Mondo 2 Novembre 2020

«Ecco le misure più efficaci per contrastare il Covid-19». Lo studio sul Lancet

Dalle scuole ai trasporti, dai grandi eventi al contact tracing, uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista fa il punto sulle misure “non farmacologiche” di contrasto al nuovo coronavirus adottate in 131 Paesi

di Tommaso Caldarelli

«Le nostre risultanze dimostrano che, presa come singola misura non farmacologica, la chiusura dei grandi eventi pubblici ha avuto il maggior ruolo nella riduzione di R». Così il Lancet in un dettagliato studio che, secondo gli autori, sarebbe «il primo a considerare l’associazione temporale fra l’attivazione/disattivazione di una serie di misure non farmacologiche di contrasto al coronavirus e la trasmissione del virus, così come misurata dall’indice R per tutti i Paesi in cui questi dati sono a disposizione».

Si tratta di un lavoro invero possente, costruito su dati empirici di 131 Paesi e che ha analizzato una serie di notissime misure predisposte dagli Stati, fra cui «la chiusura delle scuole, dei luoghi di lavoro, lo stop agli eventi pubblici, la richiesta di rimanere in casa, lo stop agli spostamenti interni». Ognuno di questi interventi ha, infatti, un diverso impatto sulla rottura delle catene di contagio e soprattutto un diverso impatto rispetto al tempo in cui viene attivato.

STOP AGLI EVENTI PUBBLICI? MISURA EFFICACE CONTRO IL COVID-19

Come dicevamo, i ricercatori guidati da You Li, dottore di ricerca all’Università di Edimburgo, hanno mappato analiticamente tutti gli interventi disposti dai policymakers nei Paesi alle prese con la pandemia da coronavirus. «La nostra analisi suggerisce che, nel contesto di una recrudescenza del SARS–CoV-2, la strategia di controllo dello stop agli eventi pubblici e dei raduni pubblici di più di dieci persone sarebbe associata ad una riduzione di R del 6% per giorno 7, del 13% su giorno 14 e del 29% su giorno 28; se questa strategia includesse anche la chiusura dei luoghi di lavoro, la riduzione globale di R sarebbe dl 16% nel giorno 7, del 22% sul giorno 14 e del 38% sul giorno 28. Dati che forniscono ulteriori evidenze che possono informare decisori e policymakers riguardo tempi e modi per l’introduzione di misure di contenimento sociale».

SERVE TEMPO

Ovviamente, una volta dislocate tali misure, l’effetto non è immediato, ma cresce nel tempo a scaglioni di 7 giorni, con i primi effetti osservabili su giorno 7, i successivi su giorno 14 e ulteriori su giorno 28; il che, secondo i ricercatori, è un altro aspetto che va tenuto a mente quando si progetta un’azione di salute pubblica che coinvolge misure non farmacologiche: la piena efficacia si raggiunge non dopo i celebri 14 giorni, ma potrebbe esserci bisogno di qualcosina in più.

IL NODO DELLA SCUOLA

Capitolo a parte è quello della scuola, la chiusura della quale è una misura «universalmente riconosciuta per il controllo di pandemie anche precedenti». Il ruolo degli studenti nella trasmissione del coronavirus «è ancora da chiarire» ma gli studi a disposizione dimostrerebbero che «la chiusura delle scuole potrebbe ridurre l’incidenza di un picco fra il 40 e il 60% e ritardare l’epidemia da Covid-19».

Ma la realtà è che una mappatura corretta dell’impatto di una chiusura delle scuole è complicata da una serie di fattori da non poco conto: «Conta il distanziamento sociale nelle classi e fuori dalle classi, contano le misure aumentate di igiene e il controllo della temperatura all’arrivo (…). Non è stato possibile inoltre valutare l’effetto della riapertura di diversi livelli scolastici (scuole elementari contro scuole medie). Uno studio ha inoltre sostenuto che i bambini sotto i cinque anni con sintomi medi o moderati di Covid-19 hanno cariche virali più alte, e quindi potrebbero fungere da superdiffusori nella popolazione generale».

CONTACT TRACING E TRASPORTI

Vi sono poi un paio di osservazioni che potrebbero apparire sorprendenti: la prima, il sistema di contact tracing ha un ruolo efficace nell’arginare l’epidemia da Sars-COV-2 solo se viene effettuato in maniera «tempestiva», altrimenti un sistema di tamponamento e tracciamento disorganizzato e malamente operativo non è in alcun modo in grado di essere d’aiuto. La seconda: come confermato in altri studi, «la chiusura del sistema di trasporto non mostra sostanziali effetti nella caduta del fattore R».

I LIMITI DELL’INDICE R

Un’ultima evidenza proposta dallo studio: anche l’indice R è un dato statistico utile, ma che va correttamente inserito nel suo contesto. «La stima dell’indice R mentre c’è una pandemia in corso è complessa e associata ad un tasso ineludibile di incertezza. Secondo, la stima di R diviene inaffidabile, con alti tassi di incertezza, se il numero di casi è basso, e questo ne riduce l’applicabilità a livello locale o quando il numero di casi in una regione grande è basso. Terzo, R può diventare sensibile a un picco in alcuni contesti (case di cura, scuole, fabbriche e ospedali) e non rappresenta completamente la trasmissione nella popolazione generale. Quarto, R è un indice di trasmissione medio a livello di popolazione e quindi non riflette il livello individuale di trasmissione del SARS-CoV-2».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e gravidanza, studio ISS: su 875 donne con virus nessuna morte, il 2% in terapia intensiva
Una rete ISS monitora le donne positive in gravidanza: alla luce dei dati, la trasmissione del virus da madre a neonato sembra possibile ma molto rara e non influenzata dalla modalità del parto, dall’allattamento o dal rooming-in
Covid-19, Gimbe: «Frena contagio, restrizioni funzionano. Ma il colore delle regioni sbiadisce troppo in fretta»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma timidi segnali di rallentamento dell’epidemia, ma i numeri sono ancora molto elevati: oltre 165 mila nuovi casi e 5.055 decessi. Quasi 780 mila attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali superate in 15 regioni e le terapie intensive in 16
Dal 21 dicembre al 6 gennaio vietati spostamenti tra Regioni: il Dl sul Natale “prudente”
Feste di Natale all'insegna di pochi intimi. Vietati i viaggi verso le seconde case. 25, 26 dicembre e 1 gennaio si potranno trascorrere solo nel proprio Comune. Permesso tornare presso la propria residenza
Covid-19, con ruxolitinib e cortisone possibile riduzione della mortalità del 70%
D’Alessio (Policlinico San Marco di Zingonia): «Dopo aver sperimentato diversi farmaci, questo, somministrato precocemente, ha dato risultati interessanti in attesa del vaccino»
di Federica Bosco
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli