Lavoro 14 Novembre 2017

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione

«Risolvere l’annosa vicenda del mancato pagamento, totale o parziale, dei rimborsi ai medici ex specializzandi che hanno presentato ricorso e riferito agli anni che vanno dal 1978 al 2006». È quanto prevede un emendamento alla legge di Bilancio presentato dai senatori di Ap Piero Aiello e Laura Bianconi.

«Un intervento di buon senso – spiega il Senatore Aiello ai microfoni di Sanità Informazione – che consentirebbe alla Presidenza del Consiglio, che eroga i pagamenti, di risparmiare circa 2 miliardi di euro. Basti pensare che soltanto a settembre sono stati versati per il pagamento dei ricorsi vinti dagli ex specializzandi ben 62 milioni di euro».

EX SPECIALIZZANDI, AIELLO E BIANCONI (AP): «REMUNERAZIONE 11MILA EURO PER CORSO SPECIALIZZAZIONE, SAREBBE MISURA DI BUON SENSO»

Nello specifico l’emendamento prevede che «la Presidenza del Consiglio corrisponda, per tutta la durata del corso di specializzazione, a titolo forfettario, una remunerazione annua omnicomprensiva di importo pari a 11mila euro. In questo modo potremo chiudere una lunga vertenza ed un imponente contenzioso nei confronti dello Stato italiano, frutto del mancato adeguamento da parte del nostro Paese alle disposizioni comunitarie, per il quale la Corte di giustizia europea, con sentenza del 7 luglio 1987, condannò la Repubblica italiana al mancato rispetto degli obblighi incombenti in forza del Trattato CEE».

«Risulta inaccettabile che una norma così importante non abbia trovato risposta – spiega il Senatore -. Implicherebbe un risparmio abnorme per le Casse dello Stato, soprattutto per le Casse della Presidenza del Consiglio che è di fatto quella che esborsa». La soluzione transattiva proposta dal Senatore Aiello consentirebbe, infatti, al tempo stesso di restituire un diritto negato ai medici e un risparmio di risorse «che potrebbe tornare molto utile per sbloccare il turnover per i medici che allo stato attuale risulta bloccato – precisa Aiello -, magari dando più spazio ai finanziamenti per le scuole di specializzazione. Non dimentichiamo infatti che ci sono 10mila colleghi che si laureano e solo 6.500 posti disponibili per le scuole di specializzazione, queste sono risorse che potrebbero essere reinvestite per migliorare il Sistema Sanitario Nazionale, perché no?».

«Tra l’altro – prosegue Aiello – la Commissione Sanità ha già dato parere favorevole ad un accordo transattivo. Eppure tutto risulta impantanato in Settima Commissione (Istruzione) per fatti a noi sconosciuti. Non possiamo più aspettare, allora diventa inevitabile che la Legge di Bilancio dello Stato se ne occupi, proprio per le caratteristiche della questione. Dunque ho riproposto la soluzione a mia prima firma con l’appoggio della nostra capogruppo e di altri senatori, sperando che si sblocchi il prima possibile. Sicuramente in Commissione Bilancio ne discuteremo ed entro fine anno, entro il periodo necessario per approvare la Legge di Bilancio, speriamo di avere finalmente una risposta in termini precisi».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, LO STATO PAGA ANCORA. 62 MILIONI DI EURO DI RIMBORSI, MA LA PRESCRIZIONE È ALLE PORTE

Intanto proseguono a valanga le azioni legali da parte degli ex specializzandi. Se infatti la partita per i ’78-’91 per via della prescrizione sopravvenuta adesso si gioca in appello e cassazione, i ’93-‘2006 possono continuare a rivolgersi ai Tribunali di tutta Italia per vedersi riconosciuto quanto loro negato durante la specializzazione.  Infatti per i ‘93-‘2006, secondo un principio ribadito dalla Cassazione e confermato dalle pronunce di diversi Tribunali, la direttiva nei confronti di questi medici non è stata correttamente recepita e quindi, di fatto, la prescrizione non è mai iniziata a decorrere.

Ma quale sarà l’iter dell’emendamento? «Il provvedimento è stato proposto dal sottoscritto – conclude il Senatore Aiello – ed altri firmatari dalla Commissione Bilancio chiamata ad esaminare gli emendamenti, dopo di che si passa in aula in Senato e poi in aula alla Camera perché i due rami del Parlamento devono approvare la Legge di Stabilità. Come ogni anno del resto. Rimaniamo fiduciosi che per fine anno si sblocchi la situazione».

 

Articoli correlati
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Scuole specializzazione, Bonsignore (FNOMCeO): «No a deroghe su qualità formazione né a chiusure»
Una scuola su quattro rischierebbe l’accreditamento perché non rispetterebbe gli standard qualitativi previsti. Il coordinatore dell’Osservatorio giovani della FNOMCeO: «Le reti formative integrino università, ospedali e territorio». E sul numero chiuso: «Prova di accesso attuale non fa gran selezione. Dovrebbero essere valutate anche le motivazioni dei candidati»
Specializzazione, la ricetta di Fioramonti (Viceministro Miur): «Più fondi per fermare ‘imbuto formativo’»
Il numero due di Viale Trastevere parla a Sanità Informazione dei punti su cui verterà la riforma delle Scuole di Specializzazione: «Serve maggiore trasparenza e merito. L’Italia perde fino a 500mila euro per ogni medico che va all'estero. Deve diventare più attrattiva per chi è fuori, occorre maggiore mobilità». E aggiunge: «Rapporto tra azienda ospedaliera e università non è sempre efficiente come dovrebbe essere»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone