Salute 6 Aprile 2023 11:48

Virus mortale colpisce il Regno Unito. Tre persone morte per encefalite da zecca

Le autorità sanitarie britanniche hanno rilevato per la prima volta la diffusione di un’infezione mortale trasmessa dalle punture di zecca in varie parti del Regno Unito. Al momento la UK Health Security Agency (UKHSA) ha accertato tre casi di encefalite trasmessa da zecche (TBEV) in pazienti residenti nello Yorkshire, a Norfolk e al confine tra Hampshire e Dorset. Ulteriori test sulle zecche condotti in tutto il Regno Unito hanno rivelato che la malattia, che fino ad ora è stata riscontrata comunemente in alcune parti dell’Europa e dell’Asia, è ora diffusa nel Regno Unito

Virus mortale colpisce il Regno Unito. Tre persone morte per encefalite da zecca

Le autorità sanitarie britanniche hanno rilevato per la prima volta la diffusione di un virus mortale trasmesso dalle punture di zecca in varie parti del Regno Unito. Al momento la UK Health Security Agency (UKHSA) ha accertato tre casi di encefalite trasmessa da zecche (TBEV) in pazienti residenti nello Yorkshire, a Norfolk e al confine tra Hampshire e Dorset. Ulteriori test sulle zecche condotti in tutto il Regno Unito hanno rivelato che la malattia, che fino ad ora è stata riscontrata comunemente in alcune parti dell’Europa e dell’Asia, è ora diffusa nel Regno Unito. Gli esperti avvertono che è «improbabile che TBEV scompaia».

Rischio basso, ma necessarie precauzioni per proteggersi

Il servizio sanitario britannico ha quindi istituito un programma di sorveglianza, chiedendo di inviare i campioni di casi sospetti all’UKHSA. Le autorità sanitarie affermano che il rischio è basso, ma esortano a prendere precauzioni e a cercare assistenza medica nel caso in cui ci si ammali dopo la puntura di una zecca. «Sebbene il rischio per la popolazione in generale sia molto basso – sottolinea Helen Callaby dell’UKSA – è importante che le persone prendano precauzioni per proteggersi dalle punture di zecca, come coprirsi le caviglie e le gambe, applicare repellenti per insetti e controllare vestiti e il corpo per verificare la presenza di zecche, in particolare quando si visitano aree con erba alta come boschi, brughiere e parchi».

Il virus delle zecche può causare meningite o encefalite

Il virus in genere provoca lievi sintomi simil-influenzali, ma può portare a gravi infezioni nel sistema nervoso centrale come la meningite o l’encefalite. I casi più gravi possono includere febbre alta con mal di testa, rigidità del collo, confusione o coscienza ridotta. Le zecche stanno diventando più comuni in alcune parti del Regno Unito, principalmente a causa dell’aumento del numero di cervi. Vivono nel sottobosco e si attaccano agli umani quando camminano nell’erba alta. Si pensa che le zecche infette possano essere arrivate nel Regno Unito tramite uccelli migratori. Gli scienziati sospettano che il virus sia arrivato nel Regno Unito nel 2019, a seguito di un paio di casi che non sono stati però accertati. Ora il primo caso confermato di TBEV acquisito a livello nazionale è stato identificato in un uomo che è stato punto da zecche nello Yorkshire. Un altro probabile caso umano è stato rilevato nella zona di Loch Earn in Scozia, secondo una ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) a Copenaghen, in Danimarca.

Vaccino indicato solo per le persone che vivono in aree a rischio

I vaccini possono fornire protezione, ma solo per un tempo limitato e non esiste una cura. «Il virus dell’encefalite trasmessa dalle zecche (TBEV) – spiega Ian Jones, professore di virologia presso l’Università di Reading – è stato segnalato nelle zecche nella foresta di Thetford nel 2019 e l’aggiornamento di oggi suggerirebbe che si è ormai stabilito in altri siti e ha causato malattie sporadiche». Continua: «Il virus si trova naturalmente in alcune zecche e viene trasferito a una persona se viene morsa (solo se la zecca è infetta), di solito su braccia e gambe nude mentre si cammina nel sottobosco. Indossare un abbigliamento adeguato essenzialmente elimina il rischio. Un vaccino viene utilizzato in aree ad alta incidenza in Europa e potrebbe essere preso in considerazione qui per le persone che lavorano all’aperto nelle aree in cui si trova il virus. Per il grande pubblico, invece, il rischio è minimo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cani e gatti sono serbatoi di virus, da quello della rabbia al Sars-CoV-2
Gli animali da compagnia sono possibili veicoli di infezioni e malattie, ancora in gran parte sottovalutati. La dinamica dei rischi legati ai contatti tra esseri umani e animali domestici è in continua evoluzione, influenzata dai cambiamenti sociali e ambientali degli ultimi anni. A dirlo è un gruppo di ricercatori internazionale in uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine
Long Covid: rischio sovrastimato? Comunità scientifica divisa
Tracy Beth Høeg dell’Università della California, San Francisco, e il suo team di ricerca hanno affermato che c'è una buona probabilità che il Long Covid sia stato sovrastimato. Le conclusioni del loro lavoro hanno sollevato un polverone di polemiche all'interno della comunità scientifica
Long Covid: più vicini a un test del sangue per la diagnosi
I pazienti con Long Covid presentano chiare differenze nella funzione immunitaria e ormonale rispetto alle persone senza sindrome post-infezione. Questo significa che nel plasma potrebbero esserci molecole specifiche in grado di aiutarci a identificare coloro che hanno il Long Covid da chi no
Long Covid: il rischio aumenta quanto più a lungo dura l’infezione
Anche la durata dell'infezione è un importante fattore predittivo del Long Covid, responsabile della persistenza dei sintomi anche dopo settimane e mesi dalla fine della malattia. A dimostrarlo è uno studio italiano
di V.A.
Dai pappataci alle zecche, i consigli dei microbiologi per evitare rischi punture di insetto
Zanzare, zecche, pappataci possono trasmettere a noi e ad altri animali patogeni in grado di causare malattie fastidiose e potenzialmente gravi. L’Associazione microbiologi clinici italiani (Amcli) ricorda i rischi e le indicazioni per difendersi, a casa e in vacanza. Nel caso di viaggi all’estero, soprattutto verso destinazioni tropicali, la prima precauzione è quella di rivolgersi, […]
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...