Salute 30 Giugno 2022 09:50

Regione Lombardia investe 7,5 milioni di euro nelle cure domiciliari

Nuove tecnologie, telemedicina e personale specializzato gli ambiti di sviluppo su cui è concentrata l’attenzione di pubblico e privato. Da MedicaAir nuovi studi per migliorare la consistenza dei cibi per pazienti con insufficienza respiratoria

Sette milioni e mezzo di euro destinati all’assistenza domiciliare, così Regione Lombardia nell’ambito della riforma sanitaria messa a punto sul finire del 2021 ha deciso di potenziare le cure a domicilio. Un impegno che richiede professionalità e nuovi modelli organizzativi con la grande sfida da compiere verso la digitalizzazione dei sistemi sanitari e l’implementazione della telemedicina. Il tema è stato ampiamente trattato durante l’incontro che si è tenuto lo scorso 24 giugno in Regione Lombardia, organizzato da Uneba e gruppo MedicAir in collaborazione con Assolombarda, Aris e IQVIA.

«La tecnologia caratterizza tutti i nostri servizi – ha spiegato Dafne Moscatelli vicepresidente di MedicAir Group – sia passando attraverso il concetto del dispositivo medico utilizzato per la terapia e la cura delle patologie, ma anche con la telemedicina che permette di tenere sempre il paziente monitorato nella sua condizione cronica, affinché non vi sia un ritorno all’acuzie. Per noi è importante non gestire solo la fase di cura, ma anche tenere sotto controllo la salute del paziente, a beneficio dello stesso e anche degli ospedali che evitano così di avere un aggravio di costi».

La pandemia ha accelerato la cura domiciliare

Un cambiamento che il Covid ha accelerato, come ha raccontato la vicepresidente Moscatelli. «Nelle varie ondate siamo stati protagonisti di un aumento dei servizi domiciliari, a supporto del sistema sanitario per la distribuzione dell’ossigeno, oltre che di dispositivi medici come i ventilatori polmonari. Quello che ancora non conosciamo bene sono gli effetti del long Covid, una materia di interesse per noi tanto che ci stiamo attrezzando con tecnologie nuove e con una presenza sanitaria all’interno del gruppo».

MedicAir firma uno studio sperimentale per la realizzazione di cibi per pazienti con insufficienza respiratoria

Di sicuro il presente di MedicAir è caratterizzato da una forte implementazione della tecnologia e dalla ricerca attiva in molti ambiti, come il settore nutrizionale con un nuovo progetto innovativo: «Riguarda una tipologia di cibi speciali dedicati ai pazienti con insufficienza respiratoria e a coloro che sono disfagici – ha aggiunto la vicepresidente di MedicAir Group -. Un’attività di ricerca e sviluppo durata anni ci ha portato ad avere dei prodotti che sono organoletticamente perfetti per pazienti che soffrono di questo tipo di patologie. La peculiarità è data dal perfetto equilibrio della densità che hanno questi cibi che non devono finire nelle vie respiratorie in quanto rischierebbero di creare delle polmoniti ab ingestis. Siamo prossimi ad avviare uno studio ad Ancona dove un gruppo di pazienti si nutrirà con i nostri prodotti e siamo convinti che arriveremo a delle risposte importanti, mentre l’obiettivo a lungo termine è riuscire a commercializzare il prodotto non solo in Italia, ma in tutto il mondo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Diabete, al via il corso di formazione per medici libici della Società Italiana di Diabetologia
Il corso a distanza prenderà il via il 16 maggio. Il diabete è in aumento esponenziale soprattutto nei paesi in via di sviluppo come quelli africani affacciati sul Mediterraneo
PNRR sanità, dialogo aperto tra comuni e rete di assistenza per una reale prossimità e integrazione
Giornata di riflessione e confronto IFEL, ANCI e Federsanità sulle missioni 5 e 6 del PNRR sul welfare di comunità
Indennità di accompagnamento più accessibile e supporto ai caregiver: la riforma dell’assistenza agli anziani
“Norme per la promozione della dignità delle persone anziane e per la presa in carico delle persone non autosufficienti”: è questo il titolo della proposta di legge presentata dalla Commissione interventi sociali e politiche per la non autosufficienza. È per ora una bozza che, come tale, potrà essere integrata e modificata. Le proposte di Senior Italia FederAnziani
Regione Lombardia investe 10 milioni di euro nel “ponte digitale” tra ospedale e territorio
Il 2022 sarà l’anno decisivo per la realizzazione di una piattaforma centralizzata in grado di mettere in rete le strutture ospedaliere, le case di comunità e creare percorsi di telemedicina a cui avranno accesso i cittadini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...