Salute 15 Gennaio 2021 12:08

In Gran Bretagna contagi fuori controllo, cambia il piano vaccinale

Un cardiologo italiano racconta: «Variante più contagiosa, ora si predilige vaccinare il maggior numero di persone con la prima dose, ritardando la seconda. Ci vorranno almeno due o tre mesi per vedere un vero effetto del vaccino»

di Federica Bosco

Allarme rosso in Gran Bretagna. Nonostante sia stato il primo paese al mondo ad avviare la campagna vaccinale contro il Covid, nel mese di dicembre, il numero dei contagi è oggi fuori controllo. Il governo ha chiuso scuole e attività commerciali mettendo in atto un lockdown severo e in ospedale la situazione è in emergenza, come spiega Francesco Logiudice, cardiologo all’Hammersmith hospital di Londra.

Ricoveri in aumento, +30 percento in una settimana

«In ospedale abbiamo avuto un incremento dei ricoveri nella misura del 20 o 30 per cento – spiega a Sanità Informazione –, una crescita esponenziale e tutti gli ospedali oggi sono pieni. Posso dire che la situazione è peggiorata rispetto a marzo ed aprile. Le terapie intensive sono piene. Sono state sospese tutte le attività, tranne le urgenze e le malattie gravi. Le attività ambulatoriali sono gestite nella maggior parte dei casi da remoto con la telemedicina, mentre il restante è sospeso».

«Questa variante sicuramente si diffonde più rapidamente – sottolinea – anche se non sembra essere associata una maggiore mortalità. In più, non sembra avere una resistenza al vaccino, anche se è troppo presto per dirlo. In generale, però, ci vorranno almeno due o tre mesi prima che si possa vedere un vero effetto della campagna vaccinale e quindi una significativa riduzione della circolazione del virus».

Più vaccini a tutti, sospesa la seconda dose

Per frenare la corsa del virus sono state fatte azioni correttive anche nella campagna vaccinale, scelte che potrebbero avere delle ripercussioni sull’efficacia del vaccino, come ha argomentato il cardiologo italiano: «Hanno cancellato tutti gli appuntamenti per la seconda dose – spiega – perché l’obiettivo è quello di vaccinare il maggior numero di persone con la prima dose, ritardando la seconda. In questo modo si pensa di avere una copertura significativa della popolazione, ma non sappiamo in realtà quanto copra il primo vaccino impiegato, quello della Pfizer, se non si segue la procedura prevista», ovvero il richiamo dopo 21 giorni. Secondo le indicazioni, «dieci giorni dopo la prima dose la copertura è al 50 per cento, il che significa meno probabilità di infettarsi e ancora meno di prendere un’infezione severa. Con due dosi si ha invece una copertura del 95 percento dopo sette giorni dalla seconda somministrazione».

Poca organizzazione, primato a rischio

Previsioni che potrebbero subire una battuta d’arresto, se verrà adottata la linea della massima copertura a tutti, con una sola dose. Su questo punto Lo Giudice avanza delle perplessità: «Hanno deciso di somministrare una dose a un maggior numero di persone compresi gli operatori sanitari e rimandare la seconda con la conseguenza che il vaccino potrebbe perdere la sua efficacia. Dall’interno di un ospedale posso dire che sarebbe stata necessaria una migliore organizzazione nella distribuzione e nella somministrazione delle dosi, anche se, guardando i dati, la Gran Bretagna è sempre in testa nella somministrazione dei vaccini pro capite davanti a Stati Uniti e Cina, ma non so per quanto tempo ancora. In ogni caso è fondamentale vaccinarsi e poi rispettare le regole per evitare che accada anche in altri posti quanto successo da noi».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19 in Europa: meno posti letto, più decessi. L’indagine Anaao Assomed
Dallo studio è emerso che ad ogni posto letto in meno per mille abitanti è associato un +2% di aumento della mortalità generale
Disabilità, Falabella (FISH): «Ora vaccini a disabili e caregiver. Con l’emergenza famiglie abbandonate»
La Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap ha incontrato il neo Ministro alla Disabilità Erika Stefani. Sul piano vaccinale la proposta di dare priorità ai disabili attraverso la legge 104 che delinea lo stato di gravità. Il Presidente Falabella: «Occorre passare da un sistema di protezione a un sistema di riconoscimento dei diritti e di inclusione»
Covid-19, nuovo report cabina di regia: «Chiara accelerazione aumento incidenza. Servono misure urgenti»
Pubblicato il monitoraggio settimanale di ISS e Ministero Salute: Rt stabile a 0,99. Cinque regioni a rischio alto
Tamponi molecolari, test rapidi e salivari: a che punto siamo con le tecnologie di screening del Covid-19?
Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Massimo Pica, Presidente Assodiagnostici di Confindustria Dispositivi Medici
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...