Salute 23 Giugno 2020 17:00

I sintomi del Covid variano in gruppi sanguigni diversi? Lo studio: «Più gravi nel gruppo A. Lo 0 il più protetto»

Prati (Policlinico Milano): «Questo meccanismo può essere legato ad una maggiore tendenza alla trombosi nei soggetti con gruppo sanguigno A». Bonfanti (Uni Bicocca): «Scoperta preliminare, seguiranno altri studi»

di Federica Bosco

Il gruppo sanguigno A aumenta la probabilità di avere sintomi più gravi da coronavirus. La conferma arriva attraverso uno studio internazionale pubblicato sul New England Journal of Medicine che ha visto la partecipazione di tre ospedali italiani: Policlinico di Milano, San Gerardo di Monza, Humanitas e dell’Università Bicocca.

«Questa scoperta è per ora preliminare – ammette Paolo Bonfanti, professore associato di Malattie infettive presso l’Università Bicocca di Milano -: è allo studio il motivo per cui un paziente che ha un gruppo sanguigno di un certo tipo rischia di sviluppare la malattia in modo più grave, e altri ne seguiranno. È emerso dall’analisi genetica fatta su campioni biologici – aggiunge il docente universitario – che proprio chi appartiene al gruppo sanguigno di tipo A rischia di sviluppare una malattia più grave rispetto agli altri».

Diversa la sorte per i pazienti con il gruppo O che sembrano essere i più protetti. Un dato interessante da approfondire, ma non l’unico: la ricerca effettuata su un campione di 1610 pazienti, tra italiani e spagnoli con insufficienza respiratoria, ha messo in luce un altro importante tassello verso la comprensione dei meccanismi patogenetici della malattia, come conferma il dottor Daniele Prati, direttore del Centro Trasfusionale del Policlinico di Milano.

LEGGI ANCHE: REPORT INAIL: 72,2% DEI CONTAGI SUL LAVORO NEL SETTORE SANITARIO E PRIMATO NEI DECESSI. GLI INFERMIERI I PIÙ COLPITI

«Sono stati analizzati circa otto milioni di piccoli frammenti di sequenza di acido nucleico ed è emerso che uno dei due cluster di geni è più chiaramente associato ad un andamento aggressivo del Covid – spiega Prati -. Una delle ipotesi più accreditate è che questo meccanismo possa essere in qualche maniera legato ad una maggiore tendenza alla trombosi che si verifica nei soggetti di gruppo A rispetto a quelli di gruppo 0, perché i soggetti di gruppo A portano con sé un maggior numero di molecole che promuovono l’aggregazione delle piastrine e quindi i fenomeni trombotici. Questa è una delle ipotesi più accreditate, ma ce ne sono altre che hanno sempre come punto di riferimento il gruppo sanguigno e i globuli rossi correlati».

«È fondamentale – continua Prati – che questo studio ci abbia confermato quello che tutti supponevamo, ma che non era stato ancora provato, ovvero che, almeno in parte, l’andamento di questa malattia è legato a fattori ereditari. Conoscendo bene i fattori genetici, sapendo quali sono le molecole implicate, sarà possibile cercare di andare ad interferire con un meccanismo genetico della malattia e trovare approcci terapeutici adatti e razionali. In realtà – aggiunge – il gruppo sanguigno fa notizia perché tutti conoscono l’ABO, ma non è il cluster di geni più fortemente associato, ce n’è un altro che è un cluster legato ad alcuni recettori particolari a livello cellulare che è interessante perché potrebbe essere quello che promuove la migrazione a livello polmonare dei globuli bianchi e dei linfociti promuovendo quello stato di iper infiammazione che si sviluppa prima a livello polmonare e poi si diffonde in tutto l’organismo».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Cartabellotta (Gimbe): «Netto calo contagi. Scelta azzardata rimandare all’autunno quarta dose dei vulnerabili»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe rileva una diminuzione dei nuovi casi in quasi tutto il territorio nazionale. Disattesi appelli Gimbe e delle istituzioni sulla copertura con la quarta dose delle persone vulnerabili
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?
La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso
In Puglia il primo reparto Covid a gestione infermieristica
Al Policlinico San Paolo di Bari la sperimentazione avviata dal direttore generale dell’Asl Antonio Sanguedolce ha avuto successo: i pazienti non vengono mandati al Covid hospital ma destinati a questo reparto e seguiti da diversi medici. Resta fisso invece il pool infermieristico. Andreula (OPI Bari): «Abbiamo messo al centro i bisogni di assistenza del paziente in un unico ambiente assistenziale»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...