Lavoro 21 Giugno 2022 18:21

Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà

«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»

Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà

I fondi del PNRR per la digitalizzazione in sanità? Una sfida portare avanti con forza e determinazione, soprattutto in una Regione “difficile” come la Campania, fucina di progetti e recenti successi in materia di sanità digitale ma che ancora sconta il giogo di anni di commissariamento. Questo il leitmotiv che ha scandito, nella giornata di ieri, la III edizione del Campania Digital Summit, organizzata da The Innovation Group in collaborazione con la Regione Campania, la Fondazione Idis-Città della Scienza e il Gruppo Maggioli, nell’ambito del Digital Italy Program 2022. L’evento, che ha avuto luogo presso il Centro Congressi Città della Scienza a Napoli, ha affrontato le principali iniziative in corso nella Regione Campania e nei sistemi territoriali per lo sviluppo delle infrastrutture digitali, per favorire la crescita digitale delle imprese e per il miglioramento della qualità della partecipazione e dei servizi ai cittadini, attraverso l’innovazione tecnologica e organizzativa. Al settore della Sanità è stato riservato un apposito panel che ha ospitato i principali stakeholder del comparto sanitario campano coinvolti nei processi di sviluppo e implementazione digitale.

Tanti gli interrogativi, altrettante le risposte. Come fare in modo che il PNRR non si trasformi, da grande opportunità, a “patata bollente”? Gli obiettivi centrati durante la pandemia, a livello regionale e locale, sono stati numerosi e importanti, ma ora è il momento di alzare ancora di più l’asticella e continuare un percorso virtuoso superando alcuni gap e “resistenze” ancora presenti.

Digitalizzazione per la gestione quotidiana dei nuovi servizi

«Investire nella digitalizzazione è l’unica via per assicurare una corretta gestione quotidiana degli investimenti in nuove strutture e servizi, che rischierebbero altrimenti di restare cattedrali nel deserto – afferma Ettore Cinque, Assessore Bilancio e Finanziamento Servizio Sanitario Regionale -. Non solo: investire nella digitalizzazione significa migliorare il servizio reso al cittadino, con costi minori. Le strategie elaborate in era pre-Covid – prosegue l’assessore – una fra tutte la piattaforma Sinfonia (il sistema informativo sanitario regionale, n.d.r.) ci hanno permesso di gestire ed organizzare eventi “inattesi” come la campagna vaccinale anti-Covid in maniera efficace: un punto di partenza incoraggiante per il futuro, sui cui però c’è ancora tanto da fare».

Migliorare l’offerta al cittadino. La sfida della gestione del fato

«La nostra azienda – spiega Alessandro Di Bello, direttore generale SORESA (Società Regionale per la Sanità) – opera in senso binario, tale da supportare il raggiungimento di obiettivi sia dal lato del cittadino, che dal lato della Regione, facendo sì che il primo sia realmente al centro del sistema. Oggi le sfide principali riguardano il monitoraggio, la governance e la certificazione del dato, per vincere le quali occorre una nuova strategia digitale che miri non solo alla realizzazione di nuovi sistemi informativi, ma in primis alla definizione dei processi che ne sono alla base. Per cosa passa la digital transformation? Sicuramente – afferma il dg SORESA – attraverso il fascicolo sanitario elettronico e la telemedicina, e proprio su quest’ultima, nonostante la mole di lavoro ancora da portare a termine, siamo particolarmente avanti. Il PNRR sarà linfa vitale sugli obiettivi futuri nell’ambito della digitalizzazione. Siamo in partenza con il CUP per i privati accreditati e con il risk management in sanità, ma la vera novità – sottolinea – riguarderà la gestione del dato, la cui finalità sarà migliorare e ampliare l’offerta al cittadino, la riduzione del rischio clinico e la contestuale riduzione della migrazione sanitaria».

Dal regionale al locale, colmare il gap di competenze

«Tenendo sempre ben a mente i concetti di visione e programmazione, a distanza di tre anni dall’avvento della pandemia possiamo dire di esserci ben adeguati alle indizioni regionali – osserva Ciro Verdoliva, direttore Generale Asl Napoli 1 Centro -. Ora ci affacciamo al PNRR con la sfida della telemedicina, ma per farlo al meglio dovremo una volta per tutte adeguare le capacità di utilizzo del sistema, o rischiamo di restare al palo. È vero, telemedicina ne facciamo già da tempo e con buoni risultati, ma il PNRR richiede e impone un vero cambio di passo, fornendoci le risorse economiche necessario per compierlo. Il gap di competenze in ambito digitale – conclude – è ad oggi l’ostacolo principale tra l’impiego di risorse ed il loro utilizzo, un gap che è nostra intenzione colmare».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Sanità di prossimità: quale sarà il ruolo del farmacista?
Mandelli (FOFI): «Alcuni testi normativi sanciscono nuove funzioni per i farmacisti, in parte assunte durante l’emergenza, ma per il futuro ancora più estese e di natura strutturale. Saranno sempre di più i corresponsabili del raggiungimento di alcuni imprescindibili obiettivi di salute pubblica come l’incremento delle coperture vaccinali e la prevenzione con riguardo alle malattie non trasmissibili»
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Liste d’attesa, la proposta CIMO-FESMED per recuperare 22 milioni di ore di assistenza l’anno
Il sindacato: «Dedicare le 4 ore a settimana previste per attività non assistenziali a prestazioni mediche aggiuntive per abbattere le liste d’attesa, prevedendo una retribuzione extra-contrattuale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali