lunghe passeggiate da solo o in compagnia
2. Alzati e fai stretching una volta ogni ora per cinque minuti
3. Dedicati all’allenamento o esegui nuovi esercizi seguendo video online o in palestra
4. Se stai seduto per molte ore mentre lavori, fai una pausa in piedi e fai stretching
frequentemente
5. Partecipa a una sfida a piedi. Le sfide a piedi possono essere virtuali partecipando a gruppi che
condividono tramite app i propri percorsi o di persona; sono un ottimo modo per rimanere
motivati e raggiungere gli obiettivi di movimento.
6. Balla! Prenditi 10 minuti della giornata per ballare a casa con i tuoi figli, amici o persone care.
Ballare è un ottimo modo per muoversi e migliorare la circolazione.
7. Fai delle pause durante un viaggio. Se stai seduto in macchina per lunghi periodi, fermati ogni
ora per scendere dall’auto e camminare per qualche minuto.
8. Se sei un operatore sanitario, incoraggia i pazienti a fare almeno 30 minuti di movimento nella
loro routine quotidiana per ridurre il rischio che si formino coaguli di sangue nelle vene.
9. Di tanto in tanto, solleva le gambe di quindici centimetri sopra il cuore. Questo aiuta ad
aumentare il flusso sanguigno.
10. Pratica yoga per muovere il corpo e rilassare la mente.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Trombosi, quali sono i sintomi a cui fare attenzione?
Quali sono i sintomi che ci fanno pensare ad un'eventuale insorgenza di trombosi?
Ema su J&J: «Vaccino sicuro, trombosi molto rare nel foglietto illustrativo»
L'Agenzia europea del farmaco si è pronunciata sul vaccino Johnson&Johnson: i benefici superano i rischi anche in questo caso. Le trombosi estremamente rare sono molto simili a quelle rilevate con AstraZeneca, la causa forse nella risposta immunitaria. Aifa dice sì per gli over 60
L’Ospedale Sacco presenta il protocollo Viecca: antiaggreganti e antinfiammatori per curare trombosi da Covid
La scoperta del primario di cardiologia del Sacco, Maurizio Viecca viene adottata anche in America. «Nei pazienti dimessi importante sciogliere i trombi residui, a breve una piattaforma realizzata da Esa permetterà di monitorarli».
di Federica Bosco
Covid-19, con albumina bassa maggior rischio di trombosi. Violi (Umberto I): «Controllare spesso i valori, soprattutto negli anziani»
Lo studio Sapienza-Policlinico Umberto I fornisce un’interpretazione del rischio trombotico nei pazienti Covid-19 e apre la strada «all’individuazione precoce delle persone ad alto rischio con screening mirati e a nuove prospettive terapeutiche per ridurre gli eventi vascolari» spiega il coordinatore Francesco Violi
Il meccanismo che genera la gestosi nelle donne in gravidanza ritrovato anche nelle trombosi vascolari dei pazienti Covid
La scoperta dei ricercatori di Milano Bicocca guidati dal professor Gambacorti Passerini: «Lo studio del marcatore SFlt1 prodotto dalle cellule endoteliali spiega come il virus può infettare la superficie interna dei vasi». Giardina: «Le conoscenze sulla cura della gestosi utili per affrontare il Covid»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...