Mondo 19 Gennaio 2021 14:44

Ristoranti aperti e stop ospiti a casa, così il Canada tutela l’economia e combatte il Covid

Un radiologo italiano a Vancouver racconta: «Bene la gestione dei contagi, ma ritardi nella distribuzione dei vaccini. Le seconde dosi non bastano»

di Federica Bosco

Ristoranti aperti, ma niente ospiti a casa. Il Canada sceglie di adottare una politica differente rispetto all’Italia per combattere il Covid, cercando di tutelare anche l’economia. Una scelta che sembra dare alcuni risultati: il Canada, con una popolazione di 37,6 milioni di persone, registra poco più di 700 mila casi di Covid e quasi 18 mila morti. Ce ne parla Francesco Macrì, radiologo calabrese da due anni a Vancouver, dopo un trascorso in Francia e negli Stati Uniti al Massachusetts Hospital di Boston.

Covid in Canada: numero verde per denunciare i vicini e multe fino a 2000 dollari

«Nella Columbia Britannica la gestione è buona e le persone sono molto disciplinate – spiega -. Le restrizioni negli ultimi mesi si sono allentate: si può uscire senza problemi, i ristoranti funzionano, ma alle 22 l’alcol non si può più servire, quindi in generale gran parte delle attività commerciali chiudono intorno alle 22.30 o 23. Si può stare al massimo in sei persone al tavolo, ma non si può invitare gente a casa. Questo perché mentre i ristoratori, per paura di dover chiudere e perdere il lavoro, sono molto organizzati nel rispetto delle regole disposte dall’assessore provinciale, il governo non si fida di ciò che può accadere tra le mura domestiche e quindi è stato stabilito il divieto all’ospitalità. Non solo, è stato istituito un numero dove i vicini possono fare segnalazioni, e qualcuno è stato anche multato. Ci sono persone che hanno pagato anche multe di 2000 dollari ovvero 1200 euro. In generale le istituzioni sono molto severe e devo dire che tutto funziona al meglio».

Poca organizzazione nella vaccinazione

Se le province canadesi hanno trovato un giusto equilibrio per garantire la sopravvivenza delle attività commerciali e il rispetto delle regole anti-Covid, più difficile sembra essere la gestione della campagna vaccinale che, partita a metà dicembre, prima di molti altri Paesi, oggi denota ritardi e carenza di scorte.

« Il Canada, come la Gran Bretagna, è stato tra i primi Paesi ad avviare la campagna di vaccinazione tra gli operatori sanitari, ma non c’è ancora una grande copertura. Non è stata bene organizzata: prima sono stati vaccinati coloro che lavorano in terapia intensiva, poi i medici del pronto soccorso e chi lavora nei servizi di lunga degenza. Io lavoro al pronto soccorso e questo mi ha permesso di avere la prima dose, ma non si sa quando la seconda dose sarà disponibile. Ho sentito dire che le seconde dosi saranno utilizzate per allargare la copertura a più persone e questo genera incertezza, perché di fatto non si sa quanto durerà l’immunità. Se non si farà la seconda dose nei tempi prestabiliti, la copertura non sarà efficace come previsto dalle indicazioni della casa farmaceutica –evidenzia il radiologo italiano – ma meglio una dose che nessuna…».

A Toronto pochi posti in terapia intensiva

Per fronteggiare il virus, una copertura anche parziale è già un buon inizio, a cui occorre aggiungere il buonsenso dei canadesi, una bassa densità di popolazione e nessuna cultura dell’aperitivo. «Lo stesso non si può dire della provincia di Ontario – riprende Macrì –. Infatti a Toronto, nonostante le rigide temperature, c’è una cultura più europea, voglia di uscire, di divertirsi, ci sono molti latini e una grossa comunità di italiani. Là il virus si è diffuso di più. Non solo, se in Europa la medicina come la tecnologia sono all’avanguardia, in Canada in generale, e a Toronto in particolare, le terapie intensive sono poche e ormai piene. A breve si dovrà scegliere chi curare e questo è un limite della sanità canadese».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...