Sanità internazionale 21 Giugno 2022 17:11

Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli

Nel Regno Unito c’è un acceso dibattito sull’opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l’inquinamento e per il risparmio economico

Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli

La riduzione delle visite mediche in presenza può essere importante per la salute dell’ambiente. Questo è uno degli insegnamenti della pandemia, evidenziato da Nick Watts, a capo del settore sostenibilità del Servizio sanitario nazionale britannico. Da qui la proposta di aumentare le televisite, idea che ha aperto un vivace dibattito in Gran Bretagna. Da quando è entrato in servizio un anno fa, il Segretario di Stato alla Salute Sajid Javid è entrato in guerra con i medici di base per la questione, minacciando di «segnalare» coloro che fanno troppi consulti su Zoom.

Visite a distanza hanno ridotto le emissioni di CO2

Il segretario alla Salute britannico afferma: «Voglio che tutti tornino a visitare di persona il proprio medico di famiglia». Gli attivisti hanno affermato che i consulti a distanza aumentano il rischio che i medici perdano segni di malattie gravi. Dicono anche che questo è particolarmente vero per alcuni pazienti vulnerabili, come quelli con demenza, che possono avere difficoltà a comunicare a distanza. In risposta, Nick Watts ha affermato che l’anno scorso il Servizio sanitario nazionale ha ridotto le emissioni di carbonio di 276 kilotonnellate principalmente perché i pazienti facevano meno viaggi in macchina.

Durante la pandemia 13 milioni di persone hanno smesso di andare dal medico

Si stima che, durante la pandemia, 13 milioni di persone in meno siano andate in ospedale o dal proprio medico di famiglia per condizioni diverse dal Covid. Parlamentari e associazioni di medici affermano che molti si stanno rivolgendo ai servizi di emergenza e di pronto intervento perché non possono vedere il proprio medico di famiglia, specialmente di persona.

Solo 6 visite su 10 vengono fatte faccia a faccia

Le ultime cifre mostrano che sei appuntamenti su 10 sono fatti faccia a faccia ora, rispetto a quasi gli otto su 10 in pre-pandemia. Al ritmo attuale, ci vorrebbe fino a settembre 2023 per tornare ai livelli pre-Covid. Watts ha aggiunto: «Sappiamo anche che dobbiamo fare un lavoro migliore per garantire l’accesso a tutti i pazienti che richiedono appuntamenti faccia a faccia. Sappiamo che alcuni pazienti lo vogliono, quindi probabilmente si tratta di una questione di scelta».

Consulti online possono far risparmiare anche le famiglie

Anche il capo del Royal College of Pediatrics and Child Health, Camilla Kingdon, interviene sul tema suggerendo che gli appuntamenti online potrebbero avvantaggiare molte famiglie povere che non possono permettersi di viaggiare. «Ad esempio, quando parliamo di consulenza a distanza – spiega – sappiamo che per una famiglia portare il proprio figlio in una struttura ambulatoriale costa in media 31 sterline. Quindi i consulti online sono un’alternativa a cui possiamo pensare, ma non è una soluzione per tutti i bambini».

I servizi sanitari contribuiscono al 5% dell’impronta di carbonio del Regno Unito

L’NHS è diventato il primo servizio sanitario al mondo a impegnarsi a raggiungere l’obiettivo «zero emissioni» lo scorso novembre. Oltre a promuovere i consulti a distanza, questo significherà utilizzare veicoli più ecologici e rendere gli ospedali più  efficienti dal punto di vista energetico. Si ritiene che i servizi sanitari contribuiscano a circa il 5% dell’impronta di carbonio del Regno Unito. Le sale operatorie rappresentano un quarto di tutte le emissioni ospedaliere. Nel Servizio sanitario britannico, ai pazienti vengono «prescritti» smartphone in modo che possano essere trattati «virtualmente». La rivoluzione è in atto ma non mette tutti d’accordo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
Aviaria: nuova variante del virus più vicina all’uomo, timori per possibile pandemia
Un sottotipo del virus dell'influenza aviaria, endemico negli allevamenti di pollame in Cina, sta subendo cambiamenti mutazionali che potrebbero aumentare il rischio di trasmissione della malattia agli esseri umani. E' l'avvertimento lanciato da un gruppo di ricercatori cinesi e britannici in uno studio pubblicato sulla rivista Cell
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...