Covid-19, che fare se...? 21 Giugno 2022 16:37

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali

Il vaccino può causare il Long Covid?

Recentemente è stato pubblicato su Medrxiv, un database di paper non sottoposti alla revisione dei pari, uno studio che lega il vaccino anti-Covid a una serie di sintomi compatibili con il Long Covid, una sindrome post-infezione di cui sappiamo ancora poco. Bruciore agli arti e palpitazioni sono tra i sintomi riportati nello studio, che possono caratterizzare il Long Covid, ma non ci sono prove che siano associati a esso.

Fiore (CNR): «Come ogni farmaco anche il vaccino ha effetti collaterali»

«Il vaccino deve essere considerato un farmaco, e, come tale, può provocare effetti collaterali», spiega Marco Fiore, ricercatore presso l’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibbc). «Piuttosto che parlare di Long Covid, userei questa locuzione per definire i sintomi che sono stati osservati a seguito dell’inoculazione», aggiungo. Nello studio i ricercatori hanno segnalato 23 persone che, tra gennaio e settembre 2021, hanno manifestato polineuropatia, una condizione che provoca malfunzionamento simultaneo di nervi periferici in tutto il corpo.

Gli effetti collaterali sono esigui rispetto alle tantissime dosi somministrate

«Negli ultimi anni – precisa Fiore – sono state somministrate diverse decine di milioni di dosi di vaccini, tra le varie alternative sul mercato. Il numero di effetti collaterali segnalati è davvero esiguo se confrontato con questi valori. Per questo, piuttosto che considerare questi episodi come Long Covid, tenderei ad assimilarli come normali conseguenze della vaccinazione». Non solo. Gli scienziati invitano a vaccinarsi per proteggersi dal Long Covid. Il vaccino, infatti, riduce il rischio di infezione e, di conseguenza, il rischio di sviluppare questa ancora misteriosa sindrome post-infezione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Si può scegliere il tipo di vaccino da fare?
Non è possibile scegliere il vaccino anti-Covid da fare. Tuttavia, al momento della prenotazione è possibile selezionare la struttura in base al tipo di vaccino che somministra
Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale
Nella Repubbica Democratica del Congo si è diffusa una variante pericolosa del vaiolo delle scimmie che, secondo gli esperti, potrebbe diffondersi anche a livello globale
Ha ancora senso vaccinare i bambini?
La Società italiana di pediatra continua a raccomandare la vaccinazione anti-Covid, soprattutto in considerazione dell'aumento dei contagi nella fascia di popolazione in età scolare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa