Formazione 15 Gennaio 2021 08:18

Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»

Consulcesi lancia il corso ECM su vaccini e anticorpi monoclonali: una sfida aperta per scienza, politica ed economia. Il presidente Massimo Tortorella: «Solo con la formazione, punto chiave del nuovo Piano Pandemico, sarà possibile arginare l’attuale nuova ondata di fake news»

Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»

«Crediamo nella scienza». È l’invito che Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità e membro del Comitato tecnico scientifico, rivolge ai suoi colleghi medici e agli operatori sanitari, soprattutto a coloro che hanno manifestato dubbi sulla sicurezza dei nuovi vaccini anti-Covid.

«Per credere bisogna capire e per questo è fondamentale che ogni medico sappia in che modo si sviluppa un vaccino, quali tecnologie vengono utilizzate, quali sono le fasi di studio clinico, quando è possibile affermare che un vaccino funziona, quali controlli vengono effettuati, quali siano gli standard da considerare per un adeguato profilo di sicurezza ed efficacia», aggiunge.

Con questo obiettivo Locatelli, insieme a Giuseppe Ippolito (direttore scientifico dell’Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani) e Rino Rappuoli (direttore scientifico di Gsk Vaccines e coordinatore del progetto di ricerca sugli anticorpi monoclonali di Toscana life sciences), sono i responsabili del corso FAD ECM “Covid-19: vaccini e anticorpi monoclonali. Una sfida aperta per scienza, politica ed economia”, organizzato da Consulcesi.

Il corso prova a rispondere a molte delle domande e dei dubbi, alla base del diffuso scetticismo verso i nuovi vaccini e farmaci: dai tempi d’efficacia del vaccino ai rischi reali per gli allergici e così via. «Un medico ben informato è un medico che riesce a trasmettere ai propri pazienti fiducia nella scienza, necessaria per una larga adesione alle politiche vaccinali contro SARS-CoV-2 in modo da superare nel minor tempo possibile questa grave emergenza mondiale», sottolinea Locatelli.

È infatti proprio la scienza a offrirci la via d’uscita più breve dalla pandemia, con vaccini e farmaci. «Subito dopo l’avvento della pandemia da SARS-CoV-2 – spiega Ippolito – è partita la corsa internazionale per la messa a punto di un vaccino. Ne sono stati sviluppati centinaia, molti dei quali in fase di sperimentazione e al momento solo due approvati dall’Agenzia europea dei farmaci (Ema)». Si tratta di un’impresa senza precedenti che ha battuto ogni record, sia in termini di tempo che di risorse umane ed economiche investite.

L’immunizzazione della popolazione mondiale al SARS-CoV-2 non è soltanto una sfida scientifica. «All’interno del corso vengono descritte anche quali sono le sfide sanitarie e logistiche date dalla necessità di vaccinare miliardi di persone nel minor tempo possibile, le implicazioni politiche ed economiche, che vanno al di là dell’aspetto scientifico, e i risvolti della comunicazione», riferisce Ippolito. Infine, viene trattato l’argomento dello sviluppo degli anticorpi monoclonali, in generale e in rapporto all’attuale pandemia, e il loro rapporto con i vaccini. Si tratta di molecole prodotte in laboratorio in grado di riconoscere e bloccare il virus SARS-CoV-2. Da un lato quindi possono curare i malati di Covid-19 e dall’altro possono offrire protezione dal virus per brevi periodi di tempo in attesa del vaccino.

«Nessuna opinione, ma solo fatti», dice Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «In linea con il nuovo Piano pandemico 2021-2023 e come sottolineato dal Ministro della Salute Roberto Speranza, lanciamo un corso formativo che consentirà ai medici e agli operatori sanitari, qualunque sia l’ambito in cui lavorano, di rispondere ai più comuni dubbi circa il vaccino e gli anticorpi monoclonali contro il Covid-19. Solo così sarà possibile arginare l’attuale nuova ondata di fake news, massimizzando in questo modo gli sforzi per l’immunizzazione della popolazione», conclude.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Obbligo ECM, partite le lettere del Cogeaps. Monaco: «Ora tocca agli Ordini prendere provvedimenti»
Intervista al presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie. Rischio sanzioni e mancata copertura assicurativa per chi non è in regola
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Covid, leggero calo dei ricoveri (-3,3%). In ospedale l’83% dei vaccinati non ha la quarta dose
Migliore (Fiaso): «Meno pressione sugli ospedali ma allerta massima. Da sorvegliare il leggero aumento di ricoveri con Covid in età scolare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 ottobre 2022, sono 618.051.664 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.546.875 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (3 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi