Mondo 30 Dicembre 2021 11:04

Allarme carenza di personale negli ospedali inglesi: troppi medici e professionisti sanitari in quarantena

Un cardiologo italiano a Londra racconta la quarta ondata in Inghilterra: cresce il numero dei contagiati e dei ricoveri in ospedale (60% dei quali non vaccinati), ma calano i decessi (- 5%). A rilento la somministrazione delle terze dosi

Allarme carenza di personale negli ospedali inglesi: troppi medici e professionisti sanitari in quarantena

Due milioni di contagiati, di cui la metà a Londra, un cittadino su 10 positivo, ma nessuna emergenza ospedaliera. I ricoveri si attestano su una media di 800 giornalieri contro i 5000 del dicembre 2020 e le morti sono 120, mentre le previsioni di fine anno ne davano 5000. Omicron, dunque, viaggia veloce ma non è letale e soprattutto fa meno paura agli inglesi. È questo il quadro che emerge ascoltando le parole di Francesco Logiudice, cardiologo italiano che da anni lavora all’Hammersmith Hospital di Londra.

«C’è stato un aumento di casi di embolia polmonare qualche settimana fa, ma ora la situazione è rientrata e non sembra esserci alcuna correlazione con il Covid. Dal mio punto di osservazione – racconta – la vera emergenza negli ospedali non è Omicron, che oggi rappresenta il 90% dei contagi in Inghilterra, ma la carenza di medici ed infermieri costretti a stare in quarantena a causa dei contatti con positivi che non permette di fare le squadre per gestire il servizio sanitario. Le conseguenze sono turni massacranti per chi è presente».

+8,2% di ricoveri, il 60% non sono vaccinati

Cresce il numero dei positivi che negli ultimi quindici giorni ha fatto registrare un +30%, gli ospedalizzati sono aumentati dell’8,2%, ma i decessi non sono in crescita. «I morti a 28 giorni dal contagio sono scesi del 5% – puntualizza Logiudice – e questo è un segnale incoraggiante. Significa che la variante è altamente contagiosa, ma gli effetti del virus non sono gravi e chi viene ricoverato nel 60% dei casi è giovane (intorno ai 40 anni) e non è vaccinato, mentre il restante 30% è rappresentato da anziani con patologie pregresse, o fragili già vaccinati, ma con diverse comorbidità che li espongono ad un rischio maggiore di contagio. Insomma, gli ospedali Covid non sono sotto stress, i Pronto Soccorso e gli ospedali di urgenza invece lo sono, ma a causa di altre patologie. Interessante rilevare poi che l’influenza sembra essere scomparsa, grazie alle protezioni anti Covid».

Imparare a convivere col virus

L’obiettivo è l’immunità di gregge che sembra essere più vicina. «I casi positivi aumentano, il virus si diffonde ma chi è vaccinato sembra non correre rischi – ribadisce il cardiologo italiano -. Se la situazione dei ricoveri non si aggrava, nelle prossime settimane potremo rivedere le quarantene e ridurre gli isolamenti fiduciari passando da 7 a 5 giorni o, come accade già in alcune strutture ospedaliere inglesi, evitando la quarantena del personale non contagiato con il tampone giornaliero. Dobbiamo imparare a convivere con il virus, per non correre rischi sarebbe necessaria una dose di buon senso». Mascherine e areazione sui mezzi di trasporto, distanze di sicurezza e tampone ogni due giorni: poche regole che per Logiudice sarebbero sufficienti per tenere a bada il virus in attesa che il governo decida sulle vaccinazioni ai più piccoli (oggi consigliata solo a partire dai 12 anni) e sulle terze dosi.

Booster a rilento

Se negli ospedali dunque preoccupano le quarantene, fuori i cittadini si mostrano tranquilli e nonostante l’incalzante campagna vaccinale per la terza dose, in pochi scelgono per ora di sottoporsi al booster. «A tre mesi dalla seconda dose, si consiglia la terza, per questo sono stati reclutati medici di base e specialisti, sospese le attività ambulatoriali tranne quelle di cardiologia, ma la risposta per ora è stata insufficiente. Infatti, se alla prima dose hanno aderito oltre il 90% dei cittadini e alla seconda l’80%, la terza per ora ha convinto solo la metà degli inglesi. Non c’è partecipazione e non esiste il green pass – aggiunge -. I controlli vengono fatti solo nei luoghi affollati come concerti, teatri o durante i viaggi e la gente sopperisce con i tamponi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Anaao giovani chiede incontro a Draghi: «Ascolti chi lavora ogni giorno negli ospedali»
Lettera aperta di Anaao Giovani al Premier Mario Draghi
di Anaao Giovani
Cure domiciliari, Consiglio di Stato sospende sentenza del Tar Lazio: «Raccomandazioni, non prescrizioni»
Quanto stabilito dal Tribunale amministrativo regionale determinerebbe «il venir meno di un documento riassuntivo delle “migliori pratiche”»
C’è un caso positivo nella classe di mio figlio, che devo fare?
Il decreto legge del 7 gennaio 2022 cambia le regole per la gestione dei casi di positività al Covid-19 nelle aule. Ecco cosa cambia
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Caso Zitromax, Aifa: «Non esistono antibiotici efficaci per il Covid-19»
Dopo il grande clamore suscitato dalla carenza dell’Azitromicina e la segnalazione di Federfarma, arriva la risposta dell’Agenzia Italiana del Farmaco: «Carenza causata da prescrizione del farmaco al di fuori delle indicazioni previste»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre