Cause 11 ottobre 2017

Ex specializzandi, lo Stato paga ancora. 62 milioni di euro di rimborsi, ma la prescrizione è alle porte

Fa “tappa” a Napoli il maxi rimborso di oltre 62 milioni di euro ai medici specialisti tra il 1978 ed il 2006. La violazione delle direttive Ue in materia (75/362/CEE, 75/363/CEE e 82/76/CEE) continua a produrre un conto salatissimo per lo Stato. L’ad Consulcesi, Andrea Tortorella: «Garantita tutela di respiro internazionale. Il diritto degli ex specializzandi è ormai riconosciuto da tutti i tribunali». In studio un emendamento alla legge di Stabilità per accelerare la soluzione transattiva già proposta dal Ddl 2400

Nuova ondata di risarcimenti per i camici bianchi tutelati da Consulcesi, da sempre in prima linea nella tutela dei professionisti sanitari: solo ai medici tutelati da Consulcesi sono stati, ad oggi, riconosciuti oltre 530 milioni di euro dai Tribunali di tutta Italia attraverso sentenze che arrivano con sempre maggiore rapidità e con un orientamento giurisprudenziale sempre più a senso unico. Nelle ultime settimane si è espressa in favore dei medici specialisti due volte la Corte d’Appello di Roma (sentenze n.6009/17 del 28 settembre e n.4898/17 del 19 luglio) e una volta quella di Messina (n.907/17 del 21 settembre) per un valore complessivo superiore ai 20 milioni di euro.

Oggi a Napoli vengono complessivamente rimborsati con oltre 3 milioni e 500 mila euro 102 medici campani, così suddivisi: 4 di Avellino (140 mila euro) 7 di Benevento, (245 mila euro) 16 di Caserta (560 mila euro) 55 di Napoli (1.925.000 euro) e 20 di Salerno (700 mila euro). L’evento è stato approfondito da VARIE TESTATE che hanno trattato l’argomento, tra cui salernonotizie.it, dottnet.it e irpinianews.it. Per tutti loro si chiude positivamente una vertenza in cui il momento del rimborso assume un forte valore simbolico: gli ex specializzandi, ricordando le fatiche associate al periodo di studio e lavoro dell’epoca, possono vivere un autentico momento di rivalsa rispetto alle ingiustizie subite. «Il riconoscimento del diritto per tanti colleghi, penalizzati negli anni della Specializzazione, continua ad assumere un rilevante significato – commenta soddisfatto il Presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli, Silvestro Scotti -. In questo senso è stata importante l’azione istituzionale di Consulcesi anche per fare chiarezza sulle normative europee e la loro mancata applicazione in Italia. Questo induce a ragionare su una soluzione normativa a garanzia dei medici e in grado di evitare ulteriori gravosi esborsi di denaro pubblico da investire, invece, nel Ssn: per la sicurezza delle cure e per potenziare organici in sofferenza».

La soluzione resta quella rappresentata dal Ddl 2400, la proposta di un accordo transattivo che potrebbe consentire allo Stato di risparmiare almeno la metà dei 5 miliardi di euro che rischia di dover pagare e, nello stesso tempo, permetterebbe ai medici di ottenere l’immediato riconoscimento del proprio diritto. Su questo punto hanno battuto i Senatori Luigi D’Ambrosio Lettieri e Guido Viceconte, entrambi firmatari del provvedimento, in occasione della conferenza stampa organizzata nei giorni scorsi a Roma da Consulcesi. Nella nota previsionale di bilancio 2017 la Presidenza del Consiglio, con 140 milioni per affrontare i contenziosi, ha dovuto accantonare 80 milioni annui per tre anni per questa questione. E forse non basteranno. Per questo si sta lavorando su una proposta di emendamento alla prossima Legge di Stabilità per giungere finalmente ad una soluzione transattiva tra lo Stato e i medici specialisti, che preveda le coperture economiche necessarie senza gravare sugli altri capitoli della sanità.

Andrea Tortorella, Amministratore Delegato di Consulcesi, suggerisce di muoversi in tempo per non perdere il diritto al rimborso, messo a rischio dai ravvicinati termini prescrittivi: «Grazie al nostro network legale – afferma l’ad– tuteliamo i camici bianchi attraverso una visione internazionale e prospettica delle problematiche legate alla loro professione. Da molto tempo richiamiamo l’attenzione delle istituzioni al fine di una soluzione politica della vicenda degli ex specializzandi, che sembrava potesse essere proprio quella proposta attraverso il Ddl 2400. Purtroppo, da questo fronte non arrivano buone notizie e il diritto di migliaia di medici specialisti è messo a rischio dall’imminente scadenza dei termini prescrittivi. Sebbene i nostri legali –chiarisce ancora Tortorella – ritengano che in assenza di una norma attuativa, secondo i principi stabiliti dalla Cassazione, i termini di prescrizione non inizino a decorrere, invitiamo i medici specialisti a tutelarsi per far valere il diritto al rimborso, già riconosciuto a migliaia di medici. Per farlo è possibile seguire due strade: avviare l’azione legale o produrre un atto interruttivo, ovvero una diffida, nei confronti della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri competenti. A disposizione mille consulenti che rispondono al numero verde 800.122.777 e direttamente sul sito internet www.consulcesi.it».

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE IL SANNIO

Articoli correlati
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Medici nel mirino delle denunce: accusati di errori chirurgici, diagnosi sbagliate e terapie scorrette
Al fianco dei medici scende in campo la task force legale di Consulcesi & Partners, che dopo l'evento al Ministero della Salute ha ricevuto migliaia di segnalazioni: al primo posto ci sono gli errori chirurgici (37,9% dei casi), seguono le diagnosi sbagliate (15,5%) e le terapie scorrette (10,2%)
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Cittadinanzattiva: «Bene “Arbitrato della salute” ma lavorare su prevenzione rischi e corretta comunicazione»
Così si è espressa l'organizzazione in merito alla proposta di Consulcesi volta a trovare una soluzione alle troppe controversie in ambito sanitario. La vicesegretaria Moccia: «Necessario lavorare per ridurre la conflittualità»
Contenziosi sanitari, incontro al Ministero della Salute: «Dialogo e formazione la ricetta delle istituzioni»
Evento Consulcesi al Ministero della Salute con FNOMCeO, Fnopi, Agenas, Cittadinanzattiva e molte altre istituzioni della sanità: «Un Arbitrato della Salute per ridurre il contenzioso tra sanitari e cittadini. Medico in regola con formazione riduce del 40% il rischio di contenziosi». Anelli (presidente FNOMCeO): «Noi medici ci dobbiamo impegnare sulla qualità. La formazione universitaria ed ECM è una garanzia per noi e per i pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...