Formazione 15 Gennaio 2021 08:18

Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»

Consulcesi lancia il corso ECM su vaccini e anticorpi monoclonali: una sfida aperta per scienza, politica ed economia. Il presidente Massimo Tortorella: «Solo con la formazione, punto chiave del nuovo Piano Pandemico, sarà possibile arginare l’attuale nuova ondata di fake news»

Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»

«Crediamo nella scienza». È l’invito che Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità e membro del Comitato tecnico scientifico, rivolge ai suoi colleghi medici e agli operatori sanitari, soprattutto a coloro che hanno manifestato dubbi sulla sicurezza dei nuovi vaccini anti-Covid.

«Per credere bisogna capire e per questo è fondamentale che ogni medico sappia in che modo si sviluppa un vaccino, quali tecnologie vengono utilizzate, quali sono le fasi di studio clinico, quando è possibile affermare che un vaccino funziona, quali controlli vengono effettuati, quali siano gli standard da considerare per un adeguato profilo di sicurezza ed efficacia», aggiunge.

Con questo obiettivo Locatelli, insieme a Giuseppe Ippolito (direttore scientifico dell’Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani) e Rino Rappuoli (direttore scientifico di Gsk Vaccines e coordinatore del progetto di ricerca sugli anticorpi monoclonali di Toscana life sciences), sono i responsabili del corso FAD ECM “Covid-19: vaccini e anticorpi monoclonali. Una sfida aperta per scienza, politica ed economia”, organizzato da Consulcesi.

Il corso prova a rispondere a molte delle domande e dei dubbi, alla base del diffuso scetticismo verso i nuovi vaccini e farmaci: dai tempi d’efficacia del vaccino ai rischi reali per gli allergici e così via. «Un medico ben informato è un medico che riesce a trasmettere ai propri pazienti fiducia nella scienza, necessaria per una larga adesione alle politiche vaccinali contro SARS-CoV-2 in modo da superare nel minor tempo possibile questa grave emergenza mondiale», sottolinea Locatelli.

È infatti proprio la scienza a offrirci la via d’uscita più breve dalla pandemia, con vaccini e farmaci. «Subito dopo l’avvento della pandemia da SARS-CoV-2 – spiega Ippolito – è partita la corsa internazionale per la messa a punto di un vaccino. Ne sono stati sviluppati centinaia, molti dei quali in fase di sperimentazione e al momento solo due approvati dall’Agenzia europea dei farmaci (Ema)». Si tratta di un’impresa senza precedenti che ha battuto ogni record, sia in termini di tempo che di risorse umane ed economiche investite.

L’immunizzazione della popolazione mondiale al SARS-CoV-2 non è soltanto una sfida scientifica. «All’interno del corso vengono descritte anche quali sono le sfide sanitarie e logistiche date dalla necessità di vaccinare miliardi di persone nel minor tempo possibile, le implicazioni politiche ed economiche, che vanno al di là dell’aspetto scientifico, e i risvolti della comunicazione», riferisce Ippolito. Infine, viene trattato l’argomento dello sviluppo degli anticorpi monoclonali, in generale e in rapporto all’attuale pandemia, e il loro rapporto con i vaccini. Si tratta di molecole prodotte in laboratorio in grado di riconoscere e bloccare il virus SARS-CoV-2. Da un lato quindi possono curare i malati di Covid-19 e dall’altro possono offrire protezione dal virus per brevi periodi di tempo in attesa del vaccino.

«Nessuna opinione, ma solo fatti», dice Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «In linea con il nuovo Piano pandemico 2021-2023 e come sottolineato dal Ministro della Salute Roberto Speranza, lanciamo un corso formativo che consentirà ai medici e agli operatori sanitari, qualunque sia l’ambito in cui lavorano, di rispondere ai più comuni dubbi circa il vaccino e gli anticorpi monoclonali contro il Covid-19. Solo così sarà possibile arginare l’attuale nuova ondata di fake news, massimizzando in questo modo gli sforzi per l’immunizzazione della popolazione», conclude.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, medici in burnout. Nardone (psicoterapeuta): «Creare rete di sostegno negli ospedali»
Al via da Consulcesi il primo corso di formazione ECM per gestire e superare il burnout
Da sedentarietà a disturbi del sonno, occhio agli “effetti collaterali” della Dad
Maria Cristina Gori, neurologa psicologa e docente del corso ECM “Imparare dal Covid-19: le conseguenze psicologiche da isolamento e didattica a distanza”, realizzato da Consulcesi: «Gli effetti psicologici della Dad non sono ancora del tutto chiari. È necessario rimodulare le strategie e le tecniche di insegnamento»
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
Medici di Emergenza, Borgese (SMI): «No alla sospensione della prestazione aggiuntiva»
La protesta di Maurizio Borgese, Responsabile Nazionale SMI Settore Emergenza 118
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...