Ex-Specializzandi 16 Giugno 2022 19:01

Sbrollini (Italia Viva): «Chiederei scusa agli ex specializzandi per i ritardi. Ora tocca ai tribunali»

Subito dopo il question time in Senato, abbiamo incontrato la senatrice Daniela Sbrollini di Italia Viva, che ha posto alla ministra Maria Cristina Messa il quesito sull’ingiustizia subita dai medici specializzandi dall’83 al 91

Subito dopo il question time in Senato, abbiamo incontrato la senatrice Daniela Sbrollini di Italia Viva, che ha posto alla ministra Maria Cristina Messa il quesito sull’ingiustizia subita dai medici specializzandi dall’83 al ’91. La ministra ha risposto rimarcando grande disponibilità a sanare a breve la disparità che ancora dopo anni questi medici subiscono.

Senatrice sulla questione degli ex specializzandi ha appena incassato un importante impegno da parte del governo. Abbiamo sentito la risposta al suo question time da parte della ministra Messa che apre le porte a dare giustizia a centinaia di migliaia di medici che la aspettano.

«La ministra ha finalmente messo in evidenza come il ministero si farà carico di questa disparità di trattamento che c’è stata negli anni. Parliamo di migliaia di medici specializzandi che non hanno avuto quel riconoscimento, quindi un diritto a una remunerazione dovuta proprio negli anni dall’83 al 91. Sicuramente la Corte di Giustizia ci dà in questo caso un aiuto importante perché lo Stato italiano non può fare a meno di prendere in considerazione anche quest’ultima sentenza e quindi di conseguenza mettere fine ad una disparità di trattamento economico che queste persone che abbiamo vinto in questi due anni di Covid quanto sia importante lavorare sulla formazione di un ruolo così delicato e importante per il sistema paese. Non finiremo mai di ringraziare il personale sanitario, nello specifico quelli che si stanno specializzando o si sono specializzando in un campo così importante per il benessere dei cittadini italiani».

Consulcesi Club: le migliori soluzioni per i professionisti sanitari

Formazione online con oltre 250 corsi ECM, assistenza legale in ambito civile, penale, lavorativo; servizi assicurativi; aggiornamento medico-scientifico; convenzioni esclusive. Attiva la prova gratuita di 30 giorni e inizia subito a usufruire dei vantaggi.

Scopri di più

La recente pronuncia della Corte di Giustizia europea ma anche della Commissione europea è stata molto chiara anche sui temi della prescrizione e della rivalutazione monetaria. Anche su questa mi sembra che ci sia un chiaro segnale da parte della ministra Messa, che pur parlando delle difficoltà di trovare le risorse, ha detto che è un diritto che i medici meritano e quindi riceveranno.

«Noi di Italia Viva vigileremo affinché questa valutazione sia fatta correttamente, io penso che in un momento difficile come quello che stiamo vivendo bisogna quanto meno difendere i diritti giusti e riconoscerli fino in fondo. Questo è un tema che per noi è prioritario e aiuteremo tutti anche come gruppi parlamentari a trovare le risorse necessarie».

La politica si è mossa sotto spinta dell’Europa ora dovranno fare la loro mossa i tribunali..

«Non c’è dubbio, ci auguriamo che anche da questo punto di vista ci sia una risposta immediata perché la politica ha fatto la sua parte. Ci sono stati ben 8 anni di ritardi e quindi dobbiamo dare ora una risposta adeguata che non può essere più rimandata nel modo più assoluto. La politica ha fatto il primo risultato e ora anche i tribunali devono lavorare di conseguenza».

Se lei ora avesse di fronte i medici che aspettano giustizia, cosa direbbe?

«Chiederei scusa per i ritardi perché mi sembra doveroso farlo verso persone competenti che hanno dei diritti. E poi direi loro che non sono soli, che è una battaglia che ci siamo presi a cuore e continueremo a sostenerli finché l’ingiustizia non verrà rimossa completamente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ex specializzandi. La ministra Messa: «Ci impegneremo a porre rimedio con ogni utile iniziativa»
Durante il question time in Senato, di fronte alla domanda della senatrice Sbrollini, la ministra Messa ha confermato di essere a conoscenza della recente sentenza della Corte di giustizia europea e rimarcato l'intenzione di porre fine all'ingiustizia
Ex specializzandi, Pagano: «Interessi e rivalutazione monetaria, il Parlamento ne tenga conto»
Il Senatore: «È opportuno che la politica e le istituzioni si facciano carico di un’esigenza e facciano capire che l’Italia rispetto a questo provvedimento non sia un paese di serie B, visto che siamo uno dei paesi fondatori dell’UE»
Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio
Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ricorrenti»
Rimborsi ex specializzandi, cosa succede dopo la storica sentenza della Corte Ue. L’analisi dell’avvocato Tortorella
Il legale che cura i ricorsi per conto di Consulcesi: «Accolte tesi che abbiamo sempre sostenuto, i Tribunali italiani dovranno adeguarsi». E sulla rivalutazione interessi nuovi scenari per chi si era iscritto alla specializzazione in Medicina dopo il 1993
La ‘rivincita’ degli specializzandi, altri rimborsi per 1,2 milioni di euro a 70 medici
Ribaltata in corte d’appello sentenza negativa, e si continua a vincere in primo grado. Massimo Tortorella, Consulcesi: «Abbiamo già ottenuto quasi 600 milioni di euro in risarcimenti e molte cause in corso promettono esito favorevole»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali