Diritto 30 Gennaio 2019

Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»

«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense

Immagine articolo

«Un tiro al piccione», così Elisabetta Rampelli, presidente nazionale UIF – Unione Italiana Forense, definisce l’atteggiamento vessatorio a cui, spesso, vengono sottoposti i liberi professionisti e soprattutto la categoria dei medici. «Esercitare una professione con la spada di Damocle di qualcuno che è pronto a cogliere qualunque tipo di sbavatura tu possa compiere, non ti dà libertà di azione e provoca una perdita di fiducia nella professione che si è scelto di praticare». Così commenta a Sanità Informazione la presidente Rampelli in occasione del convegno ‘Avvocati e medici. I profili delle responsabilità e le strategie difensive’ organizzato presso la Corte d’Appello di Roma con OMCeO Roma e la partnership media della nostra testata.

La medicina difensiva è la risposta «ad una corsa al risarcimento sempre più forsennata» spiega la dottoressa che sottolinea quanto, negli ultimi anni, la posizione dei professionisti sanitari sia diventata difficoltosa «praticamente si lavora nella paura costante, è come camminare sulle uova», aggiunge Rampelli.

«C’è stato un periodo in cui i medici sono stati veramente oggetto di processi a iosa, una vera e propria ‘persecuzione’ nei loro confronti, senza tener conto del contesto in cui questi professionisti operano – prosegue -. Non dimentichiamo che gli ospedali sono sotto organico, che i turni di lavoro sono massacranti, che nonostante le sentenze europee, ai medici vengono imposti turni di lavoro che non tengono conto dei parametri stabiliti dalle direttive europee».

«Noi come associazione abbiamo sempre contrastato questo ‘accanimento’ che oltretutto lascia delle cicatrici importanti sia personali che professionali. Io credo – continua la Rampelli -, che sarebbe stato sufficiente che in passato qualche sentenza del Tribunale avesse rimesso in ordine quelli che sono i confini dell’attività professionale, per evitare oltre il danno al professionista, anche il grosso danno per lo Stato che questa medicina cosiddetta ‘difensiva’ provoca».

«Non dico che il medico non faccia errori – tiene a specificare la presidente -, lo stesso discorso vale per gli avvocati: è evidente che ci siano degli avvocati non preparati che sbagliano, questo nessuno lo mette in dubbio, ma è anche evidente che non si può stabilire a monte il risultato di un processo o di una controversia, perché non dipende solo dall’avvocato. Così come non si può decidere di non pagare un avvocato se non consegue un risultato, l’attività professionale è molto più complessa di come la si vuole far apparire. La stessa cosa vale per la professione medica».

LEGGI ANCHE: TRIBUNALE DELLA SALUTE, PIERPAOLO SILERI (M5S): «PAZIENTI E MEDICI SONO DALLA STESSA PARTE. UN LUOGO DI DIALOGO AIUTEREBBE A EVITARE DENUNCE»

Dunque «dovrebbe cambiare il sistema», fa notare la presidente UIF – Unione Italiana Forense che auspica un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a destreggiarsi in caso di necessità: «Quando c’è evidenza del danno – aggiunge -, teoricamente le aziende sanitarie potrebbero essere portate a concludere con un accordo, ma spesso non lo fanno perché i funzionari demandati a concludere la transazione, assumono in proprio una responsabilità risarcitoria che deve passare il vaglio della Corte dei Conti. La paura di essere citati per danno erariale dal procuratore della Corte dei Conti, innesca un meccanismo perverso rispetto al quale è molto difficile venirne fuori anche quando si riuscisse a dimostrare legittimità del proprio operato. Si tratta di un habitat mentale che va trasformato».

«Ritengo che, almeno in questo senso, la legge Gelli abbia posto dei freni. Infatti se non altro si sono limitate le ipotesi in cui automaticamente si finiva sotto processo. Ma in ogni caso è necessario rivedere la normativa per bloccare l’esborso costante dello Stato per i risarcimenti e per la medicina preventiva. Soprattutto – conclude -, è il momento di tutelare i professionisti per impedire che si disinnamorino del loro lavoro che è una professione non solo costituzionalmente prevista, ma da svolgere con passione e dedizione e non sotto costante minaccia».

Articoli correlati
Cisl medici Lazio, Cifaldi: «Bene il coinvolgimento dei sindacati nel Piano sanitario della Regione Lazio»
«Apprendiamo con soddisfazione la pubblicazione del DCA n. 81 del Commissario ad Acta avente ad oggetto il Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio Sanitario Regionale 2019-2021». Lo rende noto Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio in un comunicato. Piano Sanitario Regione Lazio «Nel riservarci un doveroso approfondimento tecnico è innegabile che […]
“Io medico giuro”: al via la nuova campagna di FNOMCeO in omaggio ai medici impegnati contro il Covid-19
«Ci hanno chiamati angeli, ci hanno chiamati eroi. La parola che meglio e pienamente ci definisce è ‘medici’ – spiega Filippo Anelli - perché il medico giura di tener fede ai valori che informano la professione e non viene mai meno a questo giuramento, nelle emergenze come nella quotidianità, anche a costo della propria vita»
Giovani medici in piazza con FNOMCeO. Cosa sta succedendo con i 13mila posti di Medicina e “l’imbuto formativo”
1500 posti in più e il rischio di allargare il bacino dei laureati precari. In piazza Giovani Medici con FNOMCeO e Anaao: «Chiediamo al Ministro contratti in rapporto 1:1 con le lauree, come in altri Paesi europei». Consulcesi: «Si tenga conto anche della meritocrazia. Ogni anno 18mila ricorsi per irregolarità ai test»
Report Inail: 72,2% dei contagi sul lavoro nel settore sanitario e primato nei decessi. Gli infermieri i più colpiti
Otto denunce su 10 vengono dal nord Italia. I casi totali sono poco meno di 50 mila, duemila in più rispetto al report del 31 maggio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli