Salute 23 Giugno 2022 11:44

Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi

Uno studio dell’Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi

Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi

Un sacrificio inutile. Anzi addirittura controproducente. I lockdown, non solo hanno provocato devastanti effetti sulla salute mentale di bambini e adulti, ma potrebbero in alcuni paesi aver accelerato la diffusione del virus Sars-CoV-2. Uno studio retrospettivo dell’Università della Finlandia orientale, che ha analizzato il legame tra a riduzione dei movimenti delle persone e la diffusione del virus, mostra esempi in cui il virus si è diffuso più rapidamente quando le persone sono rimaste a casa. Inoltre, la sola parziale limitazione della mobilità è sembrata, retrospettivamente, più efficace nel ridurre al minimo la diffusione di Sars-CoV-2 rispetto alle restrizioni estreme. I risultati dello studio sono stati pubblicati sul Journal of Preventive Medicine and Public Health.

Lo studio ha esaminato il rapporto tra lockdown e replicazione del virus

I lockdown imposti dal governo e le restrizioni di movimento sono stati probabilmente il segno distintivo della risposta a questa pandemia. Questi interventi sono stati ritenuti invasivi in ​​alcune circostanze e contesti. I ricercatori hanno analizzato il rapporto tra mobilità delle persone e effettivo numero di replicazione di Sars-CoV-2. Il numero di replicazione effettivo riflette il tasso di diffusione della malattia poiché cattura i cambiamenti dinamici nella trasmissione virale da persona a persona. Gli indicatori di mobilità si basano sui dati di posizione resi anonimi degli utenti dei servizi Google che hanno attivato la «Cronologia delle posizioni» sui propri telefoni cellulari.

Individuati tre modelli di correlazione tra mobilità e diffusione del virus

Le posizioni sono classificate in diverse categorie di mobilità, tra cui, ad esempio, mobilità residenziale, che indica che le persone sono state a casa. I ricercatori si sono concentrati sulla fase pre-vaccinazione e pre-varianti di preoccupazione della pandemia, dal 15 febbraio al 31 dicembre 2020, analizzando i cambiamenti quotidiani della mobilità e la diffusione del Sars-CoV-2 in 125 paesi e 52 regioni o stati degli Stati Uniti. L’analisi ha identificato tre gruppi di paesi sulla base di modelli di correlazione tra gli indicatori di mobilità e il numero effettivo di riproduzione di Sars-CoV-2.

In alcuni paesi il lockdown è servito allo scopo, in altri ha avuto l’effetto opposto

Il gruppo 1 è costituito da paesi con correlazioni «normali». In altre parole, più si è rimasti a casa minore è stata la diffusione di Sars-CoV-2, come è successo negli Stati Uniti, in Turchia e nella maggior parte dei paesi OCSE. Il gruppo 2 includeva i paesi con correlazioni «invertite», riferendosi a correlazioni positive tra mobilità residenziale e diffusione Sars-CoV-2, cioè quando i lockdown hanno favorito il virus. Il gruppo 3 è costituito da paesi con modelli di correlazione più complessi o correlazioni «inconcludenti».

Livelli intermedi di lockdown più utili di quelli completi

Nei paesi del gruppo 1, come l’Austria, più tempo le persone trascorrevano a casa, minore era la diffusione della malattia. Mentre nei paesi del gruppo 2 come la Bolivia, si è osservato l’esatto contrario: più tempo le persone trascorrevano a casa, maggiore era la diffusione della malattia. Inoltre, in molti paesi, i modelli di correlazione tra mobilità e diffusione della malattia hanno mostrato un minimo di diffusione della malattia a un livello intermedio di restrizione della mobilità, indicando un livello ottimale al di sopra del quale la limitazione della mobilità delle persone potrebbe portare a una maggiore diffusione della malattia. In altre parole, il lockdown completo potrebbe essere stato controproducente a certi livelli e in alcuni paesi.

Per i ricercatori è necessario comprendete il livello ottimale di restrizioni alla mobilità

Gli autori hanno concluso che un’analisi sistematica delle correlazioni tra mobilità e diffusione della malattia a livello regionale potrebbe aiutare a comprendere il livello ottimale di restrizione alla mobilità che riduce al minimo la diffusione di Sars-CoV-2 in quella specifica regione. «Gli oltre due anni segnati dalla pandemia hanno cambiato la vita di molti di noi in vari modi», dicono i ricercatori Mounir Ould Setti e Sylvain Tollis.

«L’attuale sviluppo della diffusione del Sars-CoV-2 suggerisce che questo capitolo della storia intitolato Covid-19 potrebbe, si spera, svanire alla fine. Tuttavia, c’è ancora molto da imparare a riguardo. Riflettere – concludono – su come abbiamo reagito alla pandemia potrebbe aiutarci a trarre lezioni utili su come ridurre al minimo i danni di sfide simili, soprattutto ora che le malattie infettive sembrano essere una minaccia emergente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
Problematiche della medicina legale in Sapienza. Frati e Fineschi sulla formazione che apre nuove frontiere
Come la medicina legale ha affrontato la pandemia e i dilemmi di contenzioso ad essa connessi? Di questo e molto altro si è discusso in un'occasione di confronto in Sapienza al Convegno “Problematiche attuali della medicina legale: contenzioso, assicurazione e autoritenzione"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali