Lavoro 15 Giugno 2022 09:22

Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)

Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»

Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)

«Le Case della Comunità, così come sono state concepite, non miglioreranno dal punto di vista organizzativo il lavoro dei medici, né i servizi ai cittadini».

Ne è convita Pina Onotri, Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani (SMI). «Veramente si pensa che un medico che ha in carico 1.500 assistiti lavori solo 15 ore a settimana? – chiede Onotri -. In epoca pre-pandemica tale carico di pazienti comportava circa 40 ore di attività settimanale, attività più che raddoppiata in tempo di pandemia, con carichi di lavoro insostenibili, tant’è che molti colleghi hanno rinunciato all’incarico. Lavorare 38 ore a settimana? – chiede ancora il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani -. Ci mettiamo la firma subito, ma così non sarà. I pazienti che abbiamo in carico, soprattutto quelli più fragili richiedono ben più di 20 ore di attività a settimana, a meno di non contrarre la nostra disponibilità all’assistenza, riducendola alle sole ore di apertura di studio previste». Calcolatrice alla mano, resterebbero altre 18 ore di lavoro da svolgere all’interno delle case di comunità».

Onotri: «Nuovi compiti o nuovi pazienti?»

Ed anche su questo punto, il tema dell’assistenza aggiuntiva, non mancano gli interrogativi: «Quali saranno i nostri compiti? Nei confronti di chi verrà svolta questa assistenza aggiuntiva? Nei confronti dei pazienti per cui siamo pagati? – chiede Onotri -. Ed in questo caso – risponde il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani -, non vedo perché se siamo facilmente raggiungibili nei nostri studi medici, i nostri pazienti dovrebbero cercarci in una casa della comunità situata, a volte, anche a km di distanza. Oppure la nostra prestazione deve essere rivolta ad una popolazione di assistiti che non abbiamo in carico? In questo caso si porrebbero molti problemi medico legali e anche di natura contrattuale».

Le proposte del SMI e del Segretario Onotri

A tal proposito sono molteplici le soluzioni proposte dal Segretario Onotri: «Si potrebbe studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, per cui i medici con un carico assistenziale inferiore al massimale (1500 scelte) possono andare a coprire un debito orario nelle case di comunità retribuiti in parte a quota oraria e in parte a quota capitaria. Ancora, modificare la legge 502/92 permettendo alle ASL di conferire incarichi a tempo indeterminato a medici convenzionati per ricoprire le aree che oggi sono più in sofferenza, dall’assistenza domiciliare, alla medicina scolastica, ai servizi di necroscopia e igiene».

L’assistenza domiciliare agli anziani

Altro punto focale della Missione 6 del PNRR è l’incremento dell’assistenza domiciliare agli anziani. Ma anche qui non sono pochi gli aspetti che attendono di essere chiariti. Il Segretario Onotri non «ritiene possa essere una misura sufficiente perché – spiega -, insieme ai bisogni sanitari, ci sono i bisogni sociali da soddisfare in termini anche di sostegno alle famiglie che, oggi, si fanno carico dell’intera assistenza.

L’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) dovrebbe essere in grado di affrontare i problemi delle persone non autosufficienti in modo totale o parziale superando le lungaggini burocratiche della valutazione multidimensionale del paziente da parte di un’Unità Valutativa Multidimensionale (UVM) che ha il compito di esaminare in modo approfondito la situazione clinica del paziente, tenendo in conto diversi aspetti, tra cui la sua salute psichica e i fattori socio-ambientali».

La telemedicina

Nel restyling della Sistema Sanitario Nazionale anche la telemedicina avrà un ruolo fondamentale. «Considerata la carenza di medici generalisti e specialisti da impiegare fin da subito nelle aree più disagiate del Paese, la telemedicina avrà una funzione sempre più strategica. Rinforzare la medicina territoriale vuol dire, da una parte, colmare la carenza di personale sanitario, medico ed infermieristico e, dall’altra, investire nel fabbisogno formativo delle figure sanitarie e sociosanitarie e mediche impiegate nei servizi residenziali e di assistenza domiciliare integrata per la cura della persona, in particolare, data l’importanza della telemedicina – conclude Onotri – nella formazione in medicina digitale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
PNRR, l’allarme: «Con vincoli ad assunzioni rischio che Case di Comunità non abbiano sufficiente personale»
Il Presidente della Commissione Sanità del Consiglio del Regionale del Lazio, Rodolfo Lena, spiega: «Dobbiamo dare gambe importanti al PNRR». E aggiunge: «C’è carenza di alcuni professionisti: al San Giovanni a un concorso per il Pronto soccorso si sono presentati solo 65 medici per 169 posti. Serve l’abolizione del numero chiuso»
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
Medicina generale, la denuncia di Fismu: «Riforma ancora in alto mare, manca atto di indirizzo»
Le proposte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti alla vigilia della segreteria nazionale di sabato del sindacato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...