Sanità internazionale 12 Gennaio 2021 13:17

Vaccini Covid, il Regno Unito ritarda i richiami. La scelta strategica fa discutere

Slittare le seconda dose fino a 12 settimane per vaccinare più persone possibile. Gli esperti si dividono: strategia azzardata o salvavita?

Vaccini Covid, il Regno Unito ritarda i richiami. La scelta strategica fa discutere

Pfizer-BioNTech e Moderna assicureranno 380 milioni di persone vaccinate al Covid-19 nell’Unione europea, circa l’85% del totale. La direttrice generale per Salute e sicurezza alimentare della Commissione europea, Sandra Gallina, ha voluto rassicurare tutti in audizione da Bruxelles. Saranno 600 milioni le dosi da Pfizer (utili per 300 milioni di persone) e 150 milioni quelle di Moderna (che copriranno 80 milioni di persone). Un acquisto, ha ricordato, fatto “a scatola chiusa” grazie agli Advanced Purchase Agreements, prima ancora che i vaccini fossero effettivamente approvati e con il rischio che questo non succedesse. «Non entro nelle polemiche – ha detto – ma non abbiamo comprato aspirine. Trovo le proteste sconcertanti».

L’Agenzia europea del farmaco Ema ha intanto ricevuto la richiesta di autorizzazione all’immissione in commercio condizionata (Cma) per il vaccino prodotto da AstraZeneca. L’ente regolatorio Ue ha assicurato che «la valutazione procederà secondo una tempistica accelerata. Un parere sull’autorizzazione all’immissione in commercio potrebbe essere emesso entro il 29 gennaio durante la riunione del Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp), a condizione che i dati presentati sulla qualità, la sicurezza e l’efficacia del vaccino siano sufficientemente solidi e completi – si precisa nel comunicato – e che qualsiasi ulteriore informazione richiesta per completare la valutazione venga presentata tempestivamente».

Allungare le scorte di vaccini, cosa significa?

Se la situazione in Europa sembra promettente, così non è in altri paesi del mondo dove le infezioni alle stelle hanno introdotto la necessità di “allungare le scorte di vaccini”. Come? Con dosi ridotte o modificando le campagne per i richiami consigliate dalle case farmaceutiche. Una possibilità al limite, sui cui rischi gli scienziati richiedono una valutazione.

Lo scorso 30 dicembre il Regno Unito ha annunciato che la seconda dose del vaccino Pfizer sarà consentita fino a 12 settimane dopo la prima. Nonostante, per prescrizione, sia indicata dopo tre. Con la variante inglese, più contagiosa e trasmissibile, il paese sta affrontando un nuovo lockdown e numeri che sfiorano i 70mila nuovi positivi giornalieri. In questo modo il governo spera di inoculare il prodotto a più persone possibile e attutire così l’ondata di virus che la sta travolgendo.

L’8 gennaio, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha raccomandato un’attesa non superiore a sei settimane tra la prima e la seconda dose del vaccino Pfizer. «Ciò non significa che sia una critica a ciò che il Regno Unito o qualsiasi altro paese sta facendo», ha chiarito il presidente del gruppo di esperti di immunizzazione, Alejandro Cravioto.

Usa, gli esperti si dividono sui richiami

Anche negli Stati Uniti si è parlato di questa possibilità. Il team del Presidente neo-eletto Joe Biden sta pensando di non conservare sin da subito la seconda dose per i soggetti appena vaccinati. Moncef Slaoui, a capo dell’Operazione Warp Speed contro il coronavirus, ha suggerito che il vaccino Moderna potrebbe essere somministrato con metà della dose utilizzata nel più grande studio clinico fatto a riguardo. Anche se per ora la Food and Drug Administration (FDA) ha invitato a ulteriori approfondimenti.

Su Nature, un immunologo di Yale Akiko Iwasaki, ha spiegato come dal punto di vista immunologico ritardare il richiamo possa avere conseguenze anche positive. La seconda dose del vaccino Covid, come per altri prodotti simili, è necessaria per richiamare le cellule di memoria del sistema immunitario (le immunoglobuline G). Per generarle sono necessarie settimane in natura, così anche il sistema immunitario migliora la sua risposta al virus, diventando in grado «anche di fronteggiare delle varianti, e non solo la specifica proteina».

Virus a vettori virali, il richiamo si potrebbe ritardare

Un discorso valido specialmente per i vaccini che utilizzano vettori virali e virus inattivati. Questo tipo di vaccino può anche indurre le cellule a esprimere la proteina del coronavirus per settimane dopo la vaccinazione. Un richiamo somministrato troppo presto potrebbe arrivare mentre la risposta iniziale del sistema immunitario è ancora in corso e le cellule di memoria non sono ancora stabilite. È stata l’ipotesi di un’immunologa dell’Istituto Wistar di Philadelphia, Hildegund Ertl.

I vaccini che utilizzano vettori virali includono Sputnik V, dalla Russia, e il vaccino sviluppato da AstraZeneca e dall’Università di Oxford. Grandi studi clinici del vaccino AstraZeneca, che è stato autorizzato nel Regno Unito e in India, hanno aspettato da uno a tre mesi prima di somministrare il richiamo, e i dati suggeriscono che intervalli più lunghi hanno migliorato i risultati.

Vaccini a mRna: si procede con cautela, si teme effetto su varianti

È meno chiaro invece se un intervallo più lungo possa cambiare l’efficacia dei vaccini a base di mRna, come quelli di Pfizer e Moderna. Non basandosi sui virus per trasportare materiale genetico nelle cellule, questi le inducono a produrre la proteina del coronavirus solo per pochi giorni dopo la vaccinazione. I dati degli studi clinici suggeriscono che i destinatari traggono una protezione significativa dalla prima dose di questi vaccini, ma non ci sono sufficienti dati sulla seconda dose perché tutti i volontari l’hanno ricevuta entro un mese.

Alcuni esperti hanno esposto anche il timore che una sola dose di vaccino possa produrre livelli molto bassi di anticorpi e questo possa incoraggiare l’emergere di nuove varianti del virus resistenti al vaccino. Ma altri invece sostengono sia molto improbabile, in quanto il corpo produce un mix di anticorpi mirati dopo lo shot di vaccino. Sarebbe molto difficile che una variante di SARS-CoV-2, per quanto in parte meno sensibile al vaccino, possa rivelarsi totalmente immune al riconoscimento da parte degli anticorpi. «Specie per un virus che muta così lentamente», ha spiegato la virologa Sarah Cobey dell’università di Chicago. «Se dovessi piazzare una scommessa, farei quello che sta facendo il Regno Unito», ha detto.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Il patentino vaccinale su una app. E così chi non è immune al Covid non potrà viaggiare
Mentre continua la discussione sul patentino vaccinale, sono allo sviluppo molte app che certificano lo stato di avvenuta vaccinazione: compagnie aeree e altri business sono pronte a implementarle
di Tommaso Caldarelli
Vaccino Covid, l’immunologa Viola: «Priorità ai fragili, non procedere per categorie lavorative»
In audizione in Commissione Sanità al Senato, l’immunologa Antonella Viola ha messo in guardia sulla variante sudafricana. Poi ha sottolineato: «Per arrivare a vaccinare 38 milioni di italiani entro il 2021 dobbiamo vaccinare 220 mila persone al giorno. Essenziale velocità e coinvolgere i medici di medicina generale»
Vaccini, Ordini e sindacati: «Assicuriamo nostro impegno, ma intensificare opera di sensibilizzazione»
Ordini e sindacati dei professionisti sanitari e socio-sanitari si uniscono in un messaggio di impegno e fermezza: «Da questa pandemia si uscirà soltanto affidandosi alla scienza»
Ultima conferenza Iss, Locatelli: «62 milioni di dosi di vaccino nel 2021»
Brusaferro, Locatelli e Rezza nell'ultima conferenza Iss del 2020 confermano una curva del contagio in decrescita, anche se rallentata. In arrivo nuove dosi di vaccino con l'approvazione di Moderna, prevista il 6 gennaio
Covid-19, via libera a vaccino AstraZeneca/Oxford in Gran Bretagna
Il vaccino potrà essere somministrato a soggetti dai 18 anni in su. L'autorizzazione raccomanda la somministrazione di due dosi con un intervallo tra le quattro e le 12 settimane.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 gennaio, sono 96.868.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.074.886 i decessi. Ad oggi, oltre 46,89 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...