Mondo 28 Giugno 2016

Brexit, che succede ai medici italiani in Gran Bretagna?

I camici bianchi che dal nostro Paese si sono trasferiti oltremanica sono aumentati del 143% in dieci anni. Per tutti l’Italian Medical Society of Great Britain è il punto di riferimento: rinnovato il Consiglio Direttivo, Sergio Bonini è il nuovo Presidente.

E dopo che i cittadini della Gran Bretagna hanno deciso di uscire dall’Unione Europea, cosa accadrà ai tanti italiani che vivono lì? In particolare, come cambierà la vita degli operatori sanitari italiani che lavorano nel National Health Service (Nhs)? Al momento è difficile – se non impossibile – dare risposte certe al riguardo. La stessa amministrazione Cameron sembra impreparata ad affrontare la questione. Quel che è certo è che la diplomazia di sua Maestà dovrà mettersi al tavolo con i vertici dell’Ue e trattare la separazione. Si parla di un processo che durerà almeno due anni. Resta però che, anche se nulla cambia nell’immediato, da parte dei professionisti italiani in terra straniera si registrano paura e dubbi. Anche perché il dibattito politico che ha preceduto il referendum ha avuto nella sanità uno degli argomenti più trattati e usati, da una parte e dall’altra, per convincere i cittadini a votare pro o contro il quesito. È un tema sentito, dunque, sia dai cittadini (che usufruiscono del servizio sanitario) sia dai professionisti (che invece ci lavorano).

Chi era favorevole alla Brexit sosteneva che l’uscita dall’Unione Europea avrebbe liberato diversi miliardi di sterline da utilizzare per la sanità, salvo poi scoprire che quei 18 miliardi che il Regno Unito non verserà più all’Ue non andranno a risanare il Nhs. Chi invece era contrario, sosteneva che la sanità pubblica avrebbe registrato un sostanziale peggioramento, visto che la vera spina dorsale del Nhs, ovvero il personale straniero, avrebbe incontrato molte più difficoltà nell’ingresso nel mondo del lavoro.

Per quanto riguarda gli italiani, stando ai dati elaborati da Gianluca Fontana, Senior Policy Fellow and Director of Operations dell’Imperial College di Londra, il numero di medici provenienti dal nostro Paese che lavorano in Gran Bretagna è aumentato del 143% in dieci anni, passando da 1514 nel 2005 a 3680 (di cui circa 300 accademici) nel 2015. I medici di origine italiana rappresentano la sesta comunità medica nel Regno Unito, seconda solo all’Irlanda tra i Paesi europei. Insomma, di operatori sanitari italiani interessati agli sviluppi derivanti dal voto sulla Brexit, ce ne sono tanti. Ad aiutarli in questo momento di caos c’è l’ Italian Medical Society of Great Britain (IMS-GB), che rappresenta la maggiore Società Scientifica dei medici italiani in Gran Bretagna e che ha come obiettivo principale proprio quello di fornire un orientamento ed un supporto allo sviluppo professionale e di carriera dei medici italiani in UK, favorendone anche il networking e le relazioni con altre istituzioni e società scientifiche e avviando un dialogo anche con realtà di tutela medica in Italia, come sta avvenendo in queste settimane con Consulcesi. L’IMS-GB ha da poco rinnovato il proprio Consiglio Direttivo, affidando la presidenza a Sergio Bonini, Professore Ordinario di Medicina Interna e Associato di Ricerca dell’Istituto di Farmacologia Traslazionale del CNR,  attualmente distaccato dalla Seconda Università di Napoli come esperto nazionale presso l’European Medicines Agency, Senior Medical Officer. In una nota, il nuovo presidente fa sapere che se da un lato «continuerà a favorire la formazione e l’inserimento dei giovani medici che intendono completare la loro formazione con uno stage presso istituzioni inglesi e a facilitare la progressione di carriera di quelli gia’ operanti in UK», dall’altro «cercherà di attuare tutte le possibili iniziative atte a favorire il contro-esodo di tutti i medici che volessero rientrare nel nostro Paese, apportando il contributo dell’esperienza acquisita al miglioramento della qualita’ scientifica e professionale del nostro sistema sanitario».

Articoli correlati
A Londra i numeri del Covid-19 non spaventano. Un cardiologo italiano racconta come viene gestita la pandemia
Francesco Logiudice: «Ospedali pronti per tempo, buoni margini in terapia intensiva. 70% dei pazienti curato a casa con paracetamolo, 30% in ospedale con ossigeno, tra 5 e 10% in terapia intensiva». E si inizia a pensare alla riapertura
di Federica Bosco
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
Linee guida, l’Italia ne ha tre e l’Inghilterra 315. Fondazione Italia in Salute: «Siamo a disposizione delle società scientifiche»
Il monito di Fidelia Cascini, responsabile del programma di ricerca della Fondazione: «Nell’interesse di medici e pazienti, è necessario rendere facilmente consultabile tutta la migliore evidenza scientifica disponibile»
Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli
In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori
Brexit, rapporto National Audit Office mette in guardia: fornitura medicinali a rischio con no deal
Con l’avvicinarsi del 31 ottobre, data prevista per la Brexit, non è chiaro se il sistema sanitario nazionale (Nhs) britannico riuscirà a gestire l’impatto di un possibile no-deal. È quanto sottolineato nel rapporto del National Audit Office, citato dal Guardian, secondo il quale ci sono ancora rischi dal momento che il Dipartimento della Salute ha […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 13 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»