Mondo 30 Dicembre 2021 11:04

Allarme carenza di personale negli ospedali inglesi: troppi medici e professionisti sanitari in quarantena

Un cardiologo italiano a Londra racconta la quarta ondata in Inghilterra: cresce il numero dei contagiati e dei ricoveri in ospedale (60% dei quali non vaccinati), ma calano i decessi (- 5%). A rilento la somministrazione delle terze dosi

Allarme carenza di personale negli ospedali inglesi: troppi medici e professionisti sanitari in quarantena

Due milioni di contagiati, di cui la metà a Londra, un cittadino su 10 positivo, ma nessuna emergenza ospedaliera. I ricoveri si attestano su una media di 800 giornalieri contro i 5000 del dicembre 2020 e le morti sono 120, mentre le previsioni di fine anno ne davano 5000. Omicron, dunque, viaggia veloce ma non è letale e soprattutto fa meno paura agli inglesi. È questo il quadro che emerge ascoltando le parole di Francesco Logiudice, cardiologo italiano che da anni lavora all’Hammersmith Hospital di Londra.

«C’è stato un aumento di casi di embolia polmonare qualche settimana fa, ma ora la situazione è rientrata e non sembra esserci alcuna correlazione con il Covid. Dal mio punto di osservazione – racconta – la vera emergenza negli ospedali non è Omicron, che oggi rappresenta il 90% dei contagi in Inghilterra, ma la carenza di medici ed infermieri costretti a stare in quarantena a causa dei contatti con positivi che non permette di fare le squadre per gestire il servizio sanitario. Le conseguenze sono turni massacranti per chi è presente».

+8,2% di ricoveri, il 60% non sono vaccinati

Cresce il numero dei positivi che negli ultimi quindici giorni ha fatto registrare un +30%, gli ospedalizzati sono aumentati dell’8,2%, ma i decessi non sono in crescita. «I morti a 28 giorni dal contagio sono scesi del 5% – puntualizza Logiudice – e questo è un segnale incoraggiante. Significa che la variante è altamente contagiosa, ma gli effetti del virus non sono gravi e chi viene ricoverato nel 60% dei casi è giovane (intorno ai 40 anni) e non è vaccinato, mentre il restante 30% è rappresentato da anziani con patologie pregresse, o fragili già vaccinati, ma con diverse comorbidità che li espongono ad un rischio maggiore di contagio. Insomma, gli ospedali Covid non sono sotto stress, i Pronto Soccorso e gli ospedali di urgenza invece lo sono, ma a causa di altre patologie. Interessante rilevare poi che l’influenza sembra essere scomparsa, grazie alle protezioni anti Covid».

Imparare a convivere col virus

L’obiettivo è l’immunità di gregge che sembra essere più vicina. «I casi positivi aumentano, il virus si diffonde ma chi è vaccinato sembra non correre rischi – ribadisce il cardiologo italiano -. Se la situazione dei ricoveri non si aggrava, nelle prossime settimane potremo rivedere le quarantene e ridurre gli isolamenti fiduciari passando da 7 a 5 giorni o, come accade già in alcune strutture ospedaliere inglesi, evitando la quarantena del personale non contagiato con il tampone giornaliero. Dobbiamo imparare a convivere con il virus, per non correre rischi sarebbe necessaria una dose di buon senso». Mascherine e areazione sui mezzi di trasporto, distanze di sicurezza e tampone ogni due giorni: poche regole che per Logiudice sarebbero sufficienti per tenere a bada il virus in attesa che il governo decida sulle vaccinazioni ai più piccoli (oggi consigliata solo a partire dai 12 anni) e sulle terze dosi.

Booster a rilento

Se negli ospedali dunque preoccupano le quarantene, fuori i cittadini si mostrano tranquilli e nonostante l’incalzante campagna vaccinale per la terza dose, in pochi scelgono per ora di sottoporsi al booster. «A tre mesi dalla seconda dose, si consiglia la terza, per questo sono stati reclutati medici di base e specialisti, sospese le attività ambulatoriali tranne quelle di cardiologia, ma la risposta per ora è stata insufficiente. Infatti, se alla prima dose hanno aderito oltre il 90% dei cittadini e alla seconda l’80%, la terza per ora ha convinto solo la metà degli inglesi. Non c’è partecipazione e non esiste il green pass – aggiunge -. I controlli vengono fatti solo nei luoghi affollati come concerti, teatri o durante i viaggi e la gente sopperisce con i tamponi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
GB: paura polio, a Londra vaccini a tutti i bambini under 10
Dopo aver rilevato il virus della polio nelle acque reflue di Londra, le autorità sanitarie hanno deciso di offrire la vaccinazione antipolio a tutti i bambini sotto i dieci anni d'età
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi