Sanità internazionale 13 Settembre 2022 14:47

Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine

Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità

Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine

Le persone che vivono nelle aree della Cina sottoposte a lockdown denunciano carenze di cibo e di altri articoli essenziali. Sono decine di milioni in almeno 30 regioni diverse le persone chiuse in casa a causa di lockdown parziali o totali. «Sono passati 15 giorni, siamo senza farina, riso, uova. Da giorni abbiamo finito il latte per i bambini», ha detto un residente nello Xinjiang Occidentale. Le autorità si stanno affrettando a contenere le epidemie locali in vista del congresso del Partito Comunista di ottobre.

Residenti chiedono aiuto sui social media

La politica cinese «zero-Covid» prevede lockdown severi, anche in presenza di pochi casi positivi al virus Sars-CoV-2. Lunedì scorso la Cina ha registrato 949 nuovi casi di Covid in tutto il Paese. Ma le scelte politiche drastiche hanno suscitato spesso polemiche e accuse per le conseguenze sulla vita delle persone e sulla crescita economica. Nello Xinjiang un lockdown durato settimane nella prefettura autonoma kazaka di Ili, vicino al confine con il Kazakistan, ha visto residenti disperati chiedere aiuto sui social media.

In alcune regioni della Cina mancano beni essenziali

Un post mostrava il video di un uomo uiguro sopraffatto dall’emozione, che diceva che i suoi tre figli non mangiavano da tre giorni. Nella città di Yining, capitale di Ili, è stato ampiamente diffuso un documento condiviso online con oltre 300 richieste urgenti di cibo, medicine e assorbenti. «Ho finito i soldi per comprare provviste. Mia moglie è incinta e abbiamo due figli. Stiamo finendo la benzina. Mia moglie ha bisogno di un controllo medico», ha detto un altro residente.

In un report l’Onu denuncia gravi violazioni dei diritti umani

La regione ha una popolazione mista di residenti cinesi Han, kazaki e uiguri. All’inizio di questo mese un rapporto tanto atteso delle Nazioni Unite ha accusato la Cina di «gravi violazioni dei diritti umani» contro gli uiguri e altre minoranze principalmente musulmane nello Xinjiang. I gruppi per i diritti umani affermano che più di un milione di uiguri sono stati detenuti contro la loro volontà. Pechino afferma che la sua rete di campi è uno strumento per combattere il terrorismo.

Chiusi gli ascensori per impedire alle persone di uscire

Nella provincia Sud-Occidentale di Guizhou, le autorità hanno bloccato senza preavviso un’area della capitale provinciale Guiyang, lasciando a casa 500.000 residenti senza alcuna possibilità di prepararsi. Sono stati addirittura chiusi gli ascensori negli edifici per impedire alle persone di andarsene, ha riferito il quotidiano Guardian. «Non possiamo comprare cose online perché non consegnano e i supermercati sono chiusi. Il governo ci tratta come animali o vuole solo che moriamo?». ha chiesto un utente sulla piattaforma di microblogging Weibo, citato dal Guardian.

A Chengdu 21 milioni di persone bloccate

Nel frattempo Chengdu, la capitale della provincia del Sichuan, è la città più grande ad essere bloccata da quando Shanghai ha subito due mesi di restrizioni all’inizio di quest’anno. Ai suoi 21 milioni di persone è stato vietato l’ingresso o l’uscita dalla città, con solo i residenti in grado di mostrare prove di un test Covid negativo autorizzati a comprare beni di prima necessità. I molteplici lockdown arrivano prima del Congresso nazionale del partito a metà ottobre, un evento che si ripete ogni cinque anni che vedrà i massimi membri politici riunirsi per la prima volta da quando la pandemia ha colpito.

In Cina anche i piccoli focolai sono considerati una minaccia

I funzionari del partito sono sottoposti a un’enorme pressione per assicurarsi che l’evento si svolga senza intoppi e anche piccoli focolai di Covid sono visti come una minaccia. Lunedì i media cinesi hanno affermato che un piccolo numero di casi è stato rilevato nei campus universitari di Pechino mentre gli studenti tornavano da altre province. È l’ultima grande economia mondiale che tenta di eliminare completamente i focolai di Covid, sostenendo che ciò è necessario per prevenire ondate più ampie del virus che potrebbero sopraffare gli ospedali. La Cina ha ufficialmente registrato meno di 15.000 morti dall’inizio della pandemia, secondo la Johns Hopkins University.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...