Lavoro 2 Marzo 2022 15:35

Sciopero medici, Onotri (SMI): «Calpestati i nostri diritti più elementari e quelli dei pazienti»

Il Sindacato dei Medici Italiani (SMI) e il Sindacato Italiano Medici del Territorio (SIMET) hanno indetto uno sciopero di 48 ore (1 e 2 marzo), con la chiusura degli ambulatori, culminato con una manifestazione di piazza davanti al Ministero della Salute. Esposti cartelli di pace per richiedere la fine del conflitto in Ucraina

Carichi di lavoro insostenibili, troppa burocrazia, mancanza di tutele fondamentali, come la malattia, la maternità e il riconoscimento dell’infortunio sul lavoro. Sono solo alcuni dei motivi che hanno spinto SMI (il Sindacato dei Medici Italiani) e SIMET (il Sindacato Italiano Medici del Territorio), in rappresentanza di tutti i medici dell’area convenzionata, ad indire uno sciopero di 48 ore, con la chiusura degli ambulatori sia il primo che il 2 marzo, culminato con una manifestazione tenutasi questa mattina a Roma, davanti al Ministero della Salute.

Calpestati i diritti più elementari

«Dopo due anni di pandemia, di turni massacranti, di colleghi che hanno pagato con la propria vita, i nostri diritti continuano ad essere calpestati – denuncia Pina Onotri, Segretario Generale SMI -. Oggi scioperiamo perché rivendichiamo tutele concrete, come le ferie, la maternità, la malattia – aggiunge la sindacalista -. Reclamiamo tutele certe in materia di sostegno e sostituzioni, per poter fruire del meritato riposo, nonché politiche serie sulle pari opportunità». Accanto agli slogan dedicati alla classe medica anche cartelli di pace esposti per mostrare la propria solidarietà all’Ucraina e per richiedere la fine del conflitto.

In piazza per tutelare pazienti e nuove leve

I medici sono scesi in piazza per tutelare non solo i propri diritti ma anche quelli di tutti i cittadini e pazienti d’Italia: «Oggi più di 3 milioni di italiani sono senza un medico di famiglia – sottolinea Onotri -. Anche le ambulanze viaggiano senza un medico a bordo. Le postazioni di guardia medica vengono chiuse o accorpate per mancanza di personale. Vogliamo che la professione torni ad essere attrattiva per i giovani medici così come lo è stata per i vecchi colleghi prossimi al pensionamento. Non c’è più tempo da perdere nemmeno per l’istituzione di un corso di specializzazione in medicina generale», dice il Segretario Generale SMI.

Più tempo per la cura, meno per le scartoffie

È la burocrazia il muro più alto da abbattere: i medici vogliono avere più tempo per tastare le pance dei propri pazienti, dedicandone meno alle tastiera dei pc. «In questi anni ci siamo fatti carico del lavoro del personale amministrativo delle Asl che via via è andato in pensione senza poter essere sostituito – aggiunge il Segretario Generale SMI -. È giunta l’ora di ripristinare l’organico, affinché i medici possano occuparsi dei pazienti e non delle scartoffie. È necessario investire sul capitale umano, adeguando numericamente sia il personale amministrativo che sanitario».

Per un futuro migliore

Se il Ssn non funziona è l’intero Paese a farne le spese. Ne è convinto Sandro Benzoni, vice segretario SIMET Emilia Romagna che, nonostante sia prossimo alla pensione, è sceso in piazza per tutelare i diritti non solo dei suoi colleghi, ma di tutti i cittadini italiani. «Mi sono unito alla protesta per tutelare i miei ideali, per fermare lo smantellamento in atto della medicina generale. Lo scenario in cui versa attualmente la sanità italiana è davvero preoccupante – afferma Benzoni – e spero che le nostre battaglie odierne possano restituire ai nostri figli ed ai nostri nipoti un Ssn migliore».

Il 118 al collasso

In piazza rappresentanti della specialistica ambulatoriale, della continuità assistenziale ospedale-territorio, dei medici di famiglia, del 118. «Le ambulanze senza medico a bordo rappresentano un danno enorme per pazienti. Ma non solo – spiega Paolo Ficco, presidente nazionale Saues (Sindacato autonomo urgenza emergenza sanitaria) -. Aumentano anche il lavoro a carico dei pronto soccorso, già oberati dalle continue emergenze».

I diritti delle donne medico

A puntare il dito contro chi calpesta i diritti delle donne medico è Patrizia Cristini, direzione nazionale SMI, responsabile Specialistica Ambulatoriale: «Spesso le donne che scelgono la carriera medica devono fare una scelta tra la maternità e il proprio lavoro. E chi, con coraggio, decide di non rinunciare ad una gravidanza lavora per tutta la durata della gestazione, finendo quasi per partorire in ambulatorio», ironizza la sindacalista.

Continuità assistenziale ospedale-territorio

Tra i motivi dello sciopero anche il rafforzamento della continuità assistenziale ospedale-territorio: «La fuga non deve essere negli ospedali, ma dagli ospedali – sottolinea Giovanni Senese, responsabile nazionale SMI per la continuità assistenziale -. In altre parole, i cittadini devono poter trovare risposte ai propri bisogni di cura sul territorio, senza doversi necessariamente recare in ospedale anche quando le condizioni di salute non lo rendono necessario. Medici di famiglia, di guardia, di emergenza-urgenza e del 118 sono il cardine dell’assistenza di prossimità. Tanto che una corretta integrazione sul territorio di tutti questi specialisti potrebbe evitare l’80% degli accessi in ospedale», assicura Senese.

I medici di famiglia da sempre in prima linea

A rivendicare i diritti dei medici di medicina generale è Gian Massimo Gioria, responsabile nazionale assistenza primaria SMI: «I medici di famiglia sono spesso poco considerati, nonostante lavorino da sempre in prima linea. E la pandemia ne è la dimostrazione: durante la gestione dell’emergenza sanitaria da Covid-19 sono quasi 300 i medici famiglia che hanno perso la vita, molti altri sono rimasti invalidi. Sono sempre stati la prima barriera, eppure vengono considerati nulla: c’è chi crede che lavorino solo 15 ore alla settimana e che siano dei fannulloni. Sono tutte considerazioni completamente false. Sono sempre stati un baluardo insostituibile del Ssn e, per questo – conclude Gioria – chiedono di essere trattati per ciò che realmente sono: il primo ed insostituibile punto di difesa della sanità pubblica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Grazie all’intelligenza artificiale 1 persona su 2 potrebbe lavorare solo 4 giorni a settimana
Secondo un nuovo studio incentrato sulla forza lavoro britannica e americana, l’intelligenza artificiale potrebbe consentire a milioni di lavoratori di passare alla settimana lavorativa di quattro giorni entro il 2033
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Tumori: 1 paziente su 6 abbandona il lavoro. Dalla Rete ROPI 3 proposte «salva-posto»
La ROPI ha analizzato 4 proposte di legge su congedi e indennizzi sul lavoro per i pazienti oncologici,, facendo emergere per ognuna di esse «luci e ombre». Si è arrivati così a individuare alcune proposte chiave per migliorare le regole a tutela dei lavoratori con tumore che Stefania Gori, presidente ROPI, ha presentato oggi in audizione alla XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) alla Camera dei Deputati
di Redazione
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...