Mondo 19 Gennaio 2021 14:44

Ristoranti aperti e stop ospiti a casa, così il Canada tutela l’economia e combatte il Covid

Un radiologo italiano a Vancouver racconta: «Bene la gestione dei contagi, ma ritardi nella distribuzione dei vaccini. Le seconde dosi non bastano»

di Federica Bosco

Ristoranti aperti, ma niente ospiti a casa. Il Canada sceglie di adottare una politica differente rispetto all’Italia per combattere il Covid, cercando di tutelare anche l’economia. Una scelta che sembra dare alcuni risultati: il Canada, con una popolazione di 37,6 milioni di persone, registra poco più di 700 mila casi di Covid e quasi 18 mila morti. Ce ne parla Francesco Macrì, radiologo calabrese da due anni a Vancouver, dopo un trascorso in Francia e negli Stati Uniti al Massachusetts Hospital di Boston.

Covid in Canada: numero verde per denunciare i vicini e multe fino a 2000 dollari

«Nella Columbia Britannica la gestione è buona e le persone sono molto disciplinate – spiega -. Le restrizioni negli ultimi mesi si sono allentate: si può uscire senza problemi, i ristoranti funzionano, ma alle 22 l’alcol non si può più servire, quindi in generale gran parte delle attività commerciali chiudono intorno alle 22.30 o 23. Si può stare al massimo in sei persone al tavolo, ma non si può invitare gente a casa. Questo perché mentre i ristoratori, per paura di dover chiudere e perdere il lavoro, sono molto organizzati nel rispetto delle regole disposte dall’assessore provinciale, il governo non si fida di ciò che può accadere tra le mura domestiche e quindi è stato stabilito il divieto all’ospitalità. Non solo, è stato istituito un numero dove i vicini possono fare segnalazioni, e qualcuno è stato anche multato. Ci sono persone che hanno pagato anche multe di 2000 dollari ovvero 1200 euro. In generale le istituzioni sono molto severe e devo dire che tutto funziona al meglio».

Poca organizzazione nella vaccinazione

Se le province canadesi hanno trovato un giusto equilibrio per garantire la sopravvivenza delle attività commerciali e il rispetto delle regole anti-Covid, più difficile sembra essere la gestione della campagna vaccinale che, partita a metà dicembre, prima di molti altri Paesi, oggi denota ritardi e carenza di scorte.

« Il Canada, come la Gran Bretagna, è stato tra i primi Paesi ad avviare la campagna di vaccinazione tra gli operatori sanitari, ma non c’è ancora una grande copertura. Non è stata bene organizzata: prima sono stati vaccinati coloro che lavorano in terapia intensiva, poi i medici del pronto soccorso e chi lavora nei servizi di lunga degenza. Io lavoro al pronto soccorso e questo mi ha permesso di avere la prima dose, ma non si sa quando la seconda dose sarà disponibile. Ho sentito dire che le seconde dosi saranno utilizzate per allargare la copertura a più persone e questo genera incertezza, perché di fatto non si sa quanto durerà l’immunità. Se non si farà la seconda dose nei tempi prestabiliti, la copertura non sarà efficace come previsto dalle indicazioni della casa farmaceutica –evidenzia il radiologo italiano – ma meglio una dose che nessuna…».

A Toronto pochi posti in terapia intensiva

Per fronteggiare il virus, una copertura anche parziale è già un buon inizio, a cui occorre aggiungere il buonsenso dei canadesi, una bassa densità di popolazione e nessuna cultura dell’aperitivo. «Lo stesso non si può dire della provincia di Ontario – riprende Macrì –. Infatti a Toronto, nonostante le rigide temperature, c’è una cultura più europea, voglia di uscire, di divertirsi, ci sono molti latini e una grossa comunità di italiani. Là il virus si è diffuso di più. Non solo, se in Europa la medicina come la tecnologia sono all’avanguardia, in Canada in generale, e a Toronto in particolare, le terapie intensive sono poche e ormai piene. A breve si dovrà scegliere chi curare e questo è un limite della sanità canadese».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sospensione AstraZeneca, Cisl Medici Lazio: «Doverosa, ma è ora di riflettere sul da farsi»
Con nota protocollo U0517817 del 11.06.2021 la Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio ha sospeso la somministrazione del vaccino Vaxevria, comunemente noto come Astra-Zeneca «in attesa degli imminenti pronunciamenti delle istituzioni e degli Enti Regolatori competenti circa possibile limitazioni di uso». «La Cisl Medici Lazio plaude alla iniziativa – si legge nella nota – peraltro […]
«Perché si è deciso di somministrare AstraZeneca solo agli over 60. Mix di vaccini? Potrebbe funzionare anche meglio»
Dai parametri EMA sui rischi-benefici dei vaccini all'analisi della situazione epidemiologica italiana, il professor Guido Rasi, già direttore esecutivo dell'Ema e consulente del commissario Figliuolo, spiega i motivi alla base del cambiamento della strategia vaccinale
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Vaccinare i più piccoli ha senso? I dubbi degli scienziati tra immunità di gregge e pericolo varianti
Su Nature il confronto tra esperti di pareri opposti, mentre la Germania ha deciso per sé: vaccinerà solo i minori più fragili, non gli altri. Intanto l'Oms chiede dosi per i paesi più poveri, dove gli anziani sono ancora scoperti
Pandemia e Big Data, ecco cosa abbiamo imparato (e cosa dobbiamo correggere nel futuro)
La necessità di un maggiore coordinamento nella gestione dei flussi di informazione e l’opportunità di potenziare la digitalizzazione al centro del webinar organizzato da Big Data in Health
A Cremona concerto live di musica classica per i pazienti ricoverati in ospedale
Per la prima volta con “La musica in ogni stanza" in diretta dall'Auditorium Giovanni Arvedi del Museo del Violino, le note del concerto della giovane talentuosa Sofia Manvati hanno raggiunto 420 degenti. Per Rossi (direttore generale dell’Ospedale di Cremona) «la musica crea vibrazioni e armonie nel cervello ed ha un effetto salvifico»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 giugno, sono 175.965.522 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.804.217 i decessi. Ad oggi, oltre 2.34 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...