Sanità internazionale 21 Giugno 2022 17:11

Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli

Nel Regno Unito c’è un acceso dibattito sull’opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l’inquinamento e per il risparmio economico

Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli

La riduzione delle visite mediche in presenza può essere importante per la salute dell’ambiente. Questo è uno degli insegnamenti della pandemia, evidenziato da Nick Watts, a capo del settore sostenibilità del Servizio sanitario nazionale britannico. Da qui la proposta di aumentare le televisite, idea che ha aperto un vivace dibattito in Gran Bretagna. Da quando è entrato in servizio un anno fa, il Segretario di Stato alla Salute Sajid Javid è entrato in guerra con i medici di base per la questione, minacciando di «segnalare» coloro che fanno troppi consulti su Zoom.

Visite a distanza hanno ridotto le emissioni di CO2

Il segretario alla Salute britannico afferma: «Voglio che tutti tornino a visitare di persona il proprio medico di famiglia». Gli attivisti hanno affermato che i consulti a distanza aumentano il rischio che i medici perdano segni di malattie gravi. Dicono anche che questo è particolarmente vero per alcuni pazienti vulnerabili, come quelli con demenza, che possono avere difficoltà a comunicare a distanza. In risposta, Nick Watts ha affermato che l’anno scorso il Servizio sanitario nazionale ha ridotto le emissioni di carbonio di 276 kilotonnellate principalmente perché i pazienti facevano meno viaggi in macchina.

Durante la pandemia 13 milioni di persone hanno smesso di andare dal medico

Si stima che, durante la pandemia, 13 milioni di persone in meno siano andate in ospedale o dal proprio medico di famiglia per condizioni diverse dal Covid. Parlamentari e associazioni di medici affermano che molti si stanno rivolgendo ai servizi di emergenza e di pronto intervento perché non possono vedere il proprio medico di famiglia, specialmente di persona.

Solo 6 visite su 10 vengono fatte faccia a faccia

Le ultime cifre mostrano che sei appuntamenti su 10 sono fatti faccia a faccia ora, rispetto a quasi gli otto su 10 in pre-pandemia. Al ritmo attuale, ci vorrebbe fino a settembre 2023 per tornare ai livelli pre-Covid. Watts ha aggiunto: «Sappiamo anche che dobbiamo fare un lavoro migliore per garantire l’accesso a tutti i pazienti che richiedono appuntamenti faccia a faccia. Sappiamo che alcuni pazienti lo vogliono, quindi probabilmente si tratta di una questione di scelta».

Consulti online possono far risparmiare anche le famiglie

Anche il capo del Royal College of Pediatrics and Child Health, Camilla Kingdon, interviene sul tema suggerendo che gli appuntamenti online potrebbero avvantaggiare molte famiglie povere che non possono permettersi di viaggiare. «Ad esempio, quando parliamo di consulenza a distanza – spiega – sappiamo che per una famiglia portare il proprio figlio in una struttura ambulatoriale costa in media 31 sterline. Quindi i consulti online sono un’alternativa a cui possiamo pensare, ma non è una soluzione per tutti i bambini».

I servizi sanitari contribuiscono al 5% dell’impronta di carbonio del Regno Unito

L’NHS è diventato il primo servizio sanitario al mondo a impegnarsi a raggiungere l’obiettivo «zero emissioni» lo scorso novembre. Oltre a promuovere i consulti a distanza, questo significherà utilizzare veicoli più ecologici e rendere gli ospedali più  efficienti dal punto di vista energetico. Si ritiene che i servizi sanitari contribuiscano a circa il 5% dell’impronta di carbonio del Regno Unito. Le sale operatorie rappresentano un quarto di tutte le emissioni ospedaliere. Nel Servizio sanitario britannico, ai pazienti vengono «prescritti» smartphone in modo che possano essere trattati «virtualmente». La rivoluzione è in atto ma non mette tutti d’accordo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Bonus psicologo: oltre 340mila richieste, ma i fondi ci sono solo per 1 su 10
Boom di richieste per il bonus psicologo, ma solo il 12 per cento riuscirà a ottenerlo. Le risorse disponibili sono infatti insufficienti
Ricoveri ospedalieri, gli standard assistenziali sono stati rispettati con la pandemia? Il confronto tra 2020 e 2019
In base a un'indagine di www.doveecomemicuro.it nel 2020 è calata, per molti indicatori, la percentuale di ospedali in linea con le soglie minime di volume di attività fissate dalle autorità ministeriali: una conseguenza del crollo dei ricoveri dovuto alla pandemia da Covid-19
Usa: nel 2021 suicidi in aumento dopo più di 2 anni di declino
Lo scorso anno, negli Stati Uniti, 47.646 persone sono morte per suicidio. Secondo un nuovo rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention americani, nel 2021 si è verificato un decesso per suicidio ogni 11 minuti. Questo, secondo gli esperti, potrebbe dipendere dalla pandemia
La pandemia ha cambiato le nostre personalità?
Una nuova ricerca suggerisce che siamo meno aperti, piacevoli e coscienziosi. Ma possiamo tornare a come eravamo prima?
di Stefano Piazza
Regina Elisabetta morta a 96 anni: «Esempio di longevità sana»
Ben 96 anni di vita attiva e 70 anni di regno: la Regina Elisabetta II lascia in eredità un esempio di longevità, lucidità e resilienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa