Cause 13 Maggio 2022 15:13

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ricorrenti»

Importanti novità per i medici ex specializzandi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea. La Cassazione potrebbe infatti rivedere le sue posizioni contrarie alle richieste sia dei camici bianchi che non avevano percepito alcuna remunerazione, in quanto iscritti prima del 1991, sia di chi si è iscritto alla specializzazione dopo il 1993 e ha percepito una borsa di studio ma agisce per ottenere un adeguamento economico della stessa. In particolare, la Corte di Cassazione, con due ordinanze interlocutorie, ha rimesso due giudizi su ruolo perché venga discussa in pubblica udienza non solo la possibilità di rivedere la vecchia giurisprudenza negativa sulla prescrizione, e quindi valutare se spostarla in avanti, ma anche di valutare l’impatto che la presa di posizione della Commissione europea, la quale ha stabilito che alcune norme che negano l’adeguamento della borsa di studio si pongono in contrasto con le norme del trattato, può avere in ordine a tali questioni. Per capire meglio cosa è successo e cosa cambia per i medici ex specializzandi, abbiamo parlato con l’avvocato Marco Tortorella che cura i ricorsi per conto di Consulcesi.

Avvocato, dopo la sentenza della Corte di Giustizia europea del 3 marzo 2022 ci sono stati sviluppi nelle cause dei medici specializzandi?

«La sentenza ha rappresentato, innanzitutto, un punto fermo per quanto riguarda gli iscritti prima del 1982: la Corte di Giustizia europea ha infatti confermato che anche i medici iscritti di prima dell’82 hanno diritto all’adeguata remunerazione e quindi al risarcimento del danno, ovviamente a partire dalle frequenze dal primo gennaio ’83. È stata dunque confermata la tesi che noi avevamo sempre sostenuto e che aveva visto per tre anni la terza sessione della Cassazione pronunciarsi negativamente nei confronti dei medici. Ora invece la Cassazione dovrà adeguarsi alla sentenza favorevole della Corte di Giustizia europea. È importante però, all’interno di questo procedimento, la presa di posizione della Commissione Europea, la quale ha affermato anche che la legge 370 del ‘99 si pone in contrasto con le norme del trattato. Questo è importante perché il motivo del contrasto è che questa legge non prevede il riconoscimento della rivalutazione degli interessi. E in un giudizio che abbiamo in corso davanti alla Cassazione per i medici che chiedevano l’adeguamento della borsa percepita in quanto iscritti dal ‘93 in poi, la Corte, invece di decidere in camera di consiglio sulla base di una giurisprudenza che si stava consolidando, ha stabilito che questa presa di posizione della Commissione può avere una rilevanza nel giudizio in corso. Per questo ha rimesso la causa su ruolo perché venga decisa in pubblica udienza affinché si faccia una discussione per valutare l’impatto che questa presa di posizione può avere nei giudizi in corso. Ciò attesta quantomeno una possibilità di revisione della giurisprudenza precedente, che non era stata favorevole ai ricorrenti».

La Commissione ha valutato anche la questione della prescrizione?

«La commissione non ha preso posizione sulla prescrizione, così come la Corte di Giustizia europea. Ma il fatto che abbia valutato la legge 370 del ‘99 contraria alle norme del trattato può avere un rilievo anche in relazione al decorso della prescrizione. Questo perché la giurisprudenza finora ha fatto decorrere il termine proprio dall’entrata in vigore di quella legge. Noi da tempo sosteniamo che non è quello l’inizio di decorrenza della prescrizione, la quale invece va spostata in avanti. Questa presa di posizione può assumere un rilievo proprio perché, essendo questa legge contraria alle norme del trattato, a nostro avviso non può essere considerata la data di inizio del decorso della prescrizione. Noi insistiamo e sosteniamo che anche sulla materia della prescrizione, così come nell’ambito della adeguata remunerazione, la questione andrebbe rimessa alla sede naturale che è la Corte di Giustizia europea, trattandosi di violazioni di norme comunitarie. Per altro, a marzo, la sesta sessione della Cassazione, in un giudizio che riguarda i medici inscritti prima del ‘91 e proprio sulla questione della prescrizione, ha rimesso la causa sul ruolo perché venga decisa in pubblica udienza, andando un po’ contro quello che era l’orientamento che si stava sviluppando negli ultimi tempi. La sesta sessione ha evidenziato come le argomentazioni che erano state poste dai medici a sostegno della tesi della non decorrenza della prescrizione, dovrebbero essere riviste e la vecchia giurisprudenza, che invece non era stata favorevole ai medici, merita una riconsiderazione anche alla luce di queste novità».

Perché il parere della commissione e la pronuncia della Corte di Giustizia europea sono così importanti per la questione dei medici specializzandi?

«Sono importanti perché riconducono, a nostro avviso, la questione nella loro sede naturale che è quella europea. Qui si tratta di una violazione delle norme comunitarie e noi stiamo insistendo perché le questioni principali, come la prescrizione e l’adeguata remunerazione, vengano sottoposte al vaglio della Corte di Giustizia europea».

Questo significa che è ancora possibile ribaltare decisioni non favorevoli?

«Si sta evidenziando quanto meno una riconsiderazione della vecchia giurisprudenza, alla luce di queste novità, da parte della Cassazione, e che speriamo porti a un cambiamento di orientamento. Noi insisteremo per ottenere questo e perché la questione venga rimessa alla Corte di Giustizia europea».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Mese della prevenzione del tumore al seno. Petrella (Consulcesi): «Troppa disparità tra Nord e Sud»
L’oncologo e docente Consulcesi: «Necessario potenziare prevenzione e diagnosi precoce»
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa