Salute 23 Giugno 2020

I sintomi del Covid variano in gruppi sanguigni diversi? Lo studio: «Più gravi nel gruppo A. Lo 0 il più protetto»

Prati (Policlinico Milano): «Questo meccanismo può essere legato ad una maggiore tendenza alla trombosi nei soggetti con gruppo sanguigno A». Bonfanti (Uni Bicocca): «Scoperta preliminare, seguiranno altri studi»

di Federica Bosco

Il gruppo sanguigno A aumenta la probabilità di avere sintomi più gravi da coronavirus. La conferma arriva attraverso uno studio internazionale pubblicato sul New England Journal of Medicine che ha visto la partecipazione di tre ospedali italiani: Policlinico di Milano, San Gerardo di Monza, Humanitas e dell’Università Bicocca.

«Questa scoperta è per ora preliminare – ammette Paolo Bonfanti, professore associato di Malattie infettive presso l’Università Bicocca di Milano -: è allo studio il motivo per cui un paziente che ha un gruppo sanguigno di un certo tipo rischia di sviluppare la malattia in modo più grave, e altri ne seguiranno. È emerso dall’analisi genetica fatta su campioni biologici – aggiunge il docente universitario – che proprio chi appartiene al gruppo sanguigno di tipo A rischia di sviluppare una malattia più grave rispetto agli altri».

Diversa la sorte per i pazienti con il gruppo O che sembrano essere i più protetti. Un dato interessante da approfondire, ma non l’unico: la ricerca effettuata su un campione di 1610 pazienti, tra italiani e spagnoli con insufficienza respiratoria, ha messo in luce un altro importante tassello verso la comprensione dei meccanismi patogenetici della malattia, come conferma il dottor Daniele Prati, direttore del Centro Trasfusionale del Policlinico di Milano.

LEGGI ANCHE: REPORT INAIL: 72,2% DEI CONTAGI SUL LAVORO NEL SETTORE SANITARIO E PRIMATO NEI DECESSI. GLI INFERMIERI I PIÙ COLPITI

«Sono stati analizzati circa otto milioni di piccoli frammenti di sequenza di acido nucleico ed è emerso che uno dei due cluster di geni è più chiaramente associato ad un andamento aggressivo del Covid – spiega Prati -. Una delle ipotesi più accreditate è che questo meccanismo possa essere in qualche maniera legato ad una maggiore tendenza alla trombosi che si verifica nei soggetti di gruppo A rispetto a quelli di gruppo 0, perché i soggetti di gruppo A portano con sé un maggior numero di molecole che promuovono l’aggregazione delle piastrine e quindi i fenomeni trombotici. Questa è una delle ipotesi più accreditate, ma ce ne sono altre che hanno sempre come punto di riferimento il gruppo sanguigno e i globuli rossi correlati».

«È fondamentale – continua Prati – che questo studio ci abbia confermato quello che tutti supponevamo, ma che non era stato ancora provato, ovvero che, almeno in parte, l’andamento di questa malattia è legato a fattori ereditari. Conoscendo bene i fattori genetici, sapendo quali sono le molecole implicate, sarà possibile cercare di andare ad interferire con un meccanismo genetico della malattia e trovare approcci terapeutici adatti e razionali. In realtà – aggiunge – il gruppo sanguigno fa notizia perché tutti conoscono l’ABO, ma non è il cluster di geni più fortemente associato, ce n’è un altro che è un cluster legato ad alcuni recettori particolari a livello cellulare che è interessante perché potrebbe essere quello che promuove la migrazione a livello polmonare dei globuli bianchi e dei linfociti promuovendo quello stato di iper infiammazione che si sviluppa prima a livello polmonare e poi si diffonde in tutto l’organismo».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Covid-19, rispettiamo le regole e godiamoci l’estate insieme ai bambini»
È questo il messaggio del video del Ministero della Salute, realizzato grazie alla collaborazione gratuita con il pediatra e artista Andrea Satta e visibile sul sito e sui canali social
Consulcesi: «Bene Ddl antiviolenza, ora accelerare su legge Gelli per la piena tutela dei medici»
Il Presidente Tortorella: «Creiamo un doppio scudo a difesa dei diritti dei medici e degli operatori sanitari. Serve forte segnale da Ministeri Salute e Sviluppo economico»
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
Covid, «Italia da paria a esempio per gli altri Paesi». L’editoriale del New York Times
Jason Horowitz, firma del New York Times, ha realizzato un reportage che spiega come l’Italia è riuscita a passare, «dopo un inizio incerto, dall’essere un paria globale ad un modello – per quanto imperfetto – di contenimento virale per i Paesi vicini e per gli Stati Uniti»
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 agosto, sono 18.288.573 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 693.805 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»