Salute 19 Ottobre 2020 09:32

Chiusura scuole in Campania, i pediatri: «Più pericolosi gli incontri per strada o in casa»

Giuliano (Simpe Campania): «Sbagliato colpire l’istruzione, l’impatto delle scuole nei contagi è minimo». Mele (Simpe nazionale): «Atto dovuto, ma evitare che la chiusura della scuola generi ulteriori occasioni di assembramento»

Chiusura scuole in Campania, i pediatri: «Più pericolosi gli incontri per strada o in casa»

Alla fine è arrivato, puntuale dopo aver sfondato il muro dei mille positivi giornalieri, il giro di vite annunciato dal governatore della Campania Vincenzo De Luca per contrastare la seconda ondata di coronavirus: nella serata di giovedì scorso la firma dell’ordinanza che prevede la chiusura di due settimane per le scuole di ogni ordine e grado e degli atenei (tranne per il primo anno) in tutta la Regione. Poi, il giorno successivo, il dietrofront su scuole dell’infanzia e nidi, che resteranno quindi aperti.

Una decisione, quella di sacrificare almeno momentaneamente le attività scolastiche in presenza, sicuramente sofferta ma altrettanto impopolare, che ha scatenato il disappunto, oltre che dei genitori, anche delle istituzioni, in primis del ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, secondo la quale si configurerebbe un conflitto di competenze Stato/Regioni. Una decisione, inoltre, che divide l’opinione pubblica e suscita pareri diversi, anche all’interno delle stesse organizzazioni, come nel caso della Società Italiana Medici Pediatri (Simpe).

CHIUSURA SCUOLE CAMPANIA, LA POSIZIONE DI MARIA GIULIANO (SIMPE CAMPANIA)

Per la presidente della Simpe Campania, Maria Giuliano, infatti, le misure restrittive decise dal governatore De Luca sarebbero, oltre che ingiustificate sul piano sanitario e di prevenzione, assolutamente deleterie da un punto di vista sociale ed educativo. «Gli studi hanno dimostrato che l’impatto delle scuole nella diffusione dell’epidemia è, in percentuale, trascurabile. Anche perché le scuole hanno messo in atto protocolli e misure di sicurezza efficaci. Viceversa, rappresentano un problema tutte le occasioni, come feste e vita sociale, che possano dar vita ad assembramenti».

Ed è evidente che, se bambini e ragazzi non frequentano la scuola, sale la probabilità che si incontrino per strada, a gruppi, che si riuniscano in casa, generando situazioni molto più a rischio rispetto al frequentare la scuola.

«Quel che è certo – continua Giuliano – è che la didattica a distanza produrrà delle lacune formative enormi in una intera generazione. Nella nostra Regione il problema andava affrontato a monte: perché colpire la scuola, quando è evidente che il settore trasporti è atavicamente in affanno, ed è proprio su autobus e metro affollate che il virus trova terreno fertile? Perché colpire la scuola se la gestione dei rifiuti lascia ancora a desiderare e si sa che i rifiuti per strada sono correlati alla diffusione delle epidemie?».

L’OPINIONE DI GIUSEPPE MELE (PRESIDENTE SIMPE NAZIONALE)

Secondo il presidente Simpe nazionale Giuseppe Mele, invece, «la decisione in questione era probabilmente un atto dovuto visti i numeri degli ultimi giorni in Campania, e non è escluso che le altre Regioni più duramente colpite dal virus possano, nei prossimi giorni, stabilire le stesse misure. I bambini e i ragazzi, proprio perché spesso asintomatici, rischiano di diventare veri e propri untori».

Ma anche per Mele, tuttavia, il pericolo più grande è rappresentato da tutte quelle attività che i ragazzi faranno anche e soprattutto perché non andranno a scuola. «È evidente – continua Mele – che se poi i ragazzi si incontreranno coi loro amici al pub, siamo punto e a capo. Ma sono sicura che De Luca avrà pensato anche a questo. Un altro aspetto molto importante della questione – aggiunge – è la necessità di attuare dei correttivi sociali ed economici affinché queste misure sanitarie non gravino troppo sul bilancio delle famiglie. Bisogna insomma riconsiderare per intero il mondo del lavoro e le sue dinamiche – conclude Mele – favorendo e aumentando, innanzitutto, il ricorso allo smart working».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e scuole, il Report Gimbe: «Troppo rischioso abbandonare la mascherina»
La Fondazione pubblica un nuovo report con una sintesi delle evidenze scientifiche sull’efficacia degli interventi per migliorare la sicurezza Covid-19 nelle scuole. Le priorità: aumentare coperture vaccinali, non abbandonare la mascherina, potenziare screening e investire su aerazione e ventilazione
Congresso Fimp, Biasci: «Troppi casi di violenza e violazioni dei diritti dei più piccoli. Porre un argine forte»
I pediatri di famiglia lanciano la carta dei diritti del bambino e adolescente. «È importante che i bimbi siano condotti con regolarità ai controlli periodici»
Salvare i nonni colpiti dall’Ictus si può con Fast Heroes
Al via nelle scuole primarie milanesi, in collaborazione con l’’associazione A.L.I.Ce, il progetto che insegna ai bambini delle scuole primarie a riconoscere i sintomi e ad attivare il numero di emergenza
di Federica Bosco
Covid, Gimbe: «Scendono ancora nuovi casi e ricoveri. Misure insufficienti nelle scuole»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe conferma un ulteriore calo di tutte le curve, ad eccezione dei decessi che si confermano stabili. L’esitazione vaccinale persiste negli over 50 e frena la fascia 12-19: 1,5 milioni di ragazzi non hanno ancora ricevuto nemmeno una dose di vaccino
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano