Salute 13 Giugno 2022 15:01

PNRR, al via studio sullo stato di sviluppo dei servizi sanitari di 4 Regioni

Viatris e Cergas Bocconi hanno avviato uno studio dedicato ad analizzare lo stato di sviluppo dei servizi sanitari di 4 regioni italiane: Lombardia, Emilia Romagna, Lazio e Campania

PNRR, al via studio sullo stato di sviluppo dei servizi sanitari di 4 Regioni

Per guidare e governare il passaggio alla nuova sanità bisogna meglio comprendere a che punto si trova quella vecchia. Per questo Cergas Bocconi e l’azienda Viatris, in vista delle riforme legate al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), hanno avviato un progetto di studio dedicato all’analisi dell’offerta dei servizi sanitari territoriali di Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio e Campania. Sono le quattro regioni italiane che rappresentano oltre il 40% della popolazione italiana.

L’obiettivo è di valorizzare al meglio le risorse del PNRR

L’obiettivo del progetto, che proseguirà fino alla primavera del 2023, è analizzare il quadro delle strutture presenti e dei servizi erogati nelle Regioni oggetto dello studio. Approfondire le modalità di presa in carico territoriale dei diversi segmenti di pazienti cronici; ragionare sui modelli organizzativi delle diverse regioni per delineare possibili direzioni evolutive che permettano di valorizzare al meglio gli investimenti resi disponibili dalle risorse stanziate dal PNRR.

Il PNRR è un’opportunità per affrontare i problemi della sanità

Il PNRR, la cui Missione 6 ha l’obiettivo di migliorare l’efficacia, l’efficienza e la resilienza del sistema sanitario italiano, rappresenta un’importante opportunità di allocazione di ingenti risorse e riforme per il Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Le riforme hanno l’obiettivo di affrontare i problemi resi ancora più evidenti dalla pandemia Covid-19, sottolineando l’importanza delle tecnologie e delle competenze – digitali, professionali e manageriali – per rivedere i processi di cura e per ottenere un più efficace collegamento tra ricerca, analisi dei dati e programmazione.

Oltre 15 miliardi di euro per sviluppare assistenza di prossimità e innovazione

A questa Missione sono stati assegnati 15,6 miliardi di euro, pari a circa l’8% delle risorse complessive per l’Italia. Si tratta di investimenti che mirano a sviluppare assistenza di prossimità e innovazione, andando a finanziare la realizzazione di case di comunità, ospedali di comunità e a garantire un ammodernamento tecnologico e digitale ospedaliero. I fondi intendono rafforzare anche l’assistenza domiciliare, la telemedicina, la sicurezza e la sostenibilità degli ospedali, la ricerca e la formazione. In questo contesto, Viatris e Cergas Bocconi hanno deciso di lanciare il nuovo studio.

Cergas Bocconi: «Riflettere anche sulle relazioni tra i professionisti coinvolti nella presa in carico»

«Il PNRR e i documenti programmatori ad esso collegati, dedicano molta attenzione alla localizzazione dei servizi e al rinnovamento infrastrutturale e tecnologico», affermano Francesco Longo e Valeria Tozzi, responsabili di progetto per il Cergas Bocconi. «Infrastrutture e software sono importanti ma bisogna riflettere in parallelo sui processi di front office, cioè il format del servizio offerto, e di back office, vale a dire, le relazioni tra professionisti coinvolti nella presa in carico. Questi due elementi di innovazione – continua – sono fondamentali per aumentare la qualità del servizio in un contesto che oggi beneficia di significativi investimenti una tantum, ma che non potrà contare, in prospettiva, su consistenti nuovi ingressi di personale».

Da Viatris un sopporto alle amministrazioni per migliorare approccio alla medicina territoriale

«Il PNRR è la più grande e forse irripetibile occasione di investimento per la sanità italiana», commenta Fabio Torriglia, country manager di Viatris in Italia, spiegando il razionale del coinvolgimento dell’azienda nel progetto. «Noi di Viatris vogliamo contribuire a mettere a disposizione di queste Regioni strumenti idonei a cogliere appieno il valore di questa opportunità. Crediamo infatti che questo progetto possa supportare concretamente le amministrazioni coinvolte nel migliorare il proprio approccio alla medicina territoriale e alla digitalizzazione a beneficio di tutti i pazienti», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...