Salute 15 Gennaio 2021 12:08

In Gran Bretagna contagi fuori controllo, cambia il piano vaccinale

Un cardiologo italiano racconta: «Variante più contagiosa, ora si predilige vaccinare il maggior numero di persone con la prima dose, ritardando la seconda. Ci vorranno almeno due o tre mesi per vedere un vero effetto del vaccino»

di Federica Bosco

Allarme rosso in Gran Bretagna. Nonostante sia stato il primo paese al mondo ad avviare la campagna vaccinale contro il Covid, nel mese di dicembre, il numero dei contagi è oggi fuori controllo. Il governo ha chiuso scuole e attività commerciali mettendo in atto un lockdown severo e in ospedale la situazione è in emergenza, come spiega Francesco Logiudice, cardiologo all’Hammersmith hospital di Londra.

Ricoveri in aumento, +30 percento in una settimana

«In ospedale abbiamo avuto un incremento dei ricoveri nella misura del 20 o 30 per cento – spiega a Sanità Informazione –, una crescita esponenziale e tutti gli ospedali oggi sono pieni. Posso dire che la situazione è peggiorata rispetto a marzo ed aprile. Le terapie intensive sono piene. Sono state sospese tutte le attività, tranne le urgenze e le malattie gravi. Le attività ambulatoriali sono gestite nella maggior parte dei casi da remoto con la telemedicina, mentre il restante è sospeso».

«Questa variante sicuramente si diffonde più rapidamente – sottolinea – anche se non sembra essere associata una maggiore mortalità. In più, non sembra avere una resistenza al vaccino, anche se è troppo presto per dirlo. In generale, però, ci vorranno almeno due o tre mesi prima che si possa vedere un vero effetto della campagna vaccinale e quindi una significativa riduzione della circolazione del virus».

Più vaccini a tutti, sospesa la seconda dose

Per frenare la corsa del virus sono state fatte azioni correttive anche nella campagna vaccinale, scelte che potrebbero avere delle ripercussioni sull’efficacia del vaccino, come ha argomentato il cardiologo italiano: «Hanno cancellato tutti gli appuntamenti per la seconda dose – spiega – perché l’obiettivo è quello di vaccinare il maggior numero di persone con la prima dose, ritardando la seconda. In questo modo si pensa di avere una copertura significativa della popolazione, ma non sappiamo in realtà quanto copra il primo vaccino impiegato, quello della Pfizer, se non si segue la procedura prevista», ovvero il richiamo dopo 21 giorni. Secondo le indicazioni, «dieci giorni dopo la prima dose la copertura è al 50 per cento, il che significa meno probabilità di infettarsi e ancora meno di prendere un’infezione severa. Con due dosi si ha invece una copertura del 95 percento dopo sette giorni dalla seconda somministrazione».

Poca organizzazione, primato a rischio

Previsioni che potrebbero subire una battuta d’arresto, se verrà adottata la linea della massima copertura a tutti, con una sola dose. Su questo punto Lo Giudice avanza delle perplessità: «Hanno deciso di somministrare una dose a un maggior numero di persone compresi gli operatori sanitari e rimandare la seconda con la conseguenza che il vaccino potrebbe perdere la sua efficacia. Dall’interno di un ospedale posso dire che sarebbe stata necessaria una migliore organizzazione nella distribuzione e nella somministrazione delle dosi, anche se, guardando i dati, la Gran Bretagna è sempre in testa nella somministrazione dei vaccini pro capite davanti a Stati Uniti e Cina, ma non so per quanto tempo ancora. In ogni caso è fondamentale vaccinarsi e poi rispettare le regole per evitare che accada anche in altri posti quanto successo da noi».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...