Lavoro 15 Giugno 2022 09:22

Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)

Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»

Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)

«Le Case della Comunità, così come sono state concepite, non miglioreranno dal punto di vista organizzativo il lavoro dei medici, né i servizi ai cittadini».

Ne è convita Pina Onotri, Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani (SMI). «Veramente si pensa che un medico che ha in carico 1.500 assistiti lavori solo 15 ore a settimana? – chiede Onotri -. In epoca pre-pandemica tale carico di pazienti comportava circa 40 ore di attività settimanale, attività più che raddoppiata in tempo di pandemia, con carichi di lavoro insostenibili, tant’è che molti colleghi hanno rinunciato all’incarico. Lavorare 38 ore a settimana? – chiede ancora il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani -. Ci mettiamo la firma subito, ma così non sarà. I pazienti che abbiamo in carico, soprattutto quelli più fragili richiedono ben più di 20 ore di attività a settimana, a meno di non contrarre la nostra disponibilità all’assistenza, riducendola alle sole ore di apertura di studio previste». Calcolatrice alla mano, resterebbero altre 18 ore di lavoro da svolgere all’interno delle case di comunità».

Onotri: «Nuovi compiti o nuovi pazienti?»

Ed anche su questo punto, il tema dell’assistenza aggiuntiva, non mancano gli interrogativi: «Quali saranno i nostri compiti? Nei confronti di chi verrà svolta questa assistenza aggiuntiva? Nei confronti dei pazienti per cui siamo pagati? – chiede Onotri -. Ed in questo caso – risponde il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani -, non vedo perché se siamo facilmente raggiungibili nei nostri studi medici, i nostri pazienti dovrebbero cercarci in una casa della comunità situata, a volte, anche a km di distanza. Oppure la nostra prestazione deve essere rivolta ad una popolazione di assistiti che non abbiamo in carico? In questo caso si porrebbero molti problemi medico legali e anche di natura contrattuale».

Le proposte del SMI e del Segretario Onotri

A tal proposito sono molteplici le soluzioni proposte dal Segretario Onotri: «Si potrebbe studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, per cui i medici con un carico assistenziale inferiore al massimale (1500 scelte) possono andare a coprire un debito orario nelle case di comunità retribuiti in parte a quota oraria e in parte a quota capitaria. Ancora, modificare la legge 502/92 permettendo alle ASL di conferire incarichi a tempo indeterminato a medici convenzionati per ricoprire le aree che oggi sono più in sofferenza, dall’assistenza domiciliare, alla medicina scolastica, ai servizi di necroscopia e igiene».

L’assistenza domiciliare agli anziani

Altro punto focale della Missione 6 del PNRR è l’incremento dell’assistenza domiciliare agli anziani. Ma anche qui non sono pochi gli aspetti che attendono di essere chiariti. Il Segretario Onotri non «ritiene possa essere una misura sufficiente perché – spiega -, insieme ai bisogni sanitari, ci sono i bisogni sociali da soddisfare in termini anche di sostegno alle famiglie che, oggi, si fanno carico dell’intera assistenza.

L’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) dovrebbe essere in grado di affrontare i problemi delle persone non autosufficienti in modo totale o parziale superando le lungaggini burocratiche della valutazione multidimensionale del paziente da parte di un’Unità Valutativa Multidimensionale (UVM) che ha il compito di esaminare in modo approfondito la situazione clinica del paziente, tenendo in conto diversi aspetti, tra cui la sua salute psichica e i fattori socio-ambientali».

La telemedicina

Nel restyling della Sistema Sanitario Nazionale anche la telemedicina avrà un ruolo fondamentale. «Considerata la carenza di medici generalisti e specialisti da impiegare fin da subito nelle aree più disagiate del Paese, la telemedicina avrà una funzione sempre più strategica. Rinforzare la medicina territoriale vuol dire, da una parte, colmare la carenza di personale sanitario, medico ed infermieristico e, dall’altra, investire nel fabbisogno formativo delle figure sanitarie e sociosanitarie e mediche impiegate nei servizi residenziali e di assistenza domiciliare integrata per la cura della persona, in particolare, data l’importanza della telemedicina – conclude Onotri – nella formazione in medicina digitale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
Sanità di prossimità: quale sarà il ruolo del farmacista?
Mandelli (FOFI): «Alcuni testi normativi sanciscono nuove funzioni per i farmacisti, in parte assunte durante l’emergenza, ma per il futuro ancora più estese e di natura strutturale. Saranno sempre di più i corresponsabili del raggiungimento di alcuni imprescindibili obiettivi di salute pubblica come l’incremento delle coperture vaccinali e la prevenzione con riguardo alle malattie non trasmissibili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...